Normativa barriere architettoniche: prassi UNI per eliminazione barriere architettoniche

Pubblicata la nuova normativa barriere architettoniche. Uni detta le regole per l'eliminazione delle barriere architettoniche.

Riuso Urbano

Valuta questo articolo

Normativa barriere architettoniche: prassi UNI per eliminazione barriere architettoniche Totale 5.00 / 5 4 Voti

La prassi UNI per eliminazione barriere architettoniche è pubblica. É stata infatti pubblicata la recente normativa barriere architettoniche che stando ai dettami dell’UNI dovrebbe regolare nei prossimi anni la disciplina dell’abbattimento delle barriere architettoniche.
Quello pubblicato dall’UNI è il primo documento che delinea le linee guida per la progettazione del costruito in ottica di universal design. A Roma la prima case history: EATALY adotta la nuova normativa barriere architettoniche e accoglie la proposta di due istituti tecnici Costruzioni Ambiente e Territorio (ex Geometri) della Capitale per la ri-progettazione dell’area circostante lo store, nel quartiere Ostiense.

All’incontro di presentazione erano presenti il Presidente di FIABA Onlus Giuseppe Trieste, il Presidente del Consiglio Nazionale Geometri Maurizio Savoncelli, promotori, e il Presidente di UNI Piero Torretta, l’ente italiano di Normazione, partner tecnico.

Una folta rappresentanza istituzionale ha partecipato al programma della presentazione ufficiale della Prassi di Riferimento UNI/PdR 24:2016eliminazione barriere architettoniche – Linee guida per la ri-progettazione del costruito in ottica universal design”. Un vero e proprio punto di riferimento in materia di normativa barriere architettoniche.

Una nuova normativa barriere architettoniche UNI” sottolinea Giuseppe Trieste, Presidente Fiaba Onlus “che ha il grande pregio di vedere l’accessibilità in funzione della diversità umana. Ogni essere umano, piccolo grande o anziano che sia, necessita di avere una qualità percepita adeguata a godere dei beni del nostro patrimonio e dei servizi pubblici. Questa prassi – fa notare – porterà finalmente i progettisti a pensare che l’accessibilità sia un diritto”.

All’appuntamento, che si è tenuto nella Sala Polifunzionale della Presidenza del Consiglio di Roma, sono intervenuti per apprezzare l’importanza del risultato e commentare le prospettive future: Riccardo Nencini – Vice Ministro, Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, Cosimo Maria Ferri- Sottosegretario, Ministero di Grazia e Giustizia, Ilaria Borletti Buitoni- Sottosegretario, Ministero dei beni e delle attivita’ culturali e del turismo, Paola Iandolo, Dirigente del MIUR, direzione ‘Misure di attuazione degli interventi di edilizia scolastica’,Alessandro Cattaneo- Presidente Fondazione Patrimonio Comune – ANCI.
Finalmente un documento tecnico nazionale detta le linee guida per l’eliminazione barriere architettoniche. L’iniziativa è nata a seguito dell’esperienza del Concorso Nazionale “I Futuri Geometri Progettano l’Accessibilità”, ideato e fortemente voluto da CNGeGL, in collaborazione con FIABA Onlus, e grazie all’esperienza che gli studenti degli Istituti CAT (Costruzioni Ambiente e Territorio) conducono da 5 anni cimentandosi nella stesura di progetti per eliminazione barriere architettoniche. I dossier vengono poi sottoposti alle relative pubbliche amministrazioni locali. Finora hanno aderito 190 istituti scolastici del nostro Paese, sono stati elaborati dai ragazzi 108 progetti, di cui 6 in via di realizzazione da parte delle autorità cittadine. Ultimo, solo in ordine cronologico, il piano ambizioso degli studenti IT CAT di Grosseto che, in collaborazione con il Collegio dei Geometri di Grosseto, ha avviato un percorso di verifica e adeguamento all’accessibilità delle boutique del centro storico cittadino.
In vista dell’edizione 2016/2017 del Concorso, e in base a questa importante novità, EATALY ha adotta la nuova prassi e ha accolto la proposta di riprogettazione della viabilità dell’area che circonda lo store capitolino, sito nel quartiere Ostiense, a cura degli studenti di 2 Istituti Tecnici Costruzioni Ambiente e Territorio (ex Geometri) della Capitale. Si tratta dell’IIS Leon Battista Alberti e dell’ITI Alessandro Volta.

“Si tratta” sostiene Maurizio Savoncelli, Presidente del Consiglio Nazionale Geometri e Geometri Laureati “di un’iniziativa che nasce da una forte sinergia, avviata con FIABA da 5 anni, per la sensibilizzazione dei futuri geometri sulla progettazione in un’ottica di universal design, allo scopo di favorire l’inclusione sociale e migliorare la qualità della vita. E’ inoltre uno strumento oggi a disposizione dei tecnici professionisti che si vorranno occupare del tema del prossimo futuro: la rigenerazione del territorio e la conseguente riconversione delle strutture, anche nell’ottica dell’abbattimento delle barriere architettoniche”.

Corsi Crediti Geometri
Mauro Melis

Giornalista, Fotoreporter, Copywriter, Blogger, Web Writer, Addetto Stampa per giornali, riviste, enti pubblici e blog aziendali. Provo a descrivere il loro mondo e le loro storie, le loro passioni e le loro idee.
“Tutto quello che ho per difendermi è l’alfabeto; è quanto mi hanno dato al posto di un fucile” P.R.