Differenza tra SCIA e CILA: cosa sono e quando servono

Corso di formazione per Cappotti Termici interni o esterni

Valuta questo articolo

Sei il primo. Vota Ora!!!

CILA, SCIA e permesso di costruire

Le principali pratiche edilizie che vengono utilizzate da geometri, ingegneri e architetti sono:

  • CILA – Comunicazione Inizio Lavori Asseverata: si usa per interventi di manutenzione ordinaria e, in generale, quando si interviene su tramezzi e parti non strutturali dell’edificio
  • SCIA – Segnalazione Certificata di Inizio Attività: è necessaria quando si interviene sulle parti strutturali
  • permesso di costruire: è necessario per costruire un nuovo edificio o per lavori di ristrutturazione che portano a un grande cambiamento.

Differenza tra SCIA e CILA

Come anticipavamo la CILA si usa quando si fanno interventi su parti non strutturali di un immobile:

  • rifacimento di fognature esistenti con modifiche del percorso o nuovi allacciamenti
  • opere interne come spostamento di tramezzi o divisori non portanti, controsoffitti in cartongesso… 
  • il frazionamento o accorpamento di unità immobiliari, l’importante è che non venga modificata la volumetria degli edifici e venga mantenuta la destinazione d’uso.

Per rendere evidente la differenza tra SCIA e CILA ecco i casi previsti dal Decreto “SCIA 2” in cui bisogna presentare la SCIA:

  • manutenzione straordinaria
  • interventi di ristrutturazione edilizia, restauro e di risanamento conservativo
  • varianti a permessi di costruire che non modificano parametri urbanistici e volumetrie, destinazione d’uso, categoria edilizia e che non alterano la sagoma degli edifici vincolati; e varianti che non costituiscono una variazione essenziale.

Quali sono le opere realizzabili in edilizia libera?

Ecco alcuni degli interventi, detti di “edilizia libera” perché non necessitano di alcuna pratica edilizia come da DPR n° 380/2001

  • opere di pavimentazione e finitura di spazi esterni
  • installazione di pannelli solari e con celle fotovoltaiche, fuori dal centro storico
  • gli interventi di manutenzione ordinaria
  • gli interventi di installazione delle pompe di calore aria-aria di potenza termica utile nominale inferiore a 12 Kw
  • eliminazione di barriere architettoniche escluse le opere che modificano la facciata esterna come gli ascensori esterni
  • attività di ricerca nel sottosuolo 
  • i movimenti di terra.

È possibile consultare il glossario delle opere di edilizia libera entrato in vigore con il DM 2 marzo 2018 per essere informati su buona parte delle opere di edilizia libera. Nel glossario le opere sono classificate per:

  • regime giuridico
  • categoria d’intervento
  • opere principali
  • elementi principali per rendere semplice la lettura anche ai cittadini.

Perché i geometri siano sempre informati sulle novità dell’edilizia che li riguardano è importante che seguano corsi di aggiornamento professionale, utili anche per l’acquisizione dei crediti formativi geometri. Lo stesso vale per ingegneri e architetti che vogliano mantenere l’iscrizione presso il relativo Ordine.

Tutti I Corsi

Il Blog di Unione Professionisti è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata al mondo del lavoro e delle libere professioni. Con i professionisti ci rapportiamo e confrontiamo ogni giorno per fornire un'informazione dettagliata a 360 gradi. Il nostro staff di collaboratori è composto da giornalisti, professionisti, esperti in formazione professionale, grafici, esponenti del mondo imprenditoriale e non solo. Oltre alle classiche news, alle guide tecniche, agli approfondimenti tematici, alle segnalazioni di opportunità lavorative, offriamo anche un utile servizio di documenti in pdf (normative, fac-simile, modulistica … ) liberamente scaricabili e riutilizzabili.

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Non ci sono ancora commenti, ma puoi essere il primo a commentare questo articolo.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi contrassegnati con * sono obbligatori*

p class="comment-form-comment">