Pratiche edilizie e permesso di costruire: le tempistiche

Corso Superbonus 110%: dalla normativa alla pratica

Valuta questo articolo

Pratiche edilizie e permesso di costruire: le tempistiche Totale 5.00 / 5 3 Voti

A seconda dell’intervento edilizio che si vuole fare cambiano la pratiche edilizie e il permesso di costruire che bisogna presentare in Comune e cambiano anche le tempistiche per l’elaborazione e quelli per il rilascio delle autorizzazioni Comunali, e quindi anche i tempi di inizio dell’intervento.

Vediamo le tempistiche necessarie per le principali pratiche edilizie:

Pratica CILA: tempi di rilascio

La CILA è una pratica edilizia che si può usare per avviare i lavori per ristrutturare un immobile. Non ha bisogno di approvazione, si considera approvata dopo il suo deposito in Comune.

Dunque, non ci sono dei tempi di rilascio ma bisogna considerare i tempi necessari per l’elaborazione della pratica e dei disegni da parte del professionista. Per l’elaborazione della pratica è necessario fare una verifica di conformità, ovvero controllare che lo stato di fatto dell’immobile corrisponda con lo stato legittimo, quello che emerge dai documenti depositati in Comune.

Alcuni Comuni impiegano molto tempo per la visione e il rilascio di questi documenti che raccontano la storia dell’edificio.

Questo tipo di pratica edilizia non ha una scadenza e se fosse necessario fare una modifica bisognerà presentare una nuova CILA, anziché una variante della pratica già presentata.

Tempi pratica SCIA

Anche nel caso della pratica edilizia di SCIA, prima di presentare la pratica in Comune è necessario visionare i documenti dell’edificio depositati in Comune per verificare che ci sia la conformità urbanistica e catastale

Questa verifica permette di trovare eventuali abusi edilizi che andranno risolti prima di procedere con l’intervento desiderato. In tal caso sarà necessario fare una SCIA in sanatoria.

Potrebbe emergere anche la presenza di vincoli storico-paesaggistici che farebbero allungare i tempi di inizio dell’intervento perché bisognerebbe chiedere l’autorizzazione alla Soprintendenza dei Beni Culturali.

A differenza della CILA, dopo il deposito della SCIA in Comune possono partire i lavori. Ciò nonostante il Comune ha 60 giorni di tempo per controllare che ciò che è stato dichiarato è vero e corretto.

Un’altra differenza tra SCIA e CILA è la durata. La SCIA ha una durata di 3 anni da quando viene depositata, ciò che significa che l’intervento deve essere terminato entro 3 anni. Se non si riuscirà a terminare i lavori entro quella scadenza sarà necessario presentare una nuova pratica edilizia prima che scadano i 3 anni.

Tempi permesso di costruire

Il permesso di costruire ha regole e tempistiche diverse sia dalla CILA sia dalla SCIA. Entro un massimo di 10 giorni dalla presentazione il Comune nomina il cosiddetto “responsabile del procedimento” che ha 60 giorni per valutare la pratica e può chiedere eventuali modifiche e/o integrazioni (entro 30 giorni dalla presentazione).

Nei 30 giorni successivi ai 60 necessari per valutare la pratica (40 giorni in caso di parere negativo) si conclude la procedura. Possono servire anche 180 giorni per avere un parere sul permesso di costruire se:

  • il progetto è molto complesso
  • il Comune è grande (oltre 100.000 abitanti).

L’approvazione si ottiene tramite un silenzio-assenso se non ci sono vincoli storico-paesaggistici. Se ci fossero vincoli il silenzio equivarrebbe a un rifiuto.

Dunque, le tempistiche per pratiche edilizie e permesso di costruire sono molto diverse e bisogna conoscerle tutte per pianificare bene gli interventi edilizi.

Corsi Academy

Il Blog di Unione Professionisti è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata al mondo del lavoro e delle libere professioni. Con i professionisti ci rapportiamo e confrontiamo ogni giorno per fornire un'informazione dettagliata a 360 gradi. Il nostro staff di collaboratori è composto da giornalisti, professionisti, esperti in formazione professionale, grafici, esponenti del mondo imprenditoriale e non solo. Oltre alle classiche news, alle guide tecniche, agli approfondimenti tematici, alle segnalazioni di opportunità lavorative, offriamo anche un utile servizio di documenti in pdf (normative, fac-simile, modulistica … ) liberamente scaricabili e riutilizzabili.

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Non ci sono ancora commenti, ma puoi essere il primo a commentare questo articolo.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi contrassegnati con * sono obbligatori*

p class="comment-form-comment">