Attestato Prestazione Energetica: chi può redigere l’APE?

Corso Due Diligence

Valuta questo articolo

Sei il primo. Vota Ora!!!

Cos’è la certificazione energetica

Prima di capire chi redige l’APE vediamo di cosa si tratta. L’Attestato di Prestazione Energetica, APE, anche detto certificazione energetica, è un documento che attesta la classe energetica di un edificio, ovvero l’indice di prestazione energetica globale dell’edificio.

L’edificio viene così classificato in una delle 10 classi energetiche disponibili: dalla più bassa, la G, che ha l’indice peggiore, alla più alta, la A4. Dal 2015, infatti, le classi energetiche sono aumentate, passando da 7 a 10.

Un edificio in classe G è più energivoro, disperde il calore e le bollette di luce e gas sono molto alte, un edificio in classe A4, invece, disperde molto meno calore portando così ad usare meno gli impianti di riscaldamento e raffrescamento e ad abbassare il costo delle bollette.

Chi redige l’APE

Sempre nel 2015, il Decreto 26 giugno 2015 ha stabilito che può redigere l’APE chi è certificatore energetico abilitato in base al Regolamento 75/2013: 

  • ESCo – Energy Service Company
  • tecnici qualificati, sia singoli sia associati
  • enti pubblici e organismi di diritto pubblico del settore dell’energia e dell’edilizia
  • gli organismi pubblici e privati iscritti presso Accredia che fanno ispezioni nel settore delle costruzioni edili, di ingegneria civile e impiantistica.

Un certificatore energetico o chi redige l’APE è costretto a pagare una sanzione tra 700 e 4.200 euro se la certificazione contiene un errore ovvero se non ha rispettato i criteri e i metodi indicati dalla normativa.

Come ottenere l’APE

Chi redige l’APE deve fare almeno un sopralluogo in sito e se il caso lo richiede anche:

  • una verifica di progetto, se ciò può essere d’aiuto nella determinazione dell’indice globale
  • l’elaborazione di una diagnosi energetica per valutare gli interventi che possono fare migliorare la classe energetica.

La procedura da seguire consiste in 3 fasi:

  • raccolta delle informazioni: zona climatica, uso dell’edificio, impianti…
  • modello di calcolo da applicare per calcolare la prestazione energetica
  • proposte di efficientamento con dettaglio dei costi, dei vantaggi e del tempo per far rientrare l’investimento necessario.

Chi ha richiesto l’APE lo riceve entro 15 giorni da quando il tecnico certificatore energetico lo ha trasmesso al sistema della propria Regione.

La validità dell’APE

La validità dell’Attestato di Prestazione Energetica è di 10 anni dal momento del rilascio dalla Regione di riferimento ed è indicata sul documento. Tale validità cessa se si fanno modifiche all’abitazione o agli impianti tali per cui la classe energetica potrebbe essere cambiata.

Se si fanno interventi di ristrutturazione edilizia o riqualificazione energetica, probabilmente bisognerà aggiornarlo.

I professionisti interessati a diventare certificatori energetici possono frequentare online il corso certificazione energetica degli edifici.

Tutti I Corsi

Il Blog di Unione Professionisti è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata al mondo del lavoro e delle libere professioni. Con i professionisti ci rapportiamo e confrontiamo ogni giorno per fornire un'informazione dettagliata a 360 gradi. Il nostro staff di collaboratori è composto da giornalisti, professionisti, esperti in formazione professionale, grafici, esponenti del mondo imprenditoriale e non solo. Oltre alle classiche news, alle guide tecniche, agli approfondimenti tematici, alle segnalazioni di opportunità lavorative, offriamo anche un utile servizio di documenti in pdf (normative, fac-simile, modulistica … ) liberamente scaricabili e riutilizzabili.

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Non ci sono ancora commenti, ma puoi essere il primo a commentare questo articolo.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi contrassegnati con * sono obbligatori*

p class="comment-form-comment">