Come aprire uno studio di amministrazione condominiale: la formazione professionale degli amministratori di condominio

Aprire un vero e proprio studio di amministrazione condominiale è un po' l’obiettivo di tutti gli amministratori di condominio. Ma quali sono i passi da compiere per affermarsi in questa affascinante professione?

Corso Amministratore Di Condominio

Valuta questo articolo

Come aprire uno studio di amministrazione condominiale: la formazione professionale degli amministratori di condominio Totale 5.00 / 5 4 Voti

Aprire uno studio di amministrazione condominiale non è sicuramente un gioco, diciamolo subito. Svolgere con profitto la professione di amministratore di condominio va oltre le banali scaramucce tra vicini. Uno studio di amministrazione condominiale oggi deve posare le propria fondamenta su una base formativa solida e su un aggiornamento professionale continuo. I professionisti dell’amministrazione condominiale sono infatti dei veri e propri manager dell’immobile, con competenze trasversali che toccano la contabilità, le nozioni di diritto, le competenze tecniche e una buona dose di problem solving.

Quali sono i compiti di uno studio di amministrazione condominiale?

Un professionista che si rispetti deve:

  • avere competenze specifiche in materia di urbanistica;
  • saper calcolare le spese condominiali (utilizzando le tabelle millesimali) e ripartirle equamente tra i condomini;
  • saper gestire i conflitti tra i vicini di casa;
  • avere competenze fiscali e contabili così da saper gestire e giustificare le spese condominiali e redigere correttamente un bilancio .

Se non vi siete fatti spaventare, potete proseguire con la lettura e scoprire quali sono i passi da compiere se si intende aprire uno studio di amministrazione condominiale!

Fino a non molti anni fa, circa una decina, diventare un professionista dell’amministrazione condominiale era molto semplice. Niente corsi e niente regolamenti particolari da mandare a memoria. Oggi invece, a partire dall’entrata in vigore della Legge numero 220 del 2012, è previsto per tutti coloro che aspirano ad aprire uno studio di amministrazione condominiale un iter burocratico e formativo molto dettagliato.

Per quanto riguarda gli obblighi del condominio:

Per quanto riguarda gli obblighi degli aspiranti amministratori condominiali:

Avere una buona formazione di base è però solo il primo passo. Chi decide di avviare un’attività professionale di amministrazione condominiale deve essere in possesso di ottime capacità relazionali (deve essere in grado di trattare con gente di ogni tipo); ottime doti organizzative e gestionali; buone capacità di negoziazione e di problem-solving.

Quanto guadagna un professionista dell’amministrazione condominiale?

Un amministratore di condominio guadagno in media 200/220 euro a condominio. Non certo cifre enormi quindi. Il nostro suggerimento è quindi quello di prendere in gestione diversi condomini e di non fermarsi alla gestione solamente del proprio stabile.

Obbligo apertura partita iva per attività di amministrazione condominiale

In Italia non è ancora attiva una legislazione unitaria a livello nazionale, per cui in alcune regioni è specificato l’obbligo di apertura partita Iva per svolgere l’attività di amministratore di condominio, mentre in altre non potrebbe non essere così. Se si decide di svolgere l’attività a livello professionale e in maniera continuativa, l ‘Amministratore di Condominio in ogni caso può essere inquadrato come un Libero Professionista a tutti gli effetti, ragion per cui ha dunque bisogno di aprire una Partita IVA per poter svolgere la propria attività nel pieno rispetto delle leggi fiscali esistenti, nonché di iscriversi alla Gestione Separata dell’INPS. Se invece l’attività viene svolta in maniera occasionale, si può invece stipulare un contratto di lavoro autonomo occasionale ed emettere di conseguenza ricevuta con ritenuta d’acconto.

Corsi Academy
Mauro Melis

Giornalista, Fotoreporter, Copywriter, Blogger, Web Writer, Addetto Stampa per giornali, riviste, enti pubblici e blog aziendali. Provo a descrivere il loro mondo e le loro storie, le loro passioni e le loro idee. "Tutto quello che ho per difendermi è l’alfabeto; è quanto mi hanno dato al posto di un fucile" P.R.