Documenti condominiali: diritto di visione e conservazione

Amministratore Di Condominio

Valuta questo articolo

Documenti condominiali: diritto di visione e conservazione Totale 5.00 / 5 1 Voti

Documenti del condominio: cosa dice la normativa?

L’articolo 1129 comma 2 del Codice Civile. stabilisce che tra i compiti dell’amministratore di condominio c’è l’obbligo di comunicare dove si trovano i documenti condominiali e quando – giorni e ore – i condomini possono visionarli in maniera gratuita o richiedere una copia.

Quali documenti condominiali si devono conservare?

I numeri 6 e 7 dell’articolo 1130 del Codice Civile stabilisce che rientrano tra i documenti condominiali:

  • anagrafe del fabbricato
  • verbali di assemblea
  • nomina e revoca dell’amministratore
  • registro di contabilità.

Il diritto di accesso e visione alla documentazione condominiale

Tutti i condomini hanno diritto di accedere ai documenti condominiali. La sentenza n. 4686 del 2018 della Corte di Cassazione stabilisce che questo diritto può essere stabilito sia durante l’approvazione del rendiconto condominiale sia durante la gestione.

Il costo delle copie dei documenti condominiali

Il costo delle copie dei documenti condominiali non può essere una spesa per il condominio e non può essere fatturata dall’amministratore al condomino perché rientra tra le spese personali. Se questa è stata inserita nel preventivo approvato dall’assemblea durante la sua nomina l’amministratore può richiedere la somma al condominio.

La privacy

L’amministratore può trattare solo le informazioni personali dei condomini necessarie per gestire e amministrare le parti comuni. Ad eccezione del caso in cui venga nominato “responsabile del trattamento” dei dati personali in materia di privacy.

Può usare i dati anagrafici e gli indirizzi dei condòmini, i dati riferiti alle quote millesimali di proprietà, o altri dati necessari per il calcolo delle spese condominiali.

Può utilizzare numeri di telefono fisso, cellulare e indirizzo di posta elettronica solo se sono già indicati in elenchi pubblici o se il condomino ha dato il suo consenso.

In generale, l’amministratore deve usare i recapiti solo in casi di urgenza e con molta attenzione per le attività ordinarie. Inoltre non può comunicarli a terzi.

Per coloro che svolgono già il mestiere di amministratore di condominio è possibile rimanere aggiornati sulle novità frequentando un corso di aggiornamento per amministratore di condominio.

Corsi Academy
Redazione

Il Blog di Unione Professionisti è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata al mondo del lavoro e delle libere professioni. Con i professionisti ci rapportiamo e confrontiamo ogni giorno per fornire un'informazione dettagliata a 360 gradi. Il nostro staff di collaboratori è composto da giornalisti, professionisti, esperti in formazione professionale, grafici, esponenti del mondo imprenditoriale e non solo. Oltre alle classiche news, alle guide tecniche, agli approfondimenti tematici, alle segnalazioni di opportunità lavorative, offriamo anche un utile servizio di documenti in pdf (normative, fac-simile, modulistica … ) liberamente scaricabili e riutilizzabili.

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Non ci sono ancora commenti, ma puoi essere il primo a commentare questo articolo.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi contrassegnati con * sono obbligatori*