Come incoraggiare le nuove forme di condivisione dell’energia: per i condomini si studio un ruolo da protagonisti

I condomini potranno assumere un ruolo centrale in questo percorso di condivisione dell'energia: sono oltre 200.000 i nuovi impianti che potrebbero essere installati sui tetti condominiali

Corso Amministratore Di Condominio

Valuta questo articolo

Come incoraggiare le nuove forme di condivisione dell’energia: per i condomini si studio un ruolo da protagonisti Totale 5.00 / 5 1 Voti

L’Italia ha un potenziale di 6,5 GW di nuovo fotovoltaico da realizzare entro il 2030 per raggiungere gli obiettivi fissati a livello Paese, e ulteriore spazio per lo sviluppo di altre tecnologie. I condomini potranno assumere un ruolo centrale in questo percorso: sono oltre 200.000 i nuovi impianti che potrebbero essere installati sui tetti condominiali, consentendo una riduzione delle emissioni di CO2 fino a circa 20 milioni di tonnellate e risparmi economici tra i 1,4 e 2 miliardi di euro

Energy@home (www.energy-home.it, pagina linkedin https://www.linkedin.com/company/energyathome), associazione che raccoglie alcune tra le principali aziende italiane nei settori energia, telecomunicazioni, elettrodomestici, elettronica, assicurazioni, ICT, insieme a diverse piccole medie imprese e istituti di ricerca, ha presentato a Palazzo Edison lo studio “I Prosumer Condominiali”.

L’analisi individua nel condominio il primo nucleo di energy community: un ecosistema in cui le forme di autoproduzione dell’energia, tipicamente da fonte rinnovabile, contribuiscono a definire un nuovo ruolo dei consumatori. In questo senso le energy community sono il primo tassello della trasformazione che sta attraversando il settore dell’energia, i cui assi principali sono la decarbonizzazione, digitalizzazione e decentralizzazione, secondo quanto emerge dal World Energy Council.

Lo studio effettuato da Energy@Home con il contributo scientifico di Elemens, RSE e Kantar analizza le principali barriere allo sviluppo dell’autoconsumo condominiale e suggerisce le soluzioni normative e tecnico-economiche per superare le attuali criticità.

«Negli ultimi anni l’Associazione Energy@home si è proposta anche come luogo privilegiato di incontro tra industrie diverse per identificare e studiare nuovi casi d’uso e nuovi business model legati al mondo della Smart Home e all’uso intelligente dell’energia», riporta Marco Signa, direttore dell’associazione. «Anche quest’anno Energy@Home ha offerto all’esterno questo patrimonio di idee, promuovendo il dibattito su un tema di grande attualità con competenza e concretezza. Abbiamo affrontato il tema delle Energy community partendo dalla sua applicazione pratica ai condomini, evidenziando un potenziale interessante così come barriere e soluzioni, a beneficio non solo degli operatori del settore, ma di tutto il sistema Italia».

Realizzando nuove forme di condivisione della produzione di energia, le comunità presenti sul territorio potranno soddisfare, attraverso innovativi strumenti digitali, i propri fabbisogni, massimizzando così i benefici per tutto il sistema. Si tratta di benefici in termini ambientali, con una consistente riduzione della CO2 emessa per la produzione di energia da fonti rinnovabili. Ma anche di benefici economici con il valore aggiunto incrementale generato dagli investimenti in nuova capacità fotovoltaica, la riduzione del prezzo dell’energia elettrica all’ingrosso e i nuovi posti di lavoro. L’analisi costi benefici si traduce in un saldo positivo per il sistema paese compreso tra 1,4 e 2 miliardi di euro, tenendo conto delle spese che dovranno essere sostenute per l’adeguamento della rete elettrica e la redistribuzione oneri di sistema e dispacciamento.

Secondo l’analisi condotta da Energy@home per rispettare gli obiettivi sfidanti sulle rinnovabili imposti dalla direttiva RED II sarà necessario quintuplicare il numero attuale di installazioni annuali di impianti fotovoltaici.

A questo fine non basterà installare impianti sui tetti delle case singole o bifamiliari, come accade oggi. Bisognerà sfruttare al meglio tutti gli spazi disponibili e uno degli spazi a maggior potenziale, ad oggi poco sfruttato, è il condominio, dove per ragioni prima di tutto normative ma anche di accettabilità dell’investimento da parte dei singoli condòmini, si sono installati pochi impianti e senza percezione di risparmio sulla bolletta.

I motivi risiedono nel fatto che oggi gli impianti di autoproduzione condominiali possono essere sfruttati per risparmiare solo sui consumi delle parti comuni dell’edificio, principalmente ascensori e luci, senza che ci sia la possibilità per i singoli condomini di utilizzare l’energia autoprodotta per i propri consumi privati (luci di casa, elettrodomestici, computer).Superare queste barriere è necessario e possibile. Secondo Tommaso Barbetti di Elemens, tra gli autori dello studio, «la nuova direttiva europea RED II si candida a rivoluzionare il mondo dell’autoconsumo, aprendo ai sistemi con una pluralità di clienti ad oggi non ammessi dalla regolazione italiana.

Tra i vari modelli che si stagliano all’orizzonte, quello di più immediata applicazione pare quello dei prosumer condominiali, con l’energia prodotta sui tetti che potrà finalmente essere consumata anche dalle famiglie: i risparmi sulle bollette potranno essere sostanziosi (nell’intorno del 20%), con un potenziale di mercato che potrebbe arrivare fino a 250.000 condomini. Già nei prossimi mesi si aprirà il cantiere normativo che porterà, in tempi ragionevolmente brevi, alla definizione delle modalità con cui ciò potrà avvenire».

Naturalmente una comunità non è fatta solo di regole e soluzioni tecniche, ma delle persone che la vivono e la gestiscono. Lo studio presenta anche un’indagine svolta da Kantar presso gli amministratori di condominio da cui emerge che, benché ci sia ancora molta diffidenza verso questo tipo di proposte, c’è un crescente interesse a valutare iniziative di questa portata. Tenuto conto dei numerosi aspetti tecnici, burocratici e gestionali, prevale la tendenza ad affidarsi a società specializzate, le ESCO, per sostenere l’investimento, gestire l’impianto per tutta la vita utile e ripartire gli autoconsumi sulla base di regole definite di comune accordo con gli amministratori e i condomini.

«Kantar ha ascoltato e raccolto per Energy@Home la prospettiva degli amministratori di condominio – ha commentato Andrea Corti, Client Partner Tech, Comms, Utilities — Kantar, Insights Division – che si sono confermati un attore chiave per l’adozione di nuove soluzioni energetiche per i condomini. In particolare, una nuova normativa che permetta di utilizzare l’energia prodotta da un impianto di autoproduzione anche per i bisogni dei singoli condòmini viene accolta in modo positivo, principalmente perché permetterebbe di ridurre i tempi di ritorno sull’investimento. Come ci si attendeva, il risparmio è emerso come il driver primario, ma gli amministratori ritengono vincenti anche altri valori, come la semplificazione e l’aumento del valore del condominio».

Energy@home è un’associazione senza fini di lucro fondata a Luglio 2012 da quattro grandi imprese italiane e che oggi comprende oltre 20 associati; essa è un caso emblematico di positiva collaborazione tra aziende — sia concorrenti su medesimi mercati, sia appartenenti a settori differenti — che studiano assieme le tecnologie e le modalità per creare nuove opportunità di mercato e per costituire un “ecosistema” in ambito residenziale che miri all’efficienza energetica. La comunicazione Internet of Things tra i dispositivi in casa diviene lo strumento per fornire ai consumatori nuovi servizi e le funzionalità necessarie al monitoraggio e al controllo della propria smart home nonché dei propri consumi elettrici. Nel breve termine Energy@home si focalizza sulla ideazione di un mercato di servizi a valore aggiunto post-contatore per il consumatore domestico e per la smart home. Nel medio termine, essa punta a stimolare la creazione di un nuovo mercato per i servizi di flessibilità della domanda grazie ai quali i consumatori potranno rendere disponibile al sistema elettrico, a fronte di una specifica remunerazione, una quota di flessibilità della potenza impegnata.

Tutti I Corsi
Redazione

Il Blog di Unione Professionisti è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata al mondo del lavoro e delle libere professioni. Con i professionisti ci rapportiamo e confrontiamo ogni giorno per fornire un'informazione dettagliata a 360 gradi. Il nostro staff di collaboratori è composto da giornalisti, professionisti, esperti in formazione professionale, grafici, esponenti del mondo imprenditoriale e non solo. Oltre alle classiche news, alle guide tecniche, agli approfondimenti tematici, alle segnalazioni di opportunità lavorative, offriamo anche un utile servizio di documenti in pdf (normative, fac-simile, modulistica … ) liberamente scaricabili e riutilizzabili.