Come e perché aprire un conto corrente aziendale

Valuta questo articolo

Sei il primo. Vota Ora!!!

Ci sono alcune categorie per le quali l’apertura di un conto corrente aziendale rappresenta non solo un passaggio utile ma anche obbligatorio per legge. Il riferimento è alle società con personalità giuridica, per esempio le società di persone e le società di capitali ma non solo. Negli altri casi, come quello dei professionisti con partita IVA e dei lavoratori autonomi (ovvero i freelance), questo vincolo non esiste. Ad ogni modo sarà corretto precisare come anche per questi ultimi l’apertura del conto corrente aziendale è sempre consigliata. Possedere un conto dedicato alla propria attività professionale è sicuramente utile per mantenere ordine nella propria contabilità, facilitando il controllo delle proprie entrate/uscite professionali e agevolando la trasparenza nel caso di un eventuale accertamento fiscale.

Il supporto del digitale agevola il monitoraggio dei flussi di denaro

Quello di aprire un conto corrente ad hoc è per le realtà aziendali un gesto che si lega a doppio filo alla routine di lavoro, agli aspetti amministrativi e a quelli contabili. Scegliere di attivare questo percorso ricorrendo a una conto aziendale online come Qonto, il cui core business e la mission aziendale sono rappresentati dalla volontà di supportare dal lato della gestione contabile e finanziaria le aziende piccole o grandi che siano, è la scelta migliore dal momento che diventa possibile abbattere i costi relativi a questo prodotto (sensibilmente ridotti rispetto a quelli delle banche tradizionali).

La possibilità di operare da remoto, anche quando si è in trasferta e dunque lontani dalla postazione di ufficio, tramite app e smartphone o tablet rappresenta senza dubbio un valore aggiunto (che azzera la necessità di recarsi fisicamente allo sportello di una filiale). Flessibilità, trasparenza e multicanalità fanno il resto, assicurando un completo ed efficiente monitoraggio dei flussi di denaro. Il supporto del digitale, oltre ad agevolare quest’ultimo aspetto, facilita inoltre la dichiarazione relativa a entrate e uscite che è obbligatorio fornire ogni anno allo Stato.

Quali operazioni si possono effettuare e come ottimizzare i tempi tecnici

Nella fase che precede l’avvio della procedura che porterà all’apertura del conto corrente aziendale online si dovrà fare mente locale su quali siano i servizi necessari allo sviluppo del business così come anche sulla relativa routine di lavoro. Sempre tenendo presente che, in abbinamento al conto, sarà possibile ed estremamente utile attivare una carta aziendale. Quest’ultima, oltre a facilitare il controllo in qualsiasi momento delle spese, potrà essere usata dai lavoratori in trasferta per effettuare spese relative alla loro mansione.

Tramite il conto aziendale potranno inoltre essere pianificati bonifici a scadenza fissa, con l’intento di ottimizzare il lato amministrativo e dunque il pagamento dello stipendio ai collaboratori (un modo per stabilire un rapporto di fiducia ancora più stretto con questi ultimi).

Ottimizzare tutti questi passaggi, naturalmente, permetterà una gestione molto più oculata del tempo a disposizione: quello extra potrà dunque essere reinvestito in nuove attività, sempre votate allo sviluppo del business.

Corsi Academy

Il Blog di Unione Professionisti è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata al mondo del lavoro e delle libere professioni. Con i professionisti ci rapportiamo e confrontiamo ogni giorno per fornire un'informazione dettagliata a 360 gradi. Il nostro staff di collaboratori è composto da giornalisti, professionisti, esperti in formazione professionale, grafici, esponenti del mondo imprenditoriale e non solo. Oltre alle classiche news, alle guide tecniche, agli approfondimenti tematici, alle segnalazioni di opportunità lavorative, offriamo anche un utile servizio di documenti in pdf (normative, fac-simile, modulistica … ) liberamente scaricabili e riutilizzabili.

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Non ci sono ancora commenti, ma puoi essere il primo a commentare questo articolo.

Lascia un commento