Architettura verde: che cosa è, quali sono i suoi criteri costruttivi, a quali domande da risposta?

È possibile costruire edifici in grado di combinare lo sviluppo sostenibile e il benessere dei suoi occupanti?

Valuta questo articolo

Architettura verde: che cosa è, quali sono i suoi criteri costruttivi, a quali domande da risposta? Totale 5.00 / 5 2 Voti

È possibile costruire edifici in grado di combinare lo sviluppo sostenibile e il benessere dei suoi occupanti? Questa è la sfida che l’architettura verde vuole raccogliere. Ma cos’è l’architettura verde? Quali sono i criteri? Queste sono le domande a cui vogliamo rispondere in questo articolo.

Cos’è l’architettura verde?

Qual è la differenza tra architettura verde e architettura sostenibile o ecologica? Quali sono i principi della pianificazione urbana intelligente? La risposta non è unanime ma cercheremo di fornirti la definizione più completa possibile di architettura verde.

Innanzitutto, l’architettura verde fa parte di un approccio alla protezione dell’ambiente. E anche se non esiste una definizione di architettura verde, alcuni punti sono comuni a tutte le versioni:

  • l’uso di materiali naturali
  • configurazione dell’edificio (disposizione dei locali e posizionamento all’interno dell’ambiente)
  • gestione dell’energia
  • l’ambiente di vita

In effetti, l’architettura verde va oltre l’architettura sostenibile, perché aggiunge l’uso di piante e spazi verdi. Gli edifici possono essere abbelliti con facciate verdi in un progetto di architettura verde. È quindi una vera riflessione basata su tre pilastri.

Quali sono i 3 pilastri dell’architettura verde?

Perché un progetto di costruzione sia un’architettura verde, deve far parte di un approccio che tenga conto di tre pilastri:

  • sostenibilità per la salvaguardia dell’ambiente
  • ecologia umana che mira a favorire le relazioni sociali
  • tecnologia che costruisce meglio ed è ispirata dalla natura stessa (pannelli a nido d’ape)

Da questi tre pilastri scaturiscono i criteri che determinano se un edificio può essere qualificato o meno ambientale.

L’obiettivo dell’architettura verde è quello di costruire i cosiddetti edifici ambientali che hanno un impatto positivo sulla salute e sul benessere delle persone che vi abitano o lavorano.

Quali sono i principi dell’architettura verde?

  • Il primo principio importante per un patrimonio di architettura verde è la gestione della produzione e del consumo di energia. Ciò comporta l’isolamento termico per ridurre significativamente le perdite, ma anche riducendo i fabbisogni energetici. L’energia deve anche essere prodotta nel modo più naturale possibile grazie a metodi di produzione alternativi come pannelli fotovoltaici o turbine eoliche. L’obiettivo finale è progettare edifici a energia positiva in grado di produrre più energia di quanta ne consumino.
  • Un altro criterio essenziale è la gestione dei rifiuti. Si tratta quindi di ridurre la produzione di rifiuti e di riciclare il più possibile quelli che non potevano essere evitati. Per raggiungere questo obiettivo, l’architettura verde mette in atto sistemi per il recupero dell’acqua piovana, il risanamento delle acque reflue o il compostaggio dei rifiuti. Questo desiderio di ridurre i rifiuti inizia non appena il cantiere è completato. Il progetto di costruzione verde include la gestione dei rifiuti in cantiere. Anche la scelta dei materiali da costruzione è importante. L’architettura verde favorisce l’uso di materiali naturali e sostenibili sia per l’isolamento (lana di vetro, paglia, legno) Sia per le vernici. Le colle utilizzate non sono tossiche. È del tutto possibile utilizzare materiali del riciclo per dare loro una seconda vita. Riabilitare un edificio in modo sostenibile e verde invece di costruirne uno nuovo può far parte di questo processo.
  • L’ultimo punto fermo da considerare è l’impatto della bioedilizia sulle relazioni sociali. Può avere una grande influenza sui legami sociali perché le persone che vivono in questo ecosistema condividono valori comuni.

Architettura verde, primi 3 edifici verdi

  • Per illustrare cos’è l’architettura verde, abbiamo selezionato per voi tre edifici ecologici. Il primo esempio di architettura verde che abbiamo scelto si trova a Saint-Jean-de-Luz. Questa è la sede dell’azienda Quicksilver progettata dall’architetto Patrick Arotcharen. La costruzione è in vetro e legno. Quest’ultimo proviene da foreste sostenibili e sono stati installati pannelli solari per la produzione di energia.
  • Un’altra progettazione dell’architettura verde, la casa P.A.T.H progettata dal famoso designer Philippe Starck. Le case in legno che immaginava sono dotate sia di pannelli solari che di turbine eoliche, ma anche di un sistema di recupero dell’acqua piovana e di pompe di calore. Il consumo di energia viene quindi controllato e ridotto al minimo.
  • Infine, la torre dei fiori costruita nel XVII distretto di Parigi dall’architetto Edouard François è un perfetto esempio di architettura verde. La torre è coperta da enormi vasi di fiori che hanno la capacità di filtrare la luce.

Per quale motivo l’architettura verde conquisterà sempre più nuovi spazi?

L’aumento della popolazione richiede la costruzione di strutture verticali. Tuttavia, gli architetti hanno capito l’importanza di ridurre l’impatto ambientale dei nuovi edifici verdi, compresa l’inclusione delle piantagioni. Ecco perché l’architettura verde continua a crescere proprio come lo smart building definisce il futuro dell’edilizia con molteplici vantaggi.

Professional USB
Mauro Melis

Giornalista, Fotoreporter, Copywriter, Blogger, Web Writer, Addetto Stampa per giornali, riviste, enti pubblici e blog aziendali. Provo a descrivere il loro mondo e le loro storie, le loro passioni e le loro idee. "Tutto quello che ho per difendermi è l’alfabeto; è quanto mi hanno dato al posto di un fucile" P.R.