Diagnosi energetica esempio: linee Guida Monitoraggio diagnosi energetiche settore industriale

Diagnosi energetica esempio. “Linee Guida per il Monitoraggio nel settore industriale per le diagnosi energetiche nelle grandi imprese ex art. 8 del d.lgs. 102/2014”

Corso Energy Manager

Valuta questo articolo

Diagnosi energetica esempio: linee Guida Monitoraggio diagnosi energetiche settore industriale Totale 5.00 / 5 1 Voti

Diagnosi energetica esempio. L’Enea ha pubblicato sul portale www.agenziaefficienzaenergetica.it le “Linee Guida per il Monitoraggio nel settore industriale per le diagnosi energetiche nelle grandi imprese ex art. 8 del d.lgs. 102/2014”. Lo scopo del documento è quello di fornire indicazioni sulle modalità per lo svolgimento del piano di monitoraggio a supporto delle diagnosi energetiche previste all’art. 8 del d.lgs. 102/2014, in osservanza dell’articolo suddetto e dell’Allegato II dello stesso decreto legislativo.

Fermo restando l’obbligo di eseguire le diagnosi energetiche nelle grandi imprese in conformità con quanto previsto dall’articolo 8 e dell’Allegato II del d.lgs. 102/2014, il documento non assume carattere vincolante.

Nell’introduzione si legge che nei chiarimenti in materia di diagnosi energetica nelle imprese del novembre 2016 pubblicati dal Ministero dello Sviluppo Economico, e in particolare al punto 4.1

Quali sono i requisiti minimi che la diagnosi energetica esempio deve rispettare ai fini dell’adempimento dell’obbligo?

In primo luogo l’azienda viene suddivisa in aree funzionali. Si acquisiscono quindi i dati energetici dai contatori generali di stabilimento e, qualora non siano disponibili misure a mezzo di contatori dedicati, per la prima diagnosi, il calcolo dei dati energetici di ciascuna unità funzionale viene ricavato dai dati disponibili.

Nell’Allegato II dello stesso documento si prevede inoltre come: “una volta definito l’insieme delle aree funzionali e determinato il peso energetico di ognuna di esse a mezzo di valutazioni progettuali e strumentali, si dovrà definire l’implementazione del piano di monitoraggio permanente in modo sia da tener sotto controllo continuo i dati significativi del contesto aziendale, che per acquisire informazioni utili al processo gestionale e dare il giusto peso energetico allo specifico prodotto realizzato o al servizio erogato.

In tale modo si intende che nelle diagnosi energetiche successive alla prima per le aree funzionali devono esserci contatori dedicati.

Diagnosi energetica esempio: le linee guida Enea, criteri generali

I criteri generali sono definiti nell’Allegato II al suddetto decreto e nelle norme UNI 16247 1-4. Pertanto, con quanto segue, si intende suggerire un percorso che ha lo scopo di ottenere risultati confrontabili all’interno dei vari settori produttivi i che permettano analisi e valutazioni affidabili. La definizione del grado di copertura mediante misura dei parametri che contribuiscono alla definizione degli indici di prestazione energetica è una delle necessarie premesse alla loro affidabilità.

Corsi Crediti Ingegneri
Mauro Melis

Giornalista, Fotoreporter, Copywriter, Blogger, Web Writer, Addetto Stampa per giornali, riviste, enti pubblici e blog aziendali. Provo a descrivere il loro mondo e le loro storie, le loro passioni e le loro idee. "Tutto quello che ho per difendermi è l’alfabeto; è quanto mi hanno dato al posto di un fucile" P.R.