Le alte temperature e l’effetto isole di calore si combattono con l’Effetto Albedo

Una performance di i.idro DRAIN che sta riscuotendo sempre maggiori consensi da parte dei progettisti è la capacità di ridurre l’effetto isola di calore.

Valuta questo articolo

Le alte temperature e l’effetto isole di calore si combattono con l’Effetto Albedo Totale 5.00 / 5 1 Voti

Una performance di i.idro DRAIN che sta riscuotendo sempre maggiori consensi da parte dei progettisti è la capacità di ridurre l’effetto “isola di calore”. Questa caratteristica, tipica delle superfici chiare o comunque riflettenti, si definisce in termini tecnici “Effetto Albedo” e trova perfetta applicazione nella riduzione del cosiddetto effetto “isola di calore”, tipico dei luoghi fortemente urbanizzati.

Misurazioni empiriche in laboratorio hanno mostrato come una pavimentazione i.idro DRAIN riesca, in condizioni di insolazione diretta nel periodo estivo, ad abbassare anche di 30°C la temperatura superficiale rispetto a una pavimentazione in asfalto.

Le ricerche effettuate e i test su isole di calore e effetto albedo

Nel quadro della caratterizzazione delle prestazioni del calcestruzzo i.idro DRAIN, alcuni campioni di prodotto sono stati sottoposti a prove sperimentali di riflettanza solare, definita come rapporto tra l’energia solare riflessa e quella incidente. Questa proprietà misura la capacità di un materiale di riflettere la radiazione solare: evitando di assorbire e accumulare calore mantiene bassa la propria temperatura superficiale.

Nel corso del mese di Settembre 2012, l’Unità Tecnica per l’Efficienza Energetica – Servizio Residenziale e Terziario di ENEA ha effettuato una serie di prove su campioni di vari materiali. Le misure e le successive elaborazioni sono state condotte con apparati sperimentali avanzati conformi alle normative ASTM E903, ISO 9050 ed EN 410. Sono stati sottoposti a prova alcuni campioni di riferimento in conglomerato bituminoso drenante – il comune asfalto delle strade – e altri campioni di i.idro DRAIN bianco e grigio, sia tradizionali che nella versione fotocatalitica (contenenti cioè il principio attivo TX Active®).

I risultati

La tabella riassume i dati sperimentali. Si può notare come l’asfalto non abbia potere riflettente e quasi tutta la radiazione solare viene assorbita dalla superficie e restituita sotto forma di calore. Il calcestruzzo, al contrario, anche nella versione grigia e priva del principio attivo TX Active®, mostra già maggiori valori di SR (Riflettanza Solare); la formulazione contenente cemento bianco fotocatalitico ha fornito valori superiori a 60, quindi eccellenti.

Non è possibile effettuare una correlazione diretta tra SR e temperatura della superficie, ma misurazioni empiriche, condotte al di fuori del programma di prove ENEA, hanno mostrato come una pavimentazione i.idro DRAIN riesca, in condizioni di insolazione diretta nel periodo estivo, ad abbassare anche di 30 °C la temperatura superficiale rispetto a una pavimentazione in asfalto.

Promozione Fastwebi
Redazione

Il Blog di Unione Professionisti è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata al mondo del lavoro e delle libere professioni. Con i professionisti ci rapportiamo e confrontiamo ogni giorno per fornire un'informazione dettagliata a 360 gradi. Il nostro staff di collaboratori è composto da giornalisti, professionisti, esperti in formazione professionale, grafici, esponenti del mondo imprenditoriale e non solo. Oltre alle classiche news, alle guide tecniche, agli approfondimenti tematici, alle segnalazioni di opportunità lavorative, offriamo anche un utile servizio di documenti in pdf (normative, fac-simile, modulistica … ) liberamente scaricabili e riutilizzabili.