PNRR: opportunità di lavoro per imprese e professionisti

Valuta questo articolo

Sei il primo. Vota Ora!!!

In risposta alla crisi pandemica che ci ha colpiti nel 2020, l’Unione Europea ha deciso di creare un programma di investimenti e riforme con l’obiettivo di velocizzare la transizione digitale ed ecologica delle aziende, migliorare la formazione dei lavoratori e ridurre le disparità di genere, territoriali e generazionali. Questo programma prende il nome di Next Generation EU e rappresenta per l’Italia un’opportunità imperdibile di sviluppo, riforme e investimenti.

Cos’è il piano nazionale di ripartenza e resilienza

Prima di approfondire le opportunità che si prospettano grazie ai progetti del PNRR, cerchiamo di capire meglio in cosa consiste. Alla base del PNRR troviamo un pacchetto di investimenti e riforme articolato in sei obiettivi. Il Piano ha lo scopo di attivare una serie di riforme che interessano, in particolare, la pubblica amministrazione, la giustizia la semplificazione e la competitività.

Tra i paesi europei, l’Italia è la prima beneficiaria degli strumenti messi a disposizione con l’NGEU: da una parte il Dispositivo per la Ripresa e Resilienza (RRF) e dall’altra parte il Pacchetto di Assistenza alla Ripresa per la Coesione e i Territori d’Europa (REACT-EU).

Il piano di Ripresa e Resilienza fornisce 191,5 miliardi di euro, 68,9 miliardi di euro dei quali a fondo perduto, utilizzabile fino al 2026. L’Italia ha scelto di utilizzare appieno la propria capacità di finanziamento, grazie ai prestiti RRF, e questo significa un’investimento di circa 122,6 miliardi di euro.

Le missioni del piano

Le sei missioni del piano sono:

  1. digitalizzazione, innovazione, competitività, cultura e turismo;
  2. risoluzione verde e transizione ecologica nell’edilizia;
  3. infrastrutture per la mobilità sostenibile;
  4. istruzione e ricerca;
  5. inclusione e coesione;
  6. salute.

Questi rappresentano i sei pilastri della Next Generation UE che prevede quote di investimento pari al 37% per progetti green e al 20% per i progetti digitali.

I progetti del PNRR

Alla base dei progetti promossi dal PNRR vi è l’obiettivo di creare opportunità professionali e opportunità lavorative, per stimolare lo sviluppo economico, che possono essere applicate anche ai concorsi pubblici e per portare migliorie al regolamento degli appalti pubblici.

Nello specifico, i progetti proposti dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza troviamo 10 progetti di investimento e 1 progetto di riforma, incentrato sulla revisione del codice della proprietà industriale. Ciascun progetto è pensato secondo una visione di politica industriale per consentire la realizzazione delle specifiche raccomandazioni della Commissione Europea ma anche per rafforzare la crescita del Paese.

L’obiettivo dunque è quello di favorire lo sviluppo duraturo e sostenibile, semplificando i processi di realizzazione e gli strumenti, al fine di aumentare la produttività.

Il PNRR è uno strumento molto utile e di estrema importanza per le aziende e i professionisti. Tra i nostri corsi in videoconferenza troverai il corso PNRR da seguire in diretta online che fornirà tutte le informazioni necessarie per conoscere e sfruttare le opportunità per la tua crescita e per quella della tua azienda!

Professional USB

Il Blog di Unione Professionisti è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata al mondo del lavoro e delle libere professioni. Con i professionisti ci rapportiamo e confrontiamo ogni giorno per fornire un'informazione dettagliata a 360 gradi. Il nostro staff di collaboratori è composto da giornalisti, professionisti, esperti in formazione professionale, grafici, esponenti del mondo imprenditoriale e non solo. Oltre alle classiche news, alle guide tecniche, agli approfondimenti tematici, alle segnalazioni di opportunità lavorative, offriamo anche un utile servizio di documenti in pdf (normative, fac-simile, modulistica … ) liberamente scaricabili e riutilizzabili.

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Non ci sono ancora commenti, ma puoi essere il primo a commentare questo articolo.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi contrassegnati con * sono obbligatori*

p class="comment-form-comment">