Cos’è la voltura catastale, come funziona e quanto costa

Corso Docfa

Valuta questo articolo

Sei il primo. Vota Ora!!!

Cos’è la voltura catastale e chi deve presentare la domanda?

La voltura catastale permette di indicare che è avvenuta una modifica alle intestazioni catastali come, per esempio, che il titolare di un immobile registrato in Catasto è cambiato, in seguito alla vendita di un immobile, un trasferimento di un usufrutto o una successione. 

Con la presentazione dell’apposito modello all’Agenzia delle Entrate, verranno aggiornati i dati catastali e, in seguito, anche le situazioni patrimoniali.

Dunque, chiunque trasferisca un diritto reale su un immobile deve presentare la domanda di voltura catastale e, in particolare:

  • privati, per successioni ereditarie e riunioni di usufrutto
  • notai, per gli atti per cui si sono occupati del rogito, che hanno ricevuto o autenticato
  • cancellieri giudiziari per le sentenze che hanno registrato
  • segretari, o delegati, di qualunque Amministrazione pubblica per gli atti stipulati.

Lo stesso modello può essere usato per chiedere la modifica delle intestazioni di più persone. La voltura può essere richiesta anche da chi non è obbligato.

Tipi di voltura catastale

L’Agenzia delle Entrate mette a disposizione diversi tipi di modulistica a seconda del tipo di voltura catastale:

I professionisti interessati a capire come effettuare una dichiarazione di successione possono frequentare il corso di successioni e volture catastali

I costi e la nuova procedura telematica 2021

Il costo della presentazione della richiesta di voltura catastale è dato dalla somma di:

  • 55,00 euro versati come tributo speciale catastale 
  • 16,00 euro di imposta di bollo per ogni 4 pagine della richiesta.

Gli importi possono essere pagati allo sportello dell’ufficio con i seguenti metodi di pagamento:

  • carte di debito, o prepagate – il denaro contante non è accettato 
  • apponendo sulla domanda i contrassegni “marca servizi” e “marca da bollo”
  • presentando la ricevuta del versamento effettuato da conto corrente postale dell’ufficio, o tramite il modello F24 Elide.

Con il provvedimento del 10 febbraio 2021 l’Agenzia delle Entrate ha reso disponibile la nuova procedura informaticaVoltura 2.0 – Telematica” per la predisposizione e presentazione delle domande di volture catastali in via telematica.

Cosa succede se non si fa la voltura catastale?

Se si presenta la domanda in ritardo, è necessario pagare anche le sanzioni come previsto dalla Circolare n° 2/2002.

La mancata presentazione, la presentazione in ritardo o eventuali errori nelle planimetrie allegate comportano queste sanzioni:

  • da un minimo di € 10 a un massimo di € 103 per la mancata dichiarazione e denuncia di variazione nei termini per le unità immobiliari. La stessa cifra dovrà essere pagata anche in caso di errata redazione delle planimetrie da allegare alla dichiarazione o variazione di unità immobiliari urbane
  • da un minimo di € 25 a un massimo di € 129 per la mancata dichiarazione e denuncia di variazione per le unità immobiliari, costruite o su cui si effettuano lavori
  • da un minimo di € 4 a un massimo di € 61 per la mancata denuncia di cambiamento nello stato dei terreni che dipendono da costruzioni di fabbricati urbani. min. € 4 max.
Professional USB

Il Blog di Unione Professionisti è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata al mondo del lavoro e delle libere professioni. Con i professionisti ci rapportiamo e confrontiamo ogni giorno per fornire un'informazione dettagliata a 360 gradi. Il nostro staff di collaboratori è composto da giornalisti, professionisti, esperti in formazione professionale, grafici, esponenti del mondo imprenditoriale e non solo. Oltre alle classiche news, alle guide tecniche, agli approfondimenti tematici, alle segnalazioni di opportunità lavorative, offriamo anche un utile servizio di documenti in pdf (normative, fac-simile, modulistica … ) liberamente scaricabili e riutilizzabili.

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Non ci sono ancora commenti, ma puoi essere il primo a commentare questo articolo.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi contrassegnati con * sono obbligatori*

p class="comment-form-comment">