Cos’è il DVR e come si redige il documento valutazione dei rischi

Corso Aggiornamento Coordinatore Sicurezza

Valuta questo articolo

Sei il primo. Vota Ora!!!

Che cosa si intende per Documento di Valutazione dei Rischi?

Il DVR – Documento di valutazione dei rischi – è una relazione in cui il datore di Lavoro valuta la probabilità che possano esserci dei rischi per i propri dipendenti e di quale entità possono essere i danni causati. 

Vengono definite le misure di prevenzione e protezione che deve adottare ogni singolo lavoratore per ridurre al minimo la probabilità che si abbia un evento dannoso o per ridurre al minimo il danno.

Come previsto dall’art.28 del D.Lgs. n. 81/2008 devono essere considerati anche lo stress lavoro correlato e i rischi per le lavoratrici in gravidanza.

Chi è tenuto a redigere il DVR?

Come previsto dall’art. 17 del D.Lgs. n. 81/2008, il DVR dev’essere redatto dal datore di lavoro insieme al RSPP – Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione – e al medico competente –  elabora il protocollo di sorveglianza sanitaria – dopo aver consultato il RLS – Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza.

In alcuni casi il datore di lavoro può ricoprire il ruolo di RSPP.

Quando è obbligatorio redigere il DVR?

Sono tenuti a redigere il Documento di Valutazione dei Rischi tutte le aziende, le ditte individuali e liberi professionisti, che anche un solo lavoratore dipendente. Il D.Lgs. 81/08, infatti, considera lavoratori anche i lavoratori stagionali, gli stagisti, i soci, i lavoratori a progetto, gli aiutanti o chi fa formazione come apprendistato o a titolo gratuito presso la sede.

Redigere e tenere una copia aggiornata del DVR in azienda è un obbligo. Sono previste sanzioni per la sicurezza sul lavoro per i casi di “omessa redazione del DVR” e per “incompleta redazione del DVR con omessa indicazione delle misure di prevenzione e protezione.

Come si redige un DVR?

Per la redazione del DVR è necessario:

  • una raccolta preliminare di informazioni sulle attività di cui valutare i rischi
  • compilare il documento di valutazione dei rischi; le piccole aziende possono usare la procedura standardizzata.

Ecco alcune delle informazioni che potrebbero essere necessarie: 

  • numero di addetti e mansioni svolte
  • fasi del processo lavorativo
  • tipologia degli ambienti di lavoro
  • schede tecniche di sostanze/prodotti/apparecchiature
  • elenco dispositivi di protezione
  • registro delle manutenzioni sugli impianti… 

Ci sono diversi modelli di DVR a seconda dell’attività per cui lo si redige: scuole, bar, ristoranti, uffici, farmacia, agricoltura. I professionisti che sono interessati a diventare RSPP o datori di lavoro e, in particolare, a capire come si redige il DVR possono partecipare a corsi di sicurezza sul lavoro online.

Promozione Fastwebi

Il Blog di Unione Professionisti è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata al mondo del lavoro e delle libere professioni. Con i professionisti ci rapportiamo e confrontiamo ogni giorno per fornire un'informazione dettagliata a 360 gradi. Il nostro staff di collaboratori è composto da giornalisti, professionisti, esperti in formazione professionale, grafici, esponenti del mondo imprenditoriale e non solo. Oltre alle classiche news, alle guide tecniche, agli approfondimenti tematici, alle segnalazioni di opportunità lavorative, offriamo anche un utile servizio di documenti in pdf (normative, fac-simile, modulistica … ) liberamente scaricabili e riutilizzabili.

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Non ci sono ancora commenti, ma puoi essere il primo a commentare questo articolo.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi contrassegnati con * sono obbligatori*

p class="comment-form-comment">