8 marzo, differenze di genere su occupazione e retribuzioni

Le performance formative e professionali delle donne dalla scuola al mondo del lavoro: forte divario in termini retributivi e penalizzate se hanno figli. I dati delle Indagini AlmaDiploma e AlmaLaurea.

Valuta questo articolo

8 marzo, differenze di genere su occupazione e retribuzioni Totale 5.00 / 5 2 Voti

Nonostante decenni di battaglie sociale Uomini e Donne continuano a NON essere uguali sul piano dei diritti sociali e lavorativi. A confermare questo preoccupante trend anche le ultime (in ordine di tempo) indagini di AlmaDiploma e AlmaLaurea. I dati dei due recenti report confermano un differenziale a favore dei maschi.

Differenze Uomo – Donna: profilo dei diplomati

Il Rapporto 2018 sul Profilo dei Diplomati fotografa una situazione che vede il 35,1% delle Donne ottenere alle scuole medie inferiori un voto d’esame pari 9 su 10 (percentuale pari al 26,3% tra i maschi). Risultati che vengono confermati anche quando l’impegno scolastico si trasferisce sui banchi delle superiori dove il 92,0% delle donne non fa ripetenze e conclude le superiori con un voto medio di diploma pari a 79,4 su cento (è 75,7 per i maschi).

Differenze Uomo – Donna: le esperienze di studio e lavoro all’estero e nel sociale

Secondo i rapporto 2018 sul profilo dei diplomati il 38,7% delle Donne (di cui una percentuale altissima frequenta percorsi di studi linguistici) compie esperienze internazionali, in particolare organizzate dalla scuola, contro il 25,9% degli Uomini.

Un’altro dato interessante è quello del sociale. Secondo lo Studio sul Profilo dei Diplomati circa il 18 per cento delle Donne svolge lavori connessi con le attività di volontariato. Le Donne inoltre nel loro tempo libero svolgono (in percentuale) molte più attività culturali rispetto agli Uomini.

Uomo – Donna: carriere di studio universitarie, cosa scelgono e cosa preferiscono studiare le Donne?

Iniziamo con l’affermare che circa il 76% delle Donne (tra gli uomini solo 62,2%) è interessato a proseguire gli studi in ambito accademico. Una scelta, per quanto riguarda le donne, motivata dal desiderio di svolgere l’attività professionale di proprio interesse e/o approfondire i propri interessi culturali.

Rapporto 2018 sul Profilo dei Laureati italiani.

Il Rapporto 2018 sul Profilo dei laureati ci restituisce una fotografia impietosa per quanto riguarda i fuoricorso. Secondo lo studio il 53% delle Donne che intraprende una carriera universitaria conclude gli studi in corso il 48% tra gli uomini) e lo fanno con voti di laurea mediamente più alti dei colleghi maschi.

Quanto guadagnano le Donne una volta terminato il percorso di studi?

Le differenze più allarmanti sono però retributive. ” Tra i laureati magistrali biennali che hanno iniziato l’attuale attività dopo la laurea e lavorano a tempo pieno emerge che il differenziale, a cinque anni, è pari al 18,3% a favore dei maschi: 1.675 euro netti mensili rispetto ai 1.416 euro delle donne.

In conclusione

La lettura dei dati conferma in conclusione che le donne sebbene ottengano in media risultati migliori continuano ad essere più penalizzate sul lavoro, sopratutto se hanno figli.

Promozione Fastwebi
Redazione

Il Blog di Unione Professionisti è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata al mondo del lavoro e delle libere professioni. Con i professionisti ci rapportiamo e confrontiamo ogni giorno per fornire un'informazione dettagliata a 360 gradi. Il nostro staff di collaboratori è composto da giornalisti, professionisti, esperti in formazione professionale, grafici, esponenti del mondo imprenditoriale e non solo. Oltre alle classiche news, alle guide tecniche, agli approfondimenti tematici, alle segnalazioni di opportunità lavorative, offriamo anche un utile servizio di documenti in pdf (normative, fac-simile, modulistica … ) liberamente scaricabili e riutilizzabili.