Come usare correttamente il condizionatore e risparmiare

Corso Impianti di Climatizzazione
5/5 - (1 vote)

Secondo i dati ISTAT, la metà delle famiglie italiane ha almeno un condizionatore e quasi il 30% di queste lo accende tutti i giorni durante il periodo estivo.

Si tratta di un dato importante che spiega la tendenza sempre più al rialzo dei nostri consumi elettrici nei mesi caldi. Il successo riscosso dai climatizzatori all’interno delle nostre abitazioni, degli uffici e degli esercizi commerciali, ha aumentato sensibilmente il consumo energetico estivo.

Questo incremento influisce notevolmente sulle spese di una famiglia media e su quelle di esercenti e imprese. Ecco perché abbiamo stilato una guida dedicata ai consumatori che cercano consigli utili per risparmiare d’estate senza rinunciare ai benefici del condizionatore.

Risparmio energetico e condizionatore: come diminuire la bolletta

Come usare il condizionatore senza sprechi e risparmiando? Esistono diversi accorgimenti che puoi adottare per mantenere la casa fresca e abbassare il costo della bolletta.

Il condizionatore, infatti, è un elettrodomestico energivoro e i consumi per gli apparecchi delle classi energetiche meno efficienti possono arrivare a più di 430 kWh l’anno.

Una scelta oculata del modello di condizionatore da installare, il suo posizionamento corretto, il mantenimento di una temperatura non troppo bassa rispetto all’ambiente esterno e un’attenta manutenzione sono tutte azioni che aiutano a risparmiare energia.

Vediamole nel dettaglio.

Scegliere la classe energetica e la tecnologia del condizionatore

In fase di scelta di un nuovo condizionatore è fondamentale valutarne la classe energetica: attraverso la classe si indica l’effettivo consumo dell’apparecchio e la sua efficienza. Esiste infatti una specifica normativa sui condizionatori e le pompe di calore (la serie UNI EN 14511) che regola la materia e rappresenta il riferimento per la certificazione delle prestazioni.

I climatizzatori con classe energetica A+++ sono indubbiamente l’opzione ottimale per chi sta valutando l’acquisto di un nuovo condizionatore. Si tratta della classe superiore perché garantisce il miglior rendimento della categoria. Pertanto, più è alta la classe energetica, minori sono i consumi. Ciò costituisce un grande vantaggio non solo per le tue tasche ma anche per l’ambiente.

Tutte le informazioni a riguardo sono a disposizione del consumatore. Gli apparecchi elettrici, difatti, devono sottostare alla normativa europea che prevede l’obbligo di etichetta energetica: il suo scopo è quello di incentivare il mercato di elettrodomestici, e di apparecchiature in generale, a produrre macchine sempre più performanti che possono svolgere le stesse funzioni utilizzando meno energia.

Nell’etichetta energetica europea sono rappresentate le classi energetiche esistenti sotto forma di scala, suddivisa in sette segmenti tutti di colore diverso. Ad ognuno è associata una lettera (dalla A+++ alla G): i segmenti verdi identificano ovviamente le classi più efficienti mentre i rossi quelle meno performanti. Puoi scoprire la classe di un particolare apparecchio in vendita cercando la lettera su sfondo nero, di fianco al corrispondente segmento cui appartiene.

I condizionatori di ultima generazione, inoltre, dispongono di tecnologie innovative che li rendono più funzionali, come ad esempio l’inverter. Esso permette di adeguare la velocità del motore alla temperatura dell’ambiente circostante, quindi alle reali condizioni termiche della stanza, facendo risparmiare anche il 30% di elettricità rispetto al vecchio modello on/off. Oltre, ovviamente, a diminuire le emissioni inquinanti.

Pertanto se possiedi un condizionatore molto datato potresti valutare la possibilità di sostituirlo con uno più moderno e iniziare a risparmiare da subito.

Individuare il posizionamento migliore

Capire quale sia la posizione migliore durante l’installazione del climatizzatore è un ulteriore accorgimento che può assicurarti un risparmio notevole.

La soluzione ideale è quella di montare il condizionatore in ciascuna delle stanze che vuoi rinfrescare. Sistemarne uno in corridoio per raffrescare tutte le camere non si rivela, infatti, una scelta conveniente: ti ritroveresti con un andito molto freddo e le altre stanze più calde di quanto vorresti, producendo a tutti gli effetti uno spreco di energia e di soldi per avere un ambiente inutilizzato fresco e il resto dell’abitazione comunque caldo.

Oltre a ciò, dovresti posizionare i condizionatori su una parete in alto, in modo che l’aria fresca scenda verso il basso mescolandosi con l’aria calda. Naturalmente, evita di collocare ostacoli davanti ai condizionatori perché ne impedirebbero il corretto funzionamento.

Impostare la temperatura corretta

Ma veniamo nel concreto all’utilizzo del macchinario. Impostare il condizionatore per non consumare, o comunque consumare meno, è un’azione che può farti risparmiare cifre consistenti in bolletta. La prima indicazione è quella di tenere in casa una temperatura corretta: non selezionare una temperatura troppo bassa rispetto all’esterno, rischieresti di produrre uno sbalzo termico poco salutare.

Ti basterà impostarla di 5-8 gradi inferiore rispetto a quella esterna per stare bene all’interno della tua abitazione e ridurre il prezzo della bolletta. Puoi anche usare la funzione deumidificatore se il tuo climatizzatore la possiede. È in assoluto la modalità in cui il condizionatore consuma meno perché permette all’apparecchio di lavorare quando ci sono temperature più miti consumando pochissimo. Se non l’hai mai sperimentata prova e vedrai subito i benefici!

Migliorare l’efficienza del condizionatore

Puoi migliorare l’efficienza del tuo condizionatore con altri piccoli trucchi. Per esempio, durante le ore più calde del giorno puoi schermare la luce del sole utilizzando tende, tapparelle e persiane. Facendo ciò, il calore proveniente dall’esterno diminuirà nettamente e impiegherai meno energia per rinfrescare la casa. Un’altra soluzione è quella di abbinare all’uso del climatizzatore anche un ventilatore da soffitto: l’accostamento dei due metodi ti garantisce un raffreddamento rapido dell’ambiente e di conseguenza un utilizzo moderato dell’impianto.

La maggior parte dei climatizzatori poi possiede un timer: impostandolo terrai acceso l’apparecchio solamente per il tempo necessario. Se stai tutta la giornata a lavoro o fuori casa puoi programmare l’accensione del condizionatore poco prima del tuo rientro in modo da avere una temperatura piacevole senza però aver sprecato corrente.

Infine, l’isolamento dell’ambiente è un altro fattore decisivo quando si parla di sprechi. Se la tua casa ha un’elevata dispersione è inevitabile che l’impianto termico impieghi più tempo sia per raffreddare che per riscaldare le stanze. Migliorare l’isolamento della tua abitazione tramite l’installazione di infissi adeguati ti porterà a risparmiare anche d’inverno.

Manutenzione: come e quando farla

Ultimo punto, ma non per importanza, è la manutenzione dei condizionatori. Per quanto riguarda la manutenzione straordinaria, in cui si controllano i livelli del gas e le tubazioni, è raccomandato affidarsi ad un installatore esperto almeno una volta l’anno, preferibilmente prima di accendere l’impianto.

La manutenzione ordinaria andrebbe effettuata con regolarità, non esiste una scadenza fissa perché dipende dall’utilizzo del condizionatore stesso. Va verificata la pulizia dei filtri dell’aria dove si accumulano acari e sporcizia affinché non si creino colonie di batteri. Inoltre, tenere il climatizzatore libero dalla polvere aiuta anche a mantenere un flusso adeguato di aria e non limitarlo.

Adesso hai tutti gli strumenti che ti servono per scegliere il climatizzatore giusto e soprattutto per usarlo nel modo corretto. Ridurre i consumi dei condizionatori è possibile: metti in pratica questi consigli e goditi l’estate in tranquillità!

Tutti I Corsi
Avatar photo

Il Blog di Unione Professionisti è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata al mondo del lavoro e delle libere professioni. Con i professionisti ci rapportiamo e confrontiamo ogni giorno per fornire un'informazione dettagliata a 360 gradi. Il nostro staff di collaboratori è composto da giornalisti, professionisti, esperti in formazione professionale, grafici, esponenti del mondo imprenditoriale e non solo. Oltre alle classiche news, alle guide tecniche, agli approfondimenti tematici, alle segnalazioni di opportunità lavorative, offriamo anche un utile servizio di documenti in pdf (normative, fac-simile, modulistica … ) liberamente scaricabili e riutilizzabili.

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Non ci sono ancora commenti, ma puoi essere il primo a commentare questo articolo.

Lascia un commento