Smart City per un futuro sostenibile: esempi nel mondo

Corso Progettare la Smart Home

Valuta questo articolo

Sei il primo. Vota Ora!!!

Cos’è una Smart City

Una Smart City è una città «città intelligente» che gestisce le risorse in modo intelligente e con attenzione a sostenibilità, allo sviluppo di nuove tecnologie e al benessere di suoi abitanti.

Vantaggi della Smart City

Sono molti i vantaggi delle Smart City:

  • sostenibilità e attenzione al risparmio energetico contribuiscono alla salvaguardia del Pianeta e a migliorare le vita di chi ci abita
  • lo sviluppo di nuove tecnologie, come l’IoT – Internet of Things -, porta le città ad evolversi, a un uso più intelligente delle risorse disponibili 
  • la nascita di nuove infrastrutture permettono a tutti di muoversi più velocemente e in modo più sostenibile da un punto all’altro della città
  • investire sul capitale umano porta a diminuire le disuguaglianze economiche, a una migliore qualità della vita e a un possibile governo partecipato

Rischi e svantaggi della Smart City

Oltre ai tanti vantaggi ci sono, però, anche degli aspetti che vanno controllati perché non diventino degli svantaggi per le Smart City e chi le abita:

  • gli investimenti necessari per l’adeguamento delle città nelle infrastrutture e nell’ICT, Information and Communications Technology
  • la difficoltà dell’interoperabilità, ovvero di coordinare le varie realtà locali per realizzare una strategia comune
  • difficoltà di creare un piano di inserimento delle tecnologie ICT.

Tecnologie della Smart City

Ecco alcune delle tecnologie più importanti per lo sviluppo della Smart City:

IoT – Internet of Things

Un insieme di tecnologie che permettono agli oggetti di comunicare tra loro. Gli oggetti diventano intelligenti, tramite l’uso di un chip, detto tag RFID, che tramite una piccola antenna viene letto da un dispositivo – fisso o mobile. Le informazioni vengono elaborate da un software che può essere integrato a un sistema gestionale. La comunicazione funziona per protocolli.

Un esempio di applicazione è la progettazione di Smart Home ovvero la possibilità di automatizzare e comandare a distanza l’illuminazione, il riscaldamento, l’antifurto tramite il proprio smartphone o un home speaker. Col tempo l’IoT viene utilizzato anche per rendere più smart le città: velocizzare la logistica, tracciare i vestiti e contrastare la contraffazione e il mercato nero, il pagamento ai caselli evitando la fila; il tracciamento delle sacche del sangue negli ospedali.

Il 5G

Una nuova rete mobile che permetterebbe di collegare più dispositivi contemporaneamente, il caricamento e il download di file più veloci rispetto all’uso del 4G . I tempi di risposta saranno 10 volte più veloci rispetto a quelli attuali. La rete funziona tramite un sistema di antenne nuove che permetteranno di far durare di più le batterie dei cellulari.

Una rete più veloce permetterebbe lo sviluppo di nuovi servizi come il MIoT, ovvero il Massive IoT che consiste nella connessione di milioni di oggetti e sensori molto vicini tra loro importante utile nelle Smart City in diversi ambiti.

Alcuni esempi: si potrebbero avere i dati del traffico in tempo reale, aumentare il livello di sicurezza sfruttando l’uso dei droni, effettuare interventi medici a distanza.

Open data e Big data

Abbiamo un’enorme quantità di dati disponibili che è possibile conservare in cloud, spazi virtuali. Se si andrà avanti nello studio e nell’analisi dei dati sarà possibile simulare alcuni comportamenti futuri di gruppi di persone in modo da organizzare meglio la logistica in varie situazioni, da quelle ordinarie come il traffico a quelle straordinarie come feste o manifestazioni.

Le città del futuro nel mondo e in Italia

Ci sono già alcuni esempi di Smart City in Italia e nel mondo come: Singapore, Boston e Milano. A Singapore stanno già sperimentando alcune nuove tecnologie per prevedere il comportamento delle persone. La variazione dinamica del pedaggio di alcune strade ad alta densità di traffico in base alle previsioni dei flussi veicolari in modo da ottimizzare la gestione della viabilità. 

A Boston, invece, si usano tecniche di intelligenza artificiale e processi cognitivi per la raccolta differenziata dei rifiuti urbani. Simulano il comportamento dei cittadini nei diversi quartieri in base ad eventi come feste, manifestazioni, o altro, in base al meteo e alle condizioni socio-economiche del territorio.

Milano: città più smart d’Italia

A Milano è la città che per il sesto anno si è confermata come la città più smart d’Italia secondo il City Rank.

Il City Rank è un rapporto in cui FPA – Forum PA –  individua e analizza diversi ambiti della vita urbana e stabilisce degli indici “settoriali”. L’obiettivo è valutare l’uso di strumenti di intelligenza urbana, per la promozione e lo sviluppo di forme sostenibili, incremento di uso di mezzi alimentati da energia pulita per gli spostamenti in città. 

Milano ha pubblicato le Linee Guida per uno sviluppo intelligente già nel 2014. Entro il 2050 si dovranno raggiungere importanti obiettivi: ridurre le emissioni di gas serra fino ad un massimo del 90%, sviluppare nuove metodologie per la produrre e usare energia a basse emissioni di CO2.

Professional USB
Sarah Saccullo

Copywriter e blogger, innamorata delle storie delle persone. Racconto in punta di penna le aziende e i professionisti attraverso i testi che scrivo per i loro siti e blog. Entusiasta e sempre curiosa, amo l'architettura, l'arte e la bakery.