Come risparmiare sulla bolletta Enel: consigli e una guida pratica

Scopri come risparmiare sulla bolletta Enel.

Corso Energy Manager

Valuta questo articolo

Come risparmiare sulla bolletta Enel: consigli e una guida pratica Totale 4.60 / 5 5 Voti

Come abbassare la bolletta: consigli pratici 

Ci sono molti piccoli gesti che è possibile fare ogni giorno per abbassare il costo della bolletta: una migliore gestione della bolletta, il controllo dello spegnimento degli elettrodomestici, l’attenzione al loro uso nelle giuste fasce orarie e la scelta di elettrodomestici che siano della giusta classe energetica, oltre a un investimento nel fotovoltaico.

Migliorare la gestione dell’illuminazione in casa

Il primo passo per risparmiare sulla bolletta è fare attenzione alle luci in casa: spegnerle quando non ci servono. Un altro accorgimento è sostituire le vecchie lampade – se ancora in uso – con nuove lampade che usano la tecnologia LED: durano molto di più e consumano meno energia elettrica.

Attenzione al consumo degli elettrodomestici in stand-by

Spesso capita di lasciare la TV accesa: non basta spegnere con il pulsante del telecomando. Bisogna fare attenzione a spegnerla dalla presa in modo che il led rosso sia spento e non costantemente acceso. La stessa cosa può capitare con altri elettrodomestici che se non spenti correttamente rimangono in stand – by, sospensione, e continuano a consumare energia elettrica.

Investimento nel fotovoltaico

Un altro modo efficace per è investire nell’installazione di un impianto fotovoltaico in modo da autoprodurre l’energia per alimentare gli impianti elettrici e anche per il riscaldamento dell’acqua. 

Questo tipo di impianto non emette anidride carbonica, riduce l’effetto serra e il surriscaldamento globale. Il costo di manutenzione è basso e l’energia autoprodotta in eccesso può essere venduta.

Attenzione alle fasce orarie

Bisogna fare attenzione alle fasce orarie in cui si accendono gli elettrodomestici. Tutte le offerte luce casa tendono a suddividere la giornata in tre fasce orarie: F1, F2, F3. Nel caso di un contratto a tariffa variabile bisogna fare attenzione a utilizzare gli elettrodomestici nella fascia oraria più economica. Inoltre, il tempo massimo di accensione giornaliero è indicato per legge e cambia a seconda delle 6 zone climatiche in cui è suddivisa l’Italia.

Attenzione alla classificazione energetica degli elettrodomestici

Ogni elettrodomestico ha una sua etichetta in cui è indicata anche la classe energetica, o meglio, la classe di efficienza energetica che indica i consumi annuali in kWh di un elettrodomestico con lettere che vanno dalla A+++ alla G.

L’obbligo della categorizzazione è stato stabilito dall’Unione Europea con l’entrata in vigore della Direttiva Ue 2010/30.Più alta è la classe – più è vicina alla A+++ – meno consumerà quell’elettrodomestico. Dunque, nell’acquisto di un elettrodomestico è molto importante leggere bene la energy label, l’etichetta che ci informa sul consumo energetico, e non solo.

Corsi Academy
Redazione

Il Blog di Unione Professionisti è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata al mondo del lavoro e delle libere professioni. Con i professionisti ci rapportiamo e confrontiamo ogni giorno per fornire un'informazione dettagliata a 360 gradi. Il nostro staff di collaboratori è composto da giornalisti, professionisti, esperti in formazione professionale, grafici, esponenti del mondo imprenditoriale e non solo. Oltre alle classiche news, alle guide tecniche, agli approfondimenti tematici, alle segnalazioni di opportunità lavorative, offriamo anche un utile servizio di documenti in pdf (normative, fac-simile, modulistica … ) liberamente scaricabili e riutilizzabili.

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Non ci sono ancora commenti, ma puoi essere il primo a commentare questo articolo.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi contrassegnati con * sono obbligatori*