Bando di assunzione per ingegneri civili e architetti: 12 posti di funzionario alla UE – scadenza 22 luglio –

Il Parlamento europeo ha avviato la procedura di assegnazione di 12 posti di funzionario (AD 6) presso la direzione generale delle Infrastrutture e della Logistica, alla Direzione delle Infrastrutture e alla Direzione dei Progetti immobiliari

Valuta questo articolo

Bando di assunzione per ingegneri civili e architetti: 12 posti di funzionario alla UE – scadenza 22 luglio – Totale 5.00 / 5 2 Voti

Il Parlamento europeo ha deciso di avviare, a norma dell’articolo 29, paragrafo 2, dello Statuto dei funzionari dell’Unione europea, la procedura di assegnazione di 12 posti di funzionario (AD 6) presso la direzione generale delle Infrastrutture e della Logistica, alla Direzione delle Infrastrutture e alla Direzione dei Progetti immobiliari.

I profili richiesti sono quelli di ingegnere civile e/o architetto in uno dei quattro settori seguenti:

  • Facility Management (gestione di impianti) (ingegnere)
  • Tecniche di costruzione (ingegnere specializzato in idraulica, aeraulica ed elettricità)
  • Gestione di progetti di costruzione: struttura (architetto o ingegnere)
  • Gestione di progetti di costruzione: impianti tecnici dell’edificio [riscaldamento, aerazione, climatizzazione, sanitari, elettricità (alta tensione, bassa tensione)], (ingegnere specializzato in impianti tecnici).

I candidati possono iscriversi ad uno solo dei quattro settori. SCARICA gratuitamente il bando con il modulo di partecipazione, clicca sul link che trovi al termine dell’articolo e scarica subito il PDF.

Tali posti richiedono qualifiche speciali, indicate al titolo A 3 b) del bando pubblicato sulla Gazzetta ufficiale Ue n. C 209 A/1 del 20 giugno 2019.

In servizio a Bruxelles, Lussemburgo o Strasburgo, i vincitori di concorso assunti saranno incaricati di supervisionare la gestione del parco e dei progetti immobiliari del Parlamento europeo. I candidati devono essere in possesso di una conoscenza approfondita [almeno livello C1 di una lingua ufficiale dell’Unione europea (lingua 1): bulgaro, ceco, croato, danese, estone, finlandese, francese, greco, inglese, irlandese, italiano, lettone, lituano, maltese, neerlandese, polacco, portoghese, rumeno, slovacco, sloveno, spagnolo, svedese, tedesco, ungherese, e un’ottima conoscenza [almeno livello B2] della lingua inglese o francese (lingua 2).

L’assunzione avverrà al grado AD 6, primo scatto, con una retribuzione mensile lorda di 5 416,58 EUR. La retribuzione è soggetta all’imposta comunitaria e alle altre trattenute previste dal regime applicabile ai funzionari dell’Unione europea, mentre è esente da imposte nazionali. Lo scatto in cui saranno inquadrati i candidati idonei potrà tuttavia essere adeguato in base alla loro esperienza professionale.

Inoltre, la retribuzione lorda è, subordinatamente a determinate condizioni, maggiorata di indennità.

Il Parlamento europeo applica una politica di pari opportunità e accetta le candidature senza discriminazione alcuna, che si tratti di discriminazioni fondate sul sesso, la razza, il colore della pelle, le origini etniche o sociali, le caratteristiche genetiche, la lingua, la religione o le convinzioni personali, le opinioni politiche o di qualsiasi altra natura, l’appartenenza a una minoranza nazionale, il patrimonio, la nascita, la disabilità, l’età, l’orientamento sessuale, lo stato civile o la situazione familiare.

Scarica l'approfondimento
Tutti I Corsi
Mauro Melis

Giornalista, Fotoreporter, Copywriter, Blogger, Web Writer, Addetto Stampa per giornali, riviste, enti pubblici e blog aziendali. Provo a descrivere il loro mondo e le loro storie, le loro passioni e le loro idee. "Tutto quello che ho per difendermi è l’alfabeto; è quanto mi hanno dato al posto di un fucile" P.R.