Come l’intelligenza artificiale cambierà il lavoro negli uffici

L’ufficio del futuro tra intelligenza artificiale e tecnologie da indossare

Valuta questo articolo

Come l’intelligenza artificiale cambierà il lavoro negli uffici Totale 5.00 / 5 3 Voti

Intelligenza artificiale e lavoro d’ufficio: da una  ricerca commissionata da Ricoh Europe a Coleman Parkes è emersa la tendenza, crescente e diffusa su tutto il territorio europeo, di mirare ad un posto di lavoro futuro caratterizzato caratterizzato da tecnologie che cambieranno significativamente il modo di lavorare.

Intelligenza artificiale, Ologrammi e tecnologie che si indossano diventeranno presto dei veri e propri colleghi per milioni di lavoratori europei.

La ricerca, realizzata proprio in occasione dei venticinque anni  dalla nascita del web, ha fatto emergere la tendenza nelle aziende dell’area UE ad una aspettativa di un posto di lavoro dove le tecnologie cambieranno il modo di lavorare.

La maggior parte dei dipendenti si immagina un posto di lavoro tecnologicamente evoluto, popolato di robot dall’intelligenza artificiale.

I dati divulgati dal report commissionata da Rich Europe e  Coleman Parkes  raccontano di una tecnologia che evolve sempre più velocemente verso un tipo di intelligenza artificiale.  Dati che presuppongono un progressivo incremento dei corsi di formazione professionale dedicati alla domotica.

Macchine sviluppate in modo che possano parlare, imparare e interagire come fanno gli essere umani, sono sempre più comuni nelle case. Negli uffici crescono invece le potenziali applicazioni di questa tecnologia. Il Customer Service ad esempio potrebbe essere interamente automatizzato mediante helpdesk virtuali che utilizzano l’intelligenza artificiale.

Robot e intelligenza artificiale

Le macchine che hanno superato il Test di Turing sono state definite come un primo passo verso applicazioni commerciali di intelligenza artificiale. Questa tecnologia potrebbe essere utilizzata, come viene fatto con i robot, per svolgere attività laboriose oppure per aumentare la conoscenza umana. Ad esempio l’assistente virtuale di un dottore potrebbe effettuare diagnosi e suggerire terapie studiando libri di medicina, osservando i medici mentre curano i pazienti e accedendo a repository di informazioni.

Tecnologie che si indossano

Stiamo per entrare nell’era degli accessori “smart” in cui i telefoni mobili e i tablet verranno sostituiti da tecnologie che si indossano. Il mercato degli smartwatch, ad esempio, è destinato a crescere rapidamente nell’immediato futuro.

Ologrammi

Come emerge dalla ricerca di Ricoh Europe, la realtà aumentata, unitamente agli strumenti interattivi touch, potrebbe portare a nuovi scenari e potenzialmente proiezioni 3D e ologrammi potrebbero diventare la normalità.

Corsi Crediti Architetti
Mauro Melis

Giornalista, Fotoreporter, Copywriter, Blogger, Web Writer, Addetto Stampa per giornali, riviste, enti pubblici e blog aziendali. Provo a descrivere il loro mondo e le loro storie, le loro passioni e le loro idee. "Tutto quello che ho per difendermi è l’alfabeto; è quanto mi hanno dato al posto di un fucile" P.R.