Tetti verdi: cosa sono, quali sono i costi e i vantaggi

Corso Case Ecologiche

Valuta questo articolo

Sei il primo. Vota Ora!!!

Tetti verdi: estensivi e intensivi

Un tetto verde può essere di due tipologie:

  • estensivo: non è calpestabile e si può realizzare su superfici piane e inclinate
  • intensivo: è calpestabile e può essere realizzato solo su una superficie piana.

I vantaggi dei tetti verdi

Scegliere un tetto verde anziché un tetto classico significa avere molto vantaggi come:

  • abbassare la temperatura dell’ambiente esterno 
  • regolare il flusso dell’acqua piovana, 
  • purificare l’aria
  • migliorare il comfort dentro casa
  • risparmiare energia
  • favorire la biodiversità anche in città.

Quanto costa realizzare un tetto verde

Il costo per realizzare un tetto verde dipende dalla stratificazione usata nella progettazione e dal tipo di vegetazione impiantata. Ecco alcune idee di costi in base al tipo vegetazione utilizzata:

  • solo prato: da 32,50 € a 150,00 € al mq
  • con vegetazione media: da 40,00 € a 165,00 € al mq
  • con vegetazione fitta: da 55,00 € a 170,00 € al mq

Il un costo medio di un tetto verde è di circa 100,00- 200,00 euro al metro quadro.

Sono molti contributi per i tetti verdi.

Tecniche di realizzazione

La realizzazione di un tetto verde avviene per strati successivi. Solitamente gli strati che non possono mancare in un tetto verde intensivo sono, dal basso verso alto:

  • solaio
  • strato bituminoso impermeabilizzante
  • membrana impermeabile e membrana antiradice
  • strato drenante per smaltire l’acqua piovana
  • strato filtrante: solitamente è una membrana in polietilene impermeabile all’acqua
  • substrato di coltivazione e vegetazione: la dimensione cambia a seconda del tipo di vegetazione scelta -alberi, fiori, roseti, arbusti, ecc… .

Questo è un tipo di stratificazione ma ogni progettista può scegliere i materiali che ritiene più adatti a svolgere le varie funzioni.

Tetti verdi: alcuni esempi

Il Museo di Storia Naturale a Shanghai


Un green building ispirato nella forma a una conchiglia. Il museo ha una copertura verde calpestabile che parte dal tetto per scendere di quota seguendo la forma sinuosa e congiungersi al piano terra con un giardino pensile e un piccolo lago.

Il Policlinico di Milano

Il progetto del Policlinico è iniziato nel 2008 e si è concluso nel 2018. L’architetto Stefano Boeri – che aveva già progettato il Bosco Verticale – ha previsto un tetto verde: 6900 mq di verde che ospita diverse specie vegetali,  Il Giardino Alto – così è stato chiamato il tetto – ospita percorsi riabilitativi per i pazienti ed aree ricreative per i cittadini.

Promozione Fastwebi
Sarah Saccullo

Copywriter e blogger, innamorata delle storie delle persone. Racconto in punta di penna le aziende e i professionisti attraverso i testi che scrivo per i loro siti e blog. Entusiasta e sempre curiosa, amo l'architettura, l'arte e la bakery.