Quali sono gli spazi confinati: definizione e normativa

Corso Aggiornamento RSPP
Rate this post

Gli spazi confinati rappresentano una delle categorie di ambienti di lavoro più pericolosi, a causa delle condizioni particolari che possono presentare. La conoscenza approfondita della definizione, della normativa e delle procedure di sicurezza è essenziale per prevenire incidenti e garantire la salute dei lavoratori. Analizziamo in dettaglio cosa sono gli spazi confinati, quali normative li regolamentano e quali sono le misure di sicurezza da adottare.

Definizione di spazio confinato

Uno spazio confinato è un ambiente caratterizzato da aperture limitate per l’entrata e l’uscita, una ventilazione naturale sfavorevole e una potenziale presenza di sostanze pericolose. Questi ambienti non sono progettati per essere occupati continuamente da lavoratori. Più nello specifico:

  • accesso limitato: le aperture di entrata e uscita sono ristrette e possono rendere difficoltose le operazioni di soccorso in caso di emergenza;
  • ventilazione inadeguata: la ventilazione naturale è spesso insufficiente, il che può portare all’accumulo di gas tossici, vapori infiammabili o deficit di ossigeno;
  • condizioni pericolose: la presenza di materiali pericolosi, come gas, vapori o polveri, aumenta il rischio di infortuni o malattie professionali.

Tipologie di luoghi confinati

Gli spazi confinati possono essere di vario tipo, a seconda della loro funzione e struttura. Ecco alcune tipologie comuni:

  • serbatoi e cisterne: utilizzati per lo stoccaggio di liquidi o gas;
  • pozzi e silos: spazi verticali spesso utilizzati per la raccolta di materiali solidi o liquidi;
  • condotti e gallerie: utilizzati per il passaggio di fluidi, cavi o persone;
  • camerette sotterranee: spazi utilizzati per installazioni tecniche o di servizio.

Normativa di riferimento

La normativa italiana che disciplina la sicurezza nei lavori in spazi confinati si riconduce principalmente al DPR 177/2011, che stabilisce le regole per la qualificazione delle imprese e dei lavoratori autonomi operanti in ambienti sospetti di inquinamento o confinati. Questo decreto prevede una serie di obblighi per garantire la sicurezza e la salute dei lavoratori.

DPR 177/2011 in dettaglio

Il DPR 177/2011 introduce specifiche disposizioni per la gestione della sicurezza negli spazi confinati, tra cui:

  • formazione e addestramento: i lavoratori devono ricevere una formazione adeguata e un addestramento specifico sui rischi presenti negli spazi confinati e sulle procedure di emergenza;
  • dispositivi di protezione individuale (DPI): devono essere forniti e utilizzati adeguati DPI, come rilevatori di ossigeno, maschere antigas, imbracature e sistemi di ancoraggio;
  • procedure di lavoro sicure: devono essere stabilite procedure operative standard per l’accesso, il lavoro e l’uscita dagli spazi confinati;
  • piano di emergenza: deve essere predisposto un piano di emergenza che preveda l’evacuazione e il soccorso dei lavoratori in caso di incidente.

Sicurezza nei lavori in spazi confinati

Per prima cosa, per garantire la sicurezza, è fondamentale saper riconoscere un ambiente confinato. La sicurezza nei lavori in spazi confinati richiede l’adozione di misure preventive e protettive specifiche. Di seguito vediamo alcuni aspetti fondamentali.

Dispositivi di protezione individuale (DPI)

L’uso di dispositivi di protezione individuale è essenziale per proteggere i lavoratori dai rischi presenti negli spazi confinati. I principali DPI includono:

  • rilevatore di ossigeno: per monitorare i livelli di ossigeno e la presenza di gas tossici;
  • maschere e respiratori: per proteggere le vie respiratorie;
  • imbracature e funi di sicurezza: per prevenire cadute e facilitare il recupero dei lavoratori in caso di emergenza.

Procedura per lavori in spazi confinati

La procedura per i lavori in spazi confinati deve essere dettagliata e rigorosa.

  1. Valutazione dei rischi: identificazione e valutazione dei potenziali pericoli presenti nell’ambiente confinato.
  2. Pianificazione del lavoro: definizione delle fasi operative, delle attrezzature necessarie e delle misure di sicurezza.
  3. Formazione del personale: addestramento specifico sui rischi e sulle procedure di emergenza.
  4. Verifica delle condizioni ambientali: controllo dei livelli di ossigeno e della presenza di sostanze pericolose.
  5. Monitoraggio continuo: sorveglianza costante delle condizioni ambientali durante l’esecuzione dei lavori.

Gli spazi confinati rappresentano un ambiente di lavoro ad alto rischio che richiede un’attenzione particolare e misure di sicurezza rigorose. La conoscenza delle normative, come il DPR 177/2011, e l’adozione di procedure operative standardizzate sono fondamentali per garantire la sicurezza dei lavoratori. È essenziale quindi che le imprese e i lavoratori siano adeguatamente formati e attrezzati per affrontare le sfide specifiche di questi ambienti, prevenendo incidenti e proteggendo la salute di tutti gli operatori coinvolti.

Se sei un professionista del settore e vuoi saperne di più sui corsi di formazione per la sicurezza sul lavoro, puoi consultare il corso di aggiornamento RSPP disponibile su Unione Professionisti, un corso di 40 ore pensato per restare sempre aggiornati in materia di prevenzione e protezione sul lavoro.

Webinar Case Green
Avatar photo

Il Blog di Unione Professionisti è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata al mondo del lavoro e delle libere professioni. Con i professionisti ci rapportiamo e confrontiamo ogni giorno per fornire un'informazione dettagliata a 360 gradi. Il nostro staff di collaboratori è composto da giornalisti, professionisti, esperti in formazione professionale, grafici, esponenti del mondo imprenditoriale e non solo. Oltre alle classiche news, alle guide tecniche, agli approfondimenti tematici, alle segnalazioni di opportunità lavorative, offriamo anche un utile servizio di documenti in pdf (normative, fac-simile, modulistica … ) liberamente scaricabili e riutilizzabili.

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Non ci sono ancora commenti, ma puoi essere il primo a commentare questo articolo.

Lascia un commento