Guida al Capitolato Generale e Capitolato Speciale d’appalto

Corso Partecipare alle Gare D'appalto

Valuta questo articolo

Sei il primo. Vota Ora!!!

Cos’è il Capitolato

Il capitolato d’appalto è un documento tecnico, allegato al contratto di appalto, all’interno del quale vengono definite le specifiche tecniche delle opere che si estinguono per effetto del contratto stesso. 

All’interno del documento troviamo il dettaglio delle opere, i materiali usati, le modalità per la realizzazione e tutti i requisiti considerati essenziali per la corretta esecuzione. In genere comprende un riferimento economico per ognuna delle voci riportate nel documento.

La lista delle prestazioni presenti nel capitolato d’appalto viene utilizzata dall’appaltante per valutare la proposta dell’appaltatore. Quando l’appalto è concesso da enti pubblici sarà soggetto a una gara d’appalto pubblica per l’aggiudicazione. Il documento dovrà dipendere da specifiche norme con un elevato grado di dettaglio.

I capitolati possono essere generali e speciali.

Il Capitolato Generale d’appalto

Il contenuto del capitolato generale è definito dal Dm n.145 del 19 aprile 2000 (Gu n. 131 del 7 giugno 2000), disciplina le condizioni più importanti e i rapporti contrattuali tra l’appaltante e l’appaltatore. Nello specifico comprende:

  • il dettaglio delle opere
  • le modalità di realizzazione
  • i materiali da utilizzare 
  • i requisiti per la corretta esecuzione
  • un riferimento economico per ciascuna delle categorie individuate

Tutte le disposizioni devono essere richiamate nel contratto d’appalto.

Il Capitolato Speciale d’appalto

Il capitolato speciale d’appalto nei lavori pubblici è un documento che definisce i requisiti e la qualità delle opere da realizzare. Questo documento pone una particolare attenzione verso i materiali usati e le modalità di esecuzione dei lavori. 

Rispetto a quello generale, il capitolato speciale d’appalto è più dettagliato e varia in base alla tipologia dell’intervento e dei lavori da realizzare. 

Come e quando redigere il Capitolato Generale

Il capitolato generale d’appalto è composto da 14 articoli, quali:

  1. contenuto del Capitolato Generale
  2. domicilio dell’appaltatore
  3. indicazione delle persone che possono riscuotere
  4. condotta dei lavori da parte dell’appaltatore
  5. cantieri, attrezzi, spese ed obblighi generali a carico dell’appaltatore
  6. disciplina e buon ordine dei cantieri
  7. spese di contratto, di registro ed accessorie
  8. provvista dei materiali
  9. sostituzione dei luoghi di provenienza dei materiali previsti in contratto
  10. difetti di costruzione
  11. verifiche nel corso di esecuzione dei lavori
  12. durata giornaliera dei lavori
  13. proprietà degli oggetti trovati
  14. proprietà dei materiali di demolizione

Al suo interno, il capitolato generale deve contenere i seguenti contenuti:

  • l’elezione del domicilio dell’esecutore
  • le modalità di indicazione delle persone autorizzate a riscuotere per conto dell’esecutore
  • le norme di condotta dei lavori da parte dell’esecutore
  • la disciplina e il buon ordine nei cantieri
  • le spese di contratto di registro ed accessorie
  • la provvista e provenienza dei materiali
  • le responsabilità e gli obblighi dell’esecutore per i difetti di costruzione
  • la durata giornaliera dei lavori
  • la proprietà degli oggetti trovati e dei materiali di demolizione

Il capitolato generale d’appalto è obbligatorio per gli appalti affidati dalle pubbliche amministrazioni, tra cui quelli per i lavori edili. Questo documento non è obbligatorio per i privati.

Come e quando redigere il Capitolato Speciale

Il capitolato speciale può essere diviso in due parti:

  • parte tecnica, con le prestazioni tecniche ben dettagliate che illustra le norme per ogni lavorazione, i requisiti per l’accettazione dei materiali dei componenti e, in alcuni casi, anche l’ordine di svolgimento delle singole lavorazioni. In presenza di componenti prefabbricati, è necessario specificare le caratteristiche principali, fornire la documentazione che attesti l’omologazione e l’esito delle prove di laboratorio da parte del direttore dei lavori. Quest’ultimo contatterà il progettista per assicurarsi che vi sia coerenza con le scelte progettuali;
  • parte amministrativa, con la descrizione delle lavorazioni che illustra gli elementi necessari per una spiegazione tecnica ed economica della prestazione e integra anche gli aspetti non deducibili dagli elaborati grafici del progetto esecutivo.

In caso di contratto di appalto di lavori edili, il capitolato speciale ha il compito di specificare nel dettaglio ogni aspetto, tecnico e finanziario, espresso nel contratto stesso.

Il capitolato speciale d’appalto va sempre compilato in caso di appalti pubblici. Non risulta obbligatorio invece negli appalti privati. In ogni caso, è consigliato averlo anche in caso di lavori privati in quanto rappresenta un grande vantaggio per il committente. Grazie alla presenza del capitolato, il committente è tutelato giuridicamente nel corso dell’appalto.

Per redigere i capitolati d’appalto, generali e speciali, è necessario acquisire le giuste competenze per comprendere la disciplina che regola questo genere di rapporti. Questo è possibile grazie alla partecipazione al corso gare d’appalto che fornisce tutte le conoscenze in materia.

Promozione Fastwebi

Il Blog di Unione Professionisti è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata al mondo del lavoro e delle libere professioni. Con i professionisti ci rapportiamo e confrontiamo ogni giorno per fornire un'informazione dettagliata a 360 gradi. Il nostro staff di collaboratori è composto da giornalisti, professionisti, esperti in formazione professionale, grafici, esponenti del mondo imprenditoriale e non solo. Oltre alle classiche news, alle guide tecniche, agli approfondimenti tematici, alle segnalazioni di opportunità lavorative, offriamo anche un utile servizio di documenti in pdf (normative, fac-simile, modulistica … ) liberamente scaricabili e riutilizzabili.

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Non ci sono ancora commenti, ma puoi essere il primo a commentare questo articolo.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi contrassegnati con * sono obbligatori*

p class="comment-form-comment">