Cosa fa l’auditor ambientale, professionista sempre più richiesto

Corso Auditor/Lead Auditor Sistemi di Gestione Ambientale UNI EN ISO 14001:2015 – 40 ore
Rate this post

Sappiamo bene quanto la sostenibilità ambientale sia un tema più che attuale che mai. Lo dimostra, infatti, l’impegno della stessa Unione Europea sulla transizione ecologica, tramite l’ambizioso progetto NextGenerationEU, che punta alla decarbonizzazione del continente entro il 2050. Ma la lotta contro il cambiamento climatico è uno degli obiettivi principali anche dell’Agenda 2030 dell’ONU.

Questi programmi politici improntati a uno sviluppo economico sostenibile hanno ovviamente un forte impatto anche sulle scelte di piccole, medie e grandi imprese. La maggiore responsabilizzazione che ci viene richiesta sulla questione, per avvicinarci sempre più ad avere un impatto zero sul pianeta, ha condotto alla creazione di norme che valutino il livello di sostenibilità in base al settore di riferimento. Ci riferiamo alla normativa UNI EN ISO 14001, redatta dall’International Organization for Standardization, che determina quali caratteristiche debba avere un sistema di gestione ambientale all’interno delle organizzazioni.

È in questo contesto che nasce l’Auditor di Sistemi di Gestione Ambientale, una figura molto ricercata dalle aziende per monitorare l’impatto ambientale dei propri processi produttivi. Vediamo, dunque, più nel dettaglio tutto ciò che riguarda questa nuova professione e che cos’è un audit ambientale.

Auditor ambientale, una nuova figura professionale

Come abbiamo anticipato, le nuove sfide ed esigenze di sostenibilità ambientale che ci vengono poste dall’attuale contesto politico mondiale, hanno creato nel tessuto economico nazionale la necessità di nuove professionalità, ovvero di esperti in sistemi di gestione ambientali (SGA).

Il ruolo dell’auditor ambientale è quindi quello di fornire supporto e indirizzare aziende e organizzazioni per ottenere le certificazioni ambientali. La figura si occuperà quindi di produrre tutta la documentazione richiesta tramite sopralluoghi e analisi, ma anche verificare che gli standard di riferimento vengano rispettati. Infine, dovrà gestire la fase di registrazione della certificazione tramite gli enti accreditati.

Di cosa si occupano gli auditor ambientali?

L’auditor ambientale, in poche parole, analizza i sistemi di gestione ambientale di qualsiasi tipo di organizzazione (aziende private ma anche pubbliche amministrazioni) per garantirne l’adeguatezza in base alla norma ISO 14001.

Più concretamente tale professionista conduce un “audit”, ovvero un

“processo sistematico, indipendente e documentato per ottenere le evidenze dell’audit (registrazioni, dichiarazioni di fatti o altre informazioni) e valutarle con obiettività, al fine di stabilire in quale misura i criteri dell’audit sono stati soddisfatti” (norma ISO 19011:2011).

L’auditor, quindi, valuta il SGA di un’azienda secondo gli standard della normativa ISO partendo dalla conformità e idoneità del documento di politica ambientale, verificando poi le procedure di produzione, i servizi dell’organizzazione, ma anche gli stessi metodi di verifica degli aspetti ambientali e di controllo operativo delle prestazioni ambientali.

Tipi di auditor ambientali

Gli auditor possono condurre tre tipologie di audit:

  • di prima parte, sono audit interni, quindi eseguiti per conto della propria azienda, da un professionista che conosce a fondo tutti gli aspetti ambientali di quell’organizzazione;
  • di seconda parte, sono sempre audit per conto della propria azienda ma con lo scopo di valutare i fornitori, quando alcuni processi aziendali sono affidati in outsourcing. L’auditor perciò si assicurerà che il fornitore lavori in conformità ai principi della politica ambientale dell’azienda;
  • di terza parte, ovvero quelli svolti per conto di un organismo di certificazione (ad es. TUV, Bureau, SGS, ecc.). L’auditor si reca nelle aziende richiedenti per verificare la conformità alla norma ISO 14001.

Le competenze

Questa professione ambientale richiede la conoscenza, in generale, di tutte le tematiche riguardanti: ambiente e inquinamento, oltre che ovviamente di tutte le normative di riferimento. Come auditor ambientale, bisogna essere in grado di compiere rilevamenti ambientali e proporre le giuste soluzioni al fine di diminuire l’inquinamento derivante da processi produttivi e servizi legati a un’azienda.

Ovviamente, in caso di attività che operano in settori industriali con determinati rischi per l’ambiente deve conoscere la legislazione specifica di quel particolare settore.

Un buon auditor non può non possedere determinate soft skills come la capacità di relazione e di comunicazione, essendo quotidianamente in contatto con la direzione aziendale e i vari reparti di una società.

Quanto guadagna un auditor ambientale?

Lo stipendio degli auditor ambientali può variare molto in base agli anni di esperienza, al territorio in cui opera o lo specifico settore industriale in cui lavora. In linea di massima la retribuzione si aggira fra i 40.000 e i 70.000 euro l’anno.

Bisogna però tenere a mente che, ovviamente, un auditor con tantissimi anni di esperienze e con una specializzazione in un settore a elevato rischio avrà uno stipendio più alto rispetto a un collega che ha appena iniziato.

Come diventare auditor ambientale?

Per essere auditor ambientale è consigliato seguire degli studi specifici, tramite l’ottenimento di un diploma a indirizzo tecnico o scientifico oppure con una laurea in Ingegneria, Chimica o Scienze Ambientali.

Particolarmente indicata inoltre, è la specializzazione specifica in Audit Ambientale tramite Master post laurea o corsi di formazione nel settore green jobs, come quelli di Unione Professionisti. Il Corso ISO 14001 40 ore è pensato per tutti i professionisti, sia freelance che dipendenti, che desiderano diventare Auditor per i Sistemi di Gestione Ambientale e condurre audit di primo, secondo o terzo livello. La formazione è divisa in due moduli: il primo di 16 ore, fornisce tutti gli strumenti per gestire un audit in loco (partendo dalla fase organizzativa fino ad arrivare alla definizione degli organismi di certificazione), il secondo modulo di 24 ore, invece, si focalizza sugli aspetti legali e tecnici della normativa UNI EN ISO 14001:2015.

Gli sbocchi professionali

Come descritto nei paragrafi precedenti, il professionista può dedicarsi all’attività di auditor ambientale come consulente freelance, spostandosi tra le varie organizzazioni che il richiedono il suo servizio, ma può anche optare per una posizione da dipendente, specialmente nelle grandi aziende che hanno integrato un Sistema di Gestione Ambientale o all’interno degli stessi organismi di certificazione.

Quello dei green jobs è, senza dubbio, un settore in forte crescita, che richiede molte competenze specialistiche, ma che può dare grandi soddisfazioni a livello lavorativo.

Corsi Academy
Avatar photo

Il Blog di Unione Professionisti è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata al mondo del lavoro e delle libere professioni. Con i professionisti ci rapportiamo e confrontiamo ogni giorno per fornire un'informazione dettagliata a 360 gradi. Il nostro staff di collaboratori è composto da giornalisti, professionisti, esperti in formazione professionale, grafici, esponenti del mondo imprenditoriale e non solo. Oltre alle classiche news, alle guide tecniche, agli approfondimenti tematici, alle segnalazioni di opportunità lavorative, offriamo anche un utile servizio di documenti in pdf (normative, fac-simile, modulistica … ) liberamente scaricabili e riutilizzabili.

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Non ci sono ancora commenti, ma puoi essere il primo a commentare questo articolo.

Lascia un commento