Bonus terremoto da estendere anche alle seconde case

Bonus terremoto esteso alle seconde case? Aniem plaude alla nomina di Vasco Errani e chiede di estendere i bonus fiscali

Corso Antisismica

Valuta questo articolo

Bonus terremoto da estendere anche alle seconde case Totale 5.00 / 5 3 Voti

L’Associazione delle pmi edili sembra accogliere con soddisfazione le voci di estensione alle seconde case del cosiddetto Bonus terremoto e la preannunciata nomina di Vasco Errani quale commissario per la ricostruzione, in considerazione del lavoro e dell’esperienza recentemente maturata nel territorio emiliano.

 “La consapevolezza e la volontà che emergono di mettere in sicurezza il Paese dagli eventi sismici, non devono essere attenuate con l’esaurimento dell’onda emotiva e con il calo dell’attenzione mediatica. Per questo lanciamo al Governo una proposta concreta che ci auguriamo venga presa in considerazione in tempi brevi: estendere gli incentivi fiscali per i lavori di prevenzione e messa in sicurezza statica degli edifici anche alle seconde case,” dichiara Piacentini Presidente di Aniem, l’Associazione delle pmi edili di Confimi Industria.

“Nei luoghi del terribile sisma e in generale nelle cosiddette aree ad alta pericolosità sismica (zone sismiche 1 e 2), ci sono moltissime seconde case che in quanto tali sono meno abitate e soprattutto non usufruiscono delle detrazioni del bonus terremoto: riteniamo che estendere tale bonus fiscale anche a questa tipologia di case, permetterebbe un aumento incisivo degli interventi preventivi di messa in sicurezza degli edifici”.

Aggiunge Piacentini: “chiediamo inoltre al Governo di inserire altre misure concrete, come un bonus terremoto, nel pacchetto dei prossimi provvedimenti e abbiamo accolto con grande soddisfazione la scelta del Premier Renzi di promuovere una strategia articolata e strutturale della sicurezza antisismica del patrimonio immobiliare e storico del Paese”.

Il Presidente dell’Aniem propone, in particolare, alcune misure concrete che possono essere parte significativa di questo progetto. Misure come: l’attivazione di una seria ed approfondita analisi del patrimonio pubblico e privato, con conseguente classificazione del livello di sicurezza degli edifici, parimenti a quanto già avviene per l’aspetto energetico; è un passaggio fondamentale che va immediatamente attivato con incentivi fiscali e coinvolgimento responsabile degli ordini professionali a tariffe concordate partendo dalle aree a più elevato rischio sismico; l’incentivazione degli interventi di demolizione e ricostruzione, stabilizzando ed estendendo il bonus fiscale anche agli aumenti volumetrici che garantiscano sicurezza antisismica; la promozione di un progetto di messa in sicurezza degli edifici scolatici.

Relativamente alle prime misure adottate dal Governo sul post terremoto, l’Associazione delle pmi edili accoglie inoltre con soddisfazione la preannunciata nomina di Vasco Errani quale commissario per la ricostruzione, in considerazione del lavoro e dell’esperienza recentemente maturata nel territorio emiliano.

Corsi Crediti Ingegneri
Mauro Melis

Giornalista, Fotoreporter, Copywriter, Blogger, Web Writer, Addetto Stampa per giornali, riviste, enti pubblici e blog aziendali. Provo a descrivere il loro mondo e le loro storie, le loro passioni e le loro idee.
“Tutto quello che ho per difendermi è l’alfabeto; è quanto mi hanno dato al posto di un fucile” P.R.