Cade l’obbligo di invio telematico della Scia

Niente più obbligo di invio telematico della Scia. La novità è stata introdotta il 29 Gennaio con la pubblicazione del Decreto Legislativo numero 10

Valuta questo articolo

Cade l’obbligo di invio telematico della Scia Totale 5.00 / 5 4 Voti

Cade l’obbligo di invio telematico della Scia. È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 22 del 29 Gennaio 2016 il Decreto Legislativo 22 Gennaio 2016, n. 10 recante “Modifica e abrogazione di disposizioni di legge che prevedono l’adozione di provvedimenti non legislativi di attuazione, a norma dell’articolo 21 della legge 7 agosto 2015, n. 124” in attuazione a quanto previsto dalla legge 7 Agosto 2015, n. 124 recante “Deleghe al Governo in materia di riorganizzazione delle amministrazioni pubbliche”.

In particolare si evidenzia, tra le altre norme di legge eliminate, quella attinente all’obbligatorietà di invio telematico della Scia.

Ma andiamo a vedere nel dettaglio cosa cambia in materia di invio telematico della Scia.

Il D.Lgs. numero 10 del 2016 ha abrogato ufficialmente le disposizioni previste all’art. 23, comma 1-ter, del Decreto del Presidente della Repubblica del 6 Giugno 2001, numero 380 che erano state a loro volta precedentemente disposte dal Decreto-Legge 22 giugno 2012, n. 83 recante “Misure urgenti per la crescita del Paese.” Il Decreto Legge 22 Giugno 2012 n.83 (Semplificazioni in materia di autorizzazioni e pareri per l’esercizio dell’attività edilizia) all’articolo 13 prevedeva infatti la modifica dell’articolo 23 del Testo Unico in Edilizia.

Testualmente infatti si può leggere che: “La denuncia, corredata dalle dichiarazioni, attestazioni e asseverazioni nonché dai relativi elaborati tecnici, può essere presentata mediante posta raccomandata con avviso di ricevimento, ad eccezione dei procedimenti per cui è previsto l’utilizzo esclusivo della modalità telematica; in tal caso la denuncia si considera presentata al momento della ricezione da parte dell’amministrazione. Con regolamento, adottato ai sensi dell’articolo 17, comma 2, della legge 23 agosto 1988, n. 400, su proposta del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, di concerto con il Ministro per la pubblica amministrazione e semplificazione, d’intesa con la Conferenza unificata di cui all’articolo 8 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, e successive modificazioni, si procede alla individuazione dei criteri e delle modalità per l’utilizzo esclusivo degli strumenti telematici, ai fini della presentazione della denuncia di inizio attività”.

Sostanzialmente, quindi, viene eliminato l’obbligo esclusivo di invio telematico della Scia e della Dia previsto, nel 2012, sotto il Governo Monti.

Corsi Crediti Geometri
Mauro Melis

Giornalista, Fotoreporter, Copywriter, Blogger, Web Writer, Addetto Stampa per giornali, riviste, enti pubblici e blog aziendali. Provo a descrivere il loro mondo e le loro storie, le loro passioni e le loro idee. "Tutto quello che ho per difendermi è l’alfabeto; è quanto mi hanno dato al posto di un fucile" P.R.