Standard prestazionali ingegneri: novità in termini di professione e formazione

Consiglio nazionale ingegneri e l’UNI procedono alla definizione di nuovi standard prestazionali, novità per i professionisti del settore.

Valuta questo articolo

Standard prestazionali ingegneri: novità in termini di professione e formazione Totale 5.00 / 5 3 Voti

Il Consiglio Nazionale degli Ingegneri e l’UNI , con accordo stipulato nel mese di aprile 2014, hanno concordato di procedere allo sviluppo degli standard prestazionali degli ingegneri legati appunto allo svolgimento della libera professione di ingegnere.

Con questa procedura il Consiglio Nazionale intende dare il via ad una importante iniziativa, una sorta di piccola rivoluzione metodologica per tutti coloro che risultano iscritti all’albo professionale ( l’esercizio della professione di ingegnere è legato obbligatoriamente all’iscrizione all’albo professionale ndr ), e che svolgano la propria professione nei modi più disparati.

Cosa vogliono definire gli standard prestazionali redatti da Consiglio Nazionale ingegneri e UNI ?

Gli standard definiscono azioni, strumenti e comportamenti finalizzati a garantire prestazioni di qualità. Sono elaborati su base volontaria e NON sono obbligatori.

Essi tuttavia, nelle intenzioni del Consiglio Nazionale dovrebbero generare nel breve periodo dei vantaggi sia per quanto riguarda i liberi professionisti sia per quanto riguarda i committenti, il tutto in una prospettiva di trasparenza e di maggiore efficienza del mercato.

Gli standard prestazionali degli Ingegneri, inoltre, rappresenteranno uno strumento utile all’azione che gli Ordini territoriali degli ingegneri sono chiamati quotidianamente a svolgere. Essi consentiranno, infatti, di valutare e verificare il livello qualitativo delle prestazioni erogate dagli iscritti, permettendo un’azione più incisiva nel far rispettare le norme deontologiche e nel contrastare eventuali distorsioni della concorrenza nell’esercizio dell’attività professionale.

Quali saranno i contenuti degli standard prestazionali degli Ingegneri?

I contenuti degli standard prestazionali (elaborati dai gruppi di lavoro formati e gestiti in compartecipazione da UNI e CNI ndr ) dovranno mirare all’identificazione del le diverse fasi di sviluppo del singolo processo, ovvero la sequenza logica e/ o temporale delle varie operazioni tecniche che il professionista deve realizzare nello svolgimento di un incarico professionale.

Inoltre i gruppi di lavoro incaricati di stilare gli standard prestazionali ingegneri dovranno identificare; sia i tempi entro cui ciascuna prestazione professionale dovrà essere ragionevolmente portata a termine e introdurre specifiche procedure di controllo del processo di svolgimento delle attività modulate anche sulle diverse forme (singola, associata, società, mono o multidisciplinare ndr) in cui viene svolta l’attività professionale.

Corsi Crediti Ingegneri
Mauro Melis

Giornalista, Fotoreporter, Copywriter, Blogger, Web Writer, Addetto Stampa per giornali, riviste, enti pubblici e blog aziendali. Provo a descrivere il loro mondo e le loro storie, le loro passioni e le loro idee. "Tutto quello che ho per difendermi è l’alfabeto; è quanto mi hanno dato al posto di un fucile" P.R.