Esenzione delle imposte per gli immobili ricevuti in permuta purché efficientati

Legge di Bilancio: Gibiino (Fi) chiede al Governo di prevedere l'esenzione delle imposte per gli immobili ricevuti in permuta purche' efficientati

Valuta questo articolo

Esenzione delle imposte per gli immobili ricevuti in permuta purché efficientati Totale 5.00 / 5 1 Voti

Presentati al Senato alcuni ordini del giorno alla manovra a firma del Presidente dell’Osservatorio Parlamentare sul mercato immobiliare Sen. Vincenzo Gibiino. Sono stati stato presentati oggi in sede di discussione del disegno di legge “Bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2018 e bilancio pluriennale per il triennio 2018-2020” alcuni ordini del giorno da parte del Presidente dell’Osservatorio Parlamentare sul Mercato Immobiliare Sen. Vincenzo Gibiino che impegnano il Governo a valutare l’opportunità di prevedere l’esenzione a favore delle imprese costruttrici, per un tempo definito, dal pagamento delle imposte gravanti sugli immobili ricevuti in permuta a fronte della cessione di immobili, a condizione che le stesse imprese effettuino lavori di ristrutturazione sugli immobili ricevuti, visto che da oltre dieci anni il mercato immobiliare è in profonda crisi.

La richiesta di impegno al Governo arriva dopo che Fiaip, Confedilzia ed Ance hanno denunciato lo stallo e la crisi del settore immobiliare e sottolineato in più occasioni la necessità di coniugare la ripresa del mercato immobiliare con gli obiettivi di efficientamento energetico degli edifici per riqualificare così il patrimonio immobiliare italiano.

Il Senatore Vincenzo Gibiino ha inoltre proposto alcune modifiche al comma 22 dell’art.35 del D.L.n. 223/2006, utili a contrastare l’abusivismo professionale e, al tempo stesso, l’elusione e l’evasione fiscale nel settore immobiliare.

Il tutto per far si che l’obbligo di dichiarazione, in capo alle parti in sede di rogito, dell’ammontare della spesa sostenuta per la mediazione abbia l’obbligo di dichiarazione del numero della fattura rilasciata dal mediatore per l’attività svolta, oltre all’obbligo di identificazione di tutte le parti che intervengono al rogito al fine di contrastare più efficacemente l’abusivismo. Con tale soluzione vengono salvaguardate allo stesso tempo la trasparenza e tracciabilità della provvigione e la riservatezza richiesta dalle parti contraenti in merito all’ammontare della provvigione corrisposta.

Corsi Crediti Ingegneri
Mauro Melis

Giornalista, Fotoreporter, Copywriter, Blogger, Web Writer, Addetto Stampa per giornali, riviste, enti pubblici e blog aziendali. Provo a descrivere il loro mondo e le loro storie, le loro passioni e le loro idee. "Tutto quello che ho per difendermi è l’alfabeto; è quanto mi hanno dato al posto di un fucile" P.R.