Ecobonus, ristrutturazioni, mobili: cosa fare se il bonifico è errato?

Cosa fare e come comportarsi se la causale del bonifico per fruire delle detrazioni previste nella Legge di Stabilità per ecobonus e ristrutturazione edilizie risulta errato!

Valuta questo articolo

Ecobonus, ristrutturazioni, mobili: cosa fare se il bonifico è errato? Totale 5.00 / 5 4 Voti

Per fruire dell’ecobonus in caso di riqualificazione energetica degli edifici o del Bonus Ristrutturazioni, l’unica possibilità di pagamento è rappresentata dal bonifico bancario o postale.  Stesso iter previsto per accedere al  bonus arredi con detrazione fiscale al 50% . Oltre ad aver effettuato una ristrutturazione edilizia nell’immobile che si intende arredare con i mobili e gli elettrodomestici acquistati, bisogna anche aver pagato con bonifico bancario, bancomat o carta di credito.

Altre forme di pagamento per poter accedere all’ecobonus non sono previste.

Ma cosa accede se si è commesso un errore nella compilazione del bonifico, ad esempio indicando la causale sbagliata?

Nel caso sia stato commesso un errore nella compilazione del bonifico l’agevolazione fiscale non decade, ovvero non si perde il diritto alla detrazione purché al bonifico sia stata applicata la ritenuta d’acconto dell’8% e che vengano comunque rispettati gli altri vincoli imposti dalla normativa.

Ecobonus & Ristrutturazioni: ritenuta 8% nella Legge di Stabilità

In sostanza se si è commesso un errore nell’indicazione della causale del bonifico, ad esempio inserendo i riferimenti normativi relativi alla riqualificazione energetica degli edifici invece che a quelli riguardanti gli interventi di recupero del patrimonio edilizio, piuttosto che quelli relativi all’ecobonus,  si potrà comunque usufruire nella successiva dichiarazione dei redditi dello sconto IRPEF del 50%, diluito in 10 quote annuali di pari importo.

Stesso discorso nel caso in cui l’errore sia stato commesso all’inverso, ovvero indicando nella causale del bonifico i riferimenti normativi relativi agli interventi ristrutturazione edilizia invece di quelli previsti per la riqualificazione energetica degli edifici, purché siano stati rispettati tutti i presupposti per la fruizione della detrazione fiscale di cui si vuole usufruire.

Una tendenza ad agevolare i lavori edilizi vista come fondamentale in un paese, l’Italia, che presenta un patrimonio edilizio ormai vetusto.

Corsi Crediti Architetti
Mauro Melis

Giornalista, Fotoreporter, Copywriter, Blogger, Web Writer, Addetto Stampa per giornali, riviste, enti pubblici e blog aziendali. Provo a descrivere il loro mondo e le loro storie, le loro passioni e le loro idee.
“Tutto quello che ho per difendermi è l’alfabeto; è quanto mi hanno dato al posto di un fucile” P.R.