Come redigere il nuovo APE 2015 (Attestato Di Prestazione Energetica)?

Come redigere il nuovo APE 2015 ? Una breve analisi di come cambierà il lavoro e i compiti dei certificatori energetici italiani.

Corso Certificazione Energetica

Valuta questo articolo

Come redigere il nuovo APE 2015 (Attestato Di Prestazione Energetica)? Totale 5.00 / 5 8 Voti

Come  redigere il nuovo APE nazionale? A stabilirlo sono direttamente le nuove linee guida dirette alla professione dei certificatori energetici che, dopo tanti annunci e diversi rinvii, finalmente sembrano essere realtà.

L’inizio del nuovo APE è stato fissato, a meno di ulteriori e inattese modifiche, al primo ottobre prossimo, cosi da dare la possibilità ai tecnici italiani interessati il tempo di “impratichirsi” con il nuovo format. Format che si preannunciano ricchi di novità e di modifiche.

La novità più evidente per i certificatori energetici,che si troveranno impegnati nella stesura del nuovo APE 2015 , riguarda proprio il come redigere il nuovo APE 2015. Il nuovo APE cambierà infatti completamente  sia nell’aspetto, sia nei contenuti, i precedenti format non saranno più utilizzabili dopo il primo ottobre 2015.

Modifiche che potrebbero generare alcuni problemi di ambientamento ai quei tecnici che per anni hanno lavorato sui vecchi format, problemi causati dal fatto che la quasi totalità dei gestori di software tecnici sta provvedendo, o ha già provveduto, a riscrivere i propri programmi di calcolo così da adeguarsi ai nuovi decreti attuativi.

Cosa prevedono i decreti attuativi, oltre alle indicazioni sul come redigere il nuovo APE 2015, per quanto riguarda la professione dei certificatori energetici?

Il decreto attuativo in esame, una volta operativo,  andrà a sostituire le attuali Linee Guida alla certificazione energetica previste dal decreto ministeriale del 26 giugno 2015.

Ma andiamo più nel dettaglio, dopo la precedente riforma,  che aveva sancito il passaggio da ACE, Attestato di certificazione energetica, ad APE, Attestato di Prestazione Energetica, la novità più importante contenuta nel ultimo decreto attuativo, riguarderà direttamente la classe energetica dell’immobile.

Secondo le nuove direttive la classe energetica dell’immobile dovrà essere determinata in base all’indice di prestazione energetica globale dell’edificio riferita a tutti i servizi presenti.

Cosa dovranno necessariamente tener conto i certificatori energetici per redigere d’ora in poi il nuovo APE 2015?

  • delle differenze tra la climatizzazione invernale e quella estiva

  • dell’acqua calda sanitaria

  • della ventilazione dell’edificio

  • dell’illuminazione

Altra sostanziale differenza riguarderà la scala delle classi di efficienza energetica. Il nuovo corso prevede infatti che i limiti tra le varie classi non siano più legati al fattore di forma dell’edificio ma vengano invece calcolati in funzione dell’indice stesso di prestazione globale dell’edificio di riferimento. L’indice di prestazione energetica invece continuerà ad essere valutato in kWh per m2 di superficie climatizzata.

Ulteriore importante novità, per quanto concerne i software di calcolo del nuovo APE nazionale 2015, riguarderà la sezione dedicata ai possibili interventi che potranno essere eseguiti sull’edificio, la novità permetterà quindi di mettere nero su bianco le “raccomandazioni” dei certificatori energetici.

Tutti I Corsi
Mauro Melis

Giornalista, Fotoreporter, Copywriter, Blogger, Web Writer, Addetto Stampa per giornali, riviste, enti pubblici e blog aziendali. Provo a descrivere il loro mondo e le loro storie, le loro passioni e le loro idee. "Tutto quello che ho per difendermi è l’alfabeto; è quanto mi hanno dato al posto di un fucile" P.R.