Regolamento droni UE: arrivano le nuove norme di sicurezza sui droni

Il Parlamento europeo ha dato il via libera definitivo all’accordo raggiunto nel novembre 2017 con il Consiglio: in arrivo nuovo regolamento droni europeo per la sicurezza

Valuta questo articolo

Regolamento droni UE: arrivano le nuove norme di sicurezza sui droni Totale 5.00 / 5 1 Voti

Il Parlamento europeo ha approvato in via definitiva il nuovo regolamento droni ue sulla sicurezza nell’utilizzo dei droni e sulle norme relative alla sicurezza aerea. I deputati hanno dato martedì il via libera definitivo all’accordo raggiunto, nel novembre 2017, tra i negoziatori del Consiglio e del Parlamento su regole Ue per i droni e gli operatori di droni, al fine di garantire un livello comune di sicurezza.
In base alle nuove norme, i droni dovrebbero dotarsi, in base al peso e all’area operativa, di determinate caratteristiche, come l’atterraggio automatico, nel caso in cui l’operatore perda il contatto con il drone, o i sistemi anticollisione.

Gli operatori dei droni avranno l’obbligo di essere a conoscenza di tutte le regole in vigore e essere in grado di operare in sicurezza. Ciò significa che alcuni di loro dovranno seguire un corso di formazione professionale prima di poter utilizzare un drone e dovranno essere iscritti in registri nazionali. Inoltre i loro droni dovranno essere contrassegnati per l’identificazione.

Sulla base di questi princìpi fondamentali, la Commissione europea ha il compito di elaborare un regolamento droni più dettagliato a livello Ue, quali i limiti massimi di altitudine e di distanza per il volo dei droni. Sarà inoltre rafforzata la cooperazione tra l’Agenzia dell’Ue per la sicurezza aerea (Aesa) e le autorità nazionali per quanto riguarda la valutazione dei rischi in relazione al sorvolo delle zone di conflitto.

L’accordo, approvato dall’Europarlamento con 558 voti favorevoli, 71 contrari e 48 astensioni, dovrà essere formalmente approvato dai ministri dell’Ue, conformemente alla procedura legislativa ordinaria.

Gli aeromobili senza equipaggio, o droni, costituiscono un settore dell’aviazione in rapida evoluzione – come dimostrano le nuove specializzazioni professionali fotogrammetria digitale architettonica su tutte- con un notevole potenziale in materia di creazione di posti di lavoro e di crescita economica nell’Unione europea. Per questo motivo l’UE sta lavorando a un regolamento volto a integrare in modo sicuro i droni a pilotaggio remoto nello spazio aereo europeo.

Il regolamento proposto mira a definire regole di sicurezza comuni nel settore dell’aviazione civile e un nuovo mandato per l’Agenzia europea per la sicurezza aerea (AESA). Sostituisce il quadro normativo in vigore dal 2008.

Corsi Academy
Mauro Melis

Giornalista, Fotoreporter, Copywriter, Blogger, Web Writer, Addetto Stampa per giornali, riviste, enti pubblici e blog aziendali. Provo a descrivere il loro mondo e le loro storie, le loro passioni e le loro idee. "Tutto quello che ho per difendermi è l’alfabeto; è quanto mi hanno dato al posto di un fucile" P.R.