Non c’è due senza tre: dopo Catanzaro e Solarino scoppia la bomba Picerno. L’accusa di INARSIND e la risposta (puntuale) del sindaco del Comune di Picerno

Un altro brutto colpo alla dignità dei liberi professionisti italiani: dopo Catanzaro e Solarino e il turno del comune di Picernom ma questa volta arriva puntuale la risposta del Sindaco Lettieri a smontare la polemica sul nascere.

Valuta questo articolo

Non c’è due senza tre: dopo Catanzaro e Solarino scoppia la bomba Picerno. L’accusa di INARSIND e la risposta (puntuale) del sindaco del Comune di Picerno Totale 5.00 / 5 2 Voti

Il caso dei due bandi del Comune di Solarino, che prevedevano la progettazione gratuita, prima confermati dall’Amministrazione che, nonostante le richieste di revoca in autotutela tra cui quella di INARSIND all’indomani della pubblicazione, non ravvisava “ragioni di legittimità né di opportunità per revocare gli avvisi” e confermava “la volontà di bandire ed aggiudicare gli incarichi professionali, parzialmente a titolo gratuito, ferma restando la libertà di ciascuno nel ritenere vantaggiosa la partecipazione” e poi ritirati invece alla luce dell’entrata in vigore della L. 172/2017 che prevede all’art. 19-quaterdecies l’obbligo per la pubblica amministrazione di attenersi al principio dell’equo compenso nelle prestazioni professionali, dipinge l’aberrante situazione in cui versano gli affidamenti dei servizi di ingegneria ed architettura dopo la sentenza n°4614 del Consiglio di Stato e l’atteggiamento discriminatorio e vessatorio che viene messo in atto nei confronti di ingegneri ed architetti liberi professionisti.

E’ stato quindi ritenuto legittimo bandire incarichi gratuiti da parte di colleghi iscritti agli stessi Albi professionali a cui appartengono i liberi professionisti che a tali bandi dovrebbero partecipare, si badi bene “ferma restando la libertà di ciascuno nel ritenere vantaggiosa la partecipazione” (e meno male!); e si conferma che, secondo l’Amministrazione, l’art. 24 del Codice degli Appalti nulla valga rispetto all’interpretazione della Sentenza del Consiglio di Stato della dicitura “titolo oneroso”.

Si configurano due problematiche estremamente gravi: la prima quella di una totale discrezionalità nelle modalità di affidamento che manca completamente di rispetto nei confronti del lavoro dei liberi professionisti e lede i principi deontologici di lealtà e correttezza nei confronti dei colleghi la seconda l’empasse normativo tra l’applicazione della Sentenza e del Codice degli Appalti che viene costantemente violato.

Oltre queste considerazioni si inserisce l’equo compenso, introdotto nella L. 172/2017, che, nel caso di Solarino, induce finalmente la Stazione Appaltante al ritiro delle procedure in autotutela “per sopravvenuta norma imperativa”.

Se però per il Comune di Solarino l’articolo 19-quaterdecies della Legge di Bilancio parla chiaro non è così per il Comune di Picerno che, l’11.12.2017, stesso girono in cui Solarino revoca i suoi bandi, pubblica una manifestazione di interesse per un “Servizio tecnico di ingegneria e/o architettura, da effettuarsi con spirito di liberalità e gratuità, avente ad oggetto la progettazione di interventi di messa insicurezza e riqualificazione degli edifici pubblici adibiti a uso scolastico da candidate sul PON 2014-2020”, specificando peraltro che trattasi di PROGETTAZIONE DEFINITIVA, quindi anche con un livello di dettaglio non indifferente, non vengono peraltro fornite altre specifiche sulla tipologia di lavori e sull’importo stimato (vi è un riferimento all’importo massimo previsto dall’avviso del MIUR sui Fondi Strutturali 2014/2020).

In questo caso si sta ignorando per l’ennesima volta l’art. 24 del Codice degli Appalti, nonché quella norma sull’equo compenso che, per un’altra Amministrazione Pubblica è risultata essere una “sopravvenuta norma imperativa”.

Non è pensabile che la pubblica amministrazione e, ancor peggio, i colleghi ingegneri ed architetti operanti nell’ambito della stessa, possano utilizzare la norma in base alle necessità dell’Ente senza il minimo rispetto della legalità e della dignità del lavoro altrui.

Ci stiamo trovando nel caso in cui, nello stesso giorno, da un lato viene detto “si lavora gratis” e dall’altro “non è possibile lavorare gratis”, sarebbe plausibile, alla stessa stregua, che un datore di lavoro pubblico o privato comunicasse ai suoi dipendenti “questo mese non esiste lo stipendio”?

Non ci si rende conto che con questa condotta, senz’altro anche favorita da un quadro normativo non chiaro che propone tesi completamenti antitetiche in provvedimenti che risultano contemporaneamente vigenti, si sta giocando con il lavoro, la vita, il futuro degli ingegneri ed architetti liberi professionisti.

Il tutto nell’assordante silenzio delle istituzioni. INARSIND provvederà a chiedere la revoca della manifestazione di interesse suddetta ma davvero non è accettabile questa lotta continua per affermare il diritto al compenso del proprio lavoro nonostante l’art. 36 della Costituzione, il Codice degli Appalti, la Legge di Bilancio con l’introduzione dell’equo compenso e, ultimi ma non ultimi, i Codici deontologici di Ingegneri ed Architetti.

Di quante “norme che normano la norma” avremmo ancora bisogno per chiarire l’ovvio: che ciascun lavoratore ha diritto al suo compenso?

Uno scandalo in salsa italiana,un piccolo incendio in parte estinto (dobbiamo essere sinceri) dalla dichiarazione ufficiale del sindaco del Comune di Picerno Giovanni Lettieri.

“I piccoli Comuni – si legge in un comunicato stampa a sua firma- non hanno né strutture tecniche adeguate per rispondere ai Bandi né fondi per commissionare incarichi esterni. Ma così perdiamo enormi opportunità”. L’Amministrazione Comunale di Picerno, con la richiesta di manifestazione di interesse per un servizio tecnico di ingegneria e/o architettura per un plesso scolastico, ha evidenziato un tema: quello delle progettazioni definitive/esecutive richieste dai vari bandi regionali per l’accesso alla candidatura a finanziamento su vari fondi. Posto che i piccoli comuni – continua- sono privi sia di strutture tecniche adeguate che di finanziamenti necessari per acquisire progettazioni di particolare complessità tecnica, con il rischio di perdere importanti opportunità per la salvaguardia del patrimonio comunale, è stata posta in essere una procedura trasparente e di ampia partecipazione, proprio l’alternativa a quanto espresso dall’Ordine degli Ingegneri. L’avviso – spiega ancora Lettieri – non era volto a ledere l’attività professionale o svilire il lavoro dei singoli professionisti (ai quali è sacrosanto riconoscere un equo compenso) bensì un tentativo di tutelare attraverso la trasparenza del proprio operato sia l’Ente che gli stessi liberi professionisti. I principi indicati dall’Ordine sono ampiamente condivisi anche da questo Ente e dai suoi uffici. Si auspica pertanto – conclude il sindaco – una riflessione sul tema che coinvolga Anci, Ordini Professionali, Regione Basilicata e Fondazione Inarcassa, per addivenire ad una soluzione della problematica”

Tutto il bello dell'estate
Mauro Melis

Giornalista, Fotoreporter, Copywriter, Blogger, Web Writer, Addetto Stampa per giornali, riviste, enti pubblici e blog aziendali. Provo a descrivere il loro mondo e le loro storie, le loro passioni e le loro idee. "Tutto quello che ho per difendermi è l’alfabeto; è quanto mi hanno dato al posto di un fucile" P.R.