Normativa sui rifiuti: classificazione e gestione

Corso sulla Gestione dei Rifiuti in Cantiere

Valuta questo articolo

Sei il primo. Vota Ora!!!

La Direttiva UE 2018/851 per la gestione dei rifiuti

A settembre del 2020 è stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale la Direttiva UE 2018/851, che modifica la Direttiva 2008/98/CE relativa ai rifiuti, e della Direttiva UE 2018/852, che modifica la Direttiva 1994/62/CE sugli imballaggi e i rifiuti di imballaggio.

La Direttiva fa parte di un pacchetto di misure sull’economia circolare e:

  • stabilisce i requisiti operativi minimi per i regimi di responsabilità estesa del produttore
  • l’adozione di misure sulla produzione di rifiuti per favorire la prevenzione
  • nuovi obiettivi per il riciclaggio dei rifiuti urbani
  • l’istituzione obbligatoria della raccolta differenziata dei tessili e dei rifiuti pericolosi generati dalle famiglie
  • l’entrata in vigore dell’obbligo di raccogliere separatamente o riciclare alla fonte i rifiuti organici – per esempio tramite compostaggio
  • presenta esempi di incentivi per applicare la gerarchia dei rifiuti.

A livello normativo è importante ricordare che la gestione dei rifiuti è una delle attività per cui sono in vigore criteri minimi ambientali da rispettare.

La classificazione dei rifiuti

Nella Direttiva UE 2018/851 i rifiuti urbani sono quelli indicati all’articolo 183, comma 1, lettera b-ter. Il Decreto include nei rifiuti speciali i rifiuti prodotti dalla silvicoltura e della pesca, escludendo i rifiuti derivanti dalla attività di recupero e smaltimento di rifiuti e i rifiuti derivanti da attività sanitarie. 

Specifica, inoltre, che – se diversi da quelli di cui al comma 2, lettera b – sono inclusi anche i rifiuti da:

  • lavorazioni industriali
  • attività commerciali
  • attività di servizio.

Nel nuovo elenco dei rifiuti si stabilisce che è compito del produttore la corretta attribuzione dei codici dei rifiuti tramite assegnazione del codice CER e delle caratteristiche di pericolo dei rifiuti, sulla base delle linee guida redatte, entro il 31 dicembre 2020, dal Sistema nazionale per la protezione e la ricerca ambientale ed approvate con decreto del Ministero dell’ambiente.

Il Ministero dell’ambiente è il soggetto competente ad inviare alla Commissione europea le notifiche per la redazione e l’aggiornamento dell’elenco dei rifiuti e tutte le informazioni utili.

Le procedure per un corretto smaltimento dei rifiuti

Il comma 4 dell’art. 1 della Direttiva UE 2018/851 stabilisce la gestione dei rifiuti per un corretto smaltimento in base alla gerarchia:

  •  prevenzione
  •  preparazione per il riutilizzo
  •  riciclaggio
  •  recupero di energia
  •  smaltimento.

Viene introdotto il concetto di “flussi di rifiuti specifici” al posto di “singoli flussi di rifiuti” per ottenere un risultato migliore in termini di protezione della salute e dell’ambiente.

I professionisti che si occupano di gestione dei rifiuti e di Circular Economy e vogliono apprendere gli aggiornamenti recenti al Testo Unico Ambientale possono frequentare online il Master Gestione Rifiuti.

Corsi Academy

Il Blog di Unione Professionisti è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata al mondo del lavoro e delle libere professioni. Con i professionisti ci rapportiamo e confrontiamo ogni giorno per fornire un'informazione dettagliata a 360 gradi. Il nostro staff di collaboratori è composto da giornalisti, professionisti, esperti in formazione professionale, grafici, esponenti del mondo imprenditoriale e non solo. Oltre alle classiche news, alle guide tecniche, agli approfondimenti tematici, alle segnalazioni di opportunità lavorative, offriamo anche un utile servizio di documenti in pdf (normative, fac-simile, modulistica … ) liberamente scaricabili e riutilizzabili.

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Non ci sono ancora commenti, ma puoi essere il primo a commentare questo articolo.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi contrassegnati con * sono obbligatori*

p class="comment-form-comment">