Intervista esclusiva a Jordi Ber, CEO e co-fondatore di Habitissimo

Il co-fondatore di Habitissimo, Jordi Ber, risponde alla nostre domande su architetti e futuro della professione

Valuta questo articolo

Intervista esclusiva a Jordi Ber, CEO e co-fondatore di Habitissimo Totale 4.50 / 5 8 Voti

Una squadra di 100 persone, circa 270 mila professionisti registrati online, una posizione di mercato in continua crescita; Spagna, Italia, America Latina, sono solo alcune delle zone del mondo in cui Habitissimo sta prendendo piede e diventando un fedele alleato per gi architetti che si stanno avvicinando  a questo marketplace.

Ne parliamo con il co-fondatore Jordi Ber, nato ad Andorra 39 anni fa.

Dottor Ber alcuni giornali hanno, forse erroneamente,  accomunato l’esperienza di Cocontest, a quella di Habitissimo. Ci può illustrare perché secondo Lei questo accostamento non è corretto?

Ciò che ci differenzia è che noi abbiamo trasferito il settore offline all’online. Con il nostro marketplace abbiamo aggiunto trasparenza al settore dei servizi per la casa e abbiamo equilibrato il potere di negoziazione fra privati e imprese. Diamo ai professionisti la possibilità di aumentare il proprio portfolio clienti comprando dati di contatto delle persone che cercano informazioni per dei lavori di casa. È un’inversione in marketing online: il professionista ha una scheda nella base di dati della web lider del settore, con un buon posizionamento in Google e altri motori di ricerca.

Quali vantaggi può avere un professionista che decide di appoggiarsi alla struttura marketing di Habitissimo?

I vantaggi sono molto chiari. Innanzitutto i professionisti non devono aspettare che suoni il telefono per essere trovati dai clienti. Si ottiene un flusso costante di opportunità nella propria categoria e zona. Il professionista controlla totalmente la quantità di denaro che vuole investire per trovare nuovi clienti. Può selezionare il tipo di lavoro e la zona da dove si vuole ricevere le richieste. Può controllare il ritorno d’inversione. Compete con un massimo di 3 professionisti per ogni richiesta di preventivo. Ottiene una scheda web (se cliente premium) dove pubblicizzare il proprio lavoro.

Habitissimo inizia a contare diversi sostenitori anche in Italia, ci può spiegare il perché di quello che in tanti cominciamo a chiamare “successo”?

In Italia gli architetti e designer stanno con noi perché incontrano realmente clienti, realizzano nuovi lavori e aumentano la loro fatturazione. Da 5 anni stiamo investendo in Italia aiutando i professionisti ad trovare sempre nuovi lavori. È certo che le persone che hanno bisogno di ristrutturare casa o fare un cambio della decorazione, hanno bisogno di professionisti seri, che siano stati valutati, e che possano essere incontrati online. Del resto per i privati il servizio è gratis, comodo e rapido, per incontrare un professionista nella zona. La gente non ha tempo di cercare in enormi basi di dati cartacee ed è per questo che lo fanno online. In habitissimo si possono vedere le opinioni di altre persone, i lavori realizzati di tali professionisti e le valutazioni ottenute.

Che rapporti avete con gli ordini professionali?

Questa relazione è già stata avviata in Spagna e adesso la stiamo sviluppando anche in Italia. Per noi è fondamentale contattare e stabilire relazioni con i settori professionali, perché vogliamo far capire le potenzialità del mondo digitale.

Nel corso della nostra chiacchierata mi ha chiaramente corretto quando ho affermato che “turbavate i sogni agli architetti”. Perché?

Per noi internet sta trasformando tutti i settori dell’economia, l’architettura e il disegno non sono un’eccezione. Vediamo internet come una grande opportunità per mettere in evidenza i migliori professionisti, così come accade già nel mondo degli hotel dove la gente cerca opinioni, foto ed esperienze; in noi la gente cerca le opinioni che altri hanno lasciato sugli architetti o i disegnatori che hanno realizzato lavori e progetti. Oggigiorno ci affidiamo alle persone che hanno lasciato delle opinioni online per fare acquisti o contrattare dei servizi. In Spagna più dell’80% degli utenti internet compara opinioni online, in Italia sta accadendo la stessa cosa.

Quanto guadagna (e quanto spende) mediamente un professionista che decide di appoggiarsi alla vostra struttura organizzativa?

Ti posso parlare di dati approssimativi. Generalmente, dipendendo dalle dimensioni, dell’impresa, i professionisti investono dai 50 ai 100 euro al mese per ottenere nuovi lavori di ristrutturazione, costruzione o servizi per la casa per una media di 3000 Euro. Non applichiamo nessuna commissione sui lavori, il preventivo viene accettato dal privato, il pagamento direttamente il professionista e a quest’ultimo non si applica nessuna commissione sui lavori.

Quello che traspare dalle parole del di Jordi Ber, è la forte propensione a non avere scontri con gli ordini professionali, il marketplace spagnolo infatti, si propone come un “coadiuvante”, una semplificazione per i rapporti commerciali e di marketing, dei professionisti italiani.

Corsi Crediti Geometri
Mauro Melis

Giornalista, Fotoreporter, Copywriter, Blogger, Web Writer, Addetto Stampa per giornali, riviste, enti pubblici e blog aziendali. Provo a descrivere il loro mondo e le loro storie, le loro passioni e le loro idee.
“Tutto quello che ho per difendermi è l’alfabeto; è quanto mi hanno dato al posto di un fucile” P.R.