Incentivi rinnovabili Sardegna, bando da 3,9 mln per le micro smart grid

Incentivi rinnovabili Sardegna per i Comuni in possesso di un edificio dotato di un impianto fotovoltaico in esercizio e asservito alle utenze della P.A.

Valuta questo articolo

Incentivi rinnovabili Sardegna, bando da 3,9 mln per le micro smart grid Totale 5.00 / 5 3 Voti

Ammontano a 3,9 milioni di euro gli incentivi rinnovabili Sardegna per tutti quei Comuni della ragione Autonoma della Sardegna per le Smart Grid. Si tratta di fondi POR FESR Sardegna 2014-2020 e il relativo bando, predisposto dal Servizio energia ed economia verde dell’assessorato dell’Industria della Regione Sardegna, è stato pubblicato nei giorni scorsi.

Il Bando dal titolo “Azioni per lo sviluppo di progetti sperimentali di reti intelligenti nei Comuni della Sardegna” è rivolto ai singoli Comuni della Sardegna in possesso di un edificio dotato di un impianto fotovoltaico in esercizio e asservito alle utenze della Pubblica Amministrazione.

Quali sono gli interventi ammessi dal bando sugli incentivi rinnovabili Sardegna da 3,9 mln per le micro smart grid

Il bando finanzia, fino al 100% dei costi ammissibili, la realizzazione di micro smart grid finalizzate a massimizzare l’autoconsumo attraverso l’installazione di sistemi di accumulo e opportuni sistemi di gestione che consentano l’integrazione tra produzione, accumulo e consumo di energia prodotta con sistemi fotovoltaici. Le domande potranno essere presentate dal 20 aprile al 20 luglio 2017.

Giovedì 16 marzo, a Olbia, nella sede del Museo Archeologico, si è svolto il primo di una serie di incontri con le amministrazioni comunali, i tecnici e gli ordini professionali per illustrare il bando e le altre azioni predisposte dall’assessorato in materia di energia. Hanno partecipato, tra gli altri, l’assessore dell’Industria, Maria Grazia Piras, e numerosi amministratori locali del nord Sardegna.

Gli incontri rappresentano una delle tante iniziative avviate dalla Regione per presentare le azioni avviate in ambito energetico all’indomani dell’approvazione del Piano Energetico Regionale: dal bando sull’Audit energetico per le imprese ai progetti per l’efficientamento energetico passando per Sardegna e-PAES, software per conoscere le emissioni di CO2, monitorarle e capire quanto e come ridurle. Sul fronte delle energie rinnovabili, la Regione Sardegna punta a migliorare l’efficienza della generazione distribuita esistente, attraverso l’integrazione con la mobilità sostenibile e con la realizzazione di reti intelligenti di distribuzione dell’energia (Smart Grid) basate sull’integrazione di sistemi ICT per il monitoraggio dei consumi e di sistemi di accumulo.

Il processo di diffusione delle Smart Grid passa anche attraverso le Micro Grid, interventi su singoli edifici che permettono di utilizzare in maniera efficiente la produzione di energia rinnovabile, di conservarne l’eccesso tramite sistemi di accumulo e opportuni sistemi di gestione. Tutto ciò per ottenere l’integrazione tra produzione, accumulo e consumo, allo scopo di utilizzare prioritariamente le risorse di produzione elettrica già attualmente installate e massimizzare l’autoconsumo di energia elettrica.

Il Servizio energia dell’assessorato ha promosso quattro eventi territoriali per illustrare il bando. Dopo l’incontro di Olbia, i prossimi appuntamenti sono il 23 marzo a Oristano, il 30 marzo a Nuoro e il 6 aprile a Cagliari.

Corsi Crediti Architetti
Mauro Melis

Giornalista, Fotoreporter, Copywriter, Blogger, Web Writer, Addetto Stampa per giornali, riviste, enti pubblici e blog aziendali. Provo a descrivere il loro mondo e le loro storie, le loro passioni e le loro idee. "Tutto quello che ho per difendermi è l’alfabeto; è quanto mi hanno dato al posto di un fucile" P.R.