Congedo parentale negli studi tecnici professionali: come e quando richiederlo

In ottemperanza dell’art. 32 del TU a tutela della maternità e della paternità, l’art. 97 Ccnl studi professionali disciplina la possibilità di usufruire del congedo parentale ad ore.

Valuta questo articolo

Congedo parentale negli studi tecnici professionali: come e quando richiederlo Totale 5.00 / 5 1 Voti

La volontà di avvalersi del congedo parentale così articolato deve essere comunicata al datore di lavoro con almeno 2 giorni di preavviso (secondo quanto disposto dal d.lgs. n. 80/2015), indicando il numero di mesi di congedo parentale ad ore da utilizzare, l’arco temporale entro il quale le ore di congedo saranno fruite (inizio e fine), la programmazione mensile delle ore di congedo, la quale deve essere concordata con il titolare dello studio professionale tecnico nel quale si lavora. Non sono in ogni caso ammesse richieste che comportino l’effettuazione di una prestazione lavorativa giornaliera di durata inferiore a 4 ore.

Come e dove presentare la domanda di congedo parentale?

La domanda di congedo parentale a ore deve essere presentata all’INPS mediante specifica procedura telematica per ogni singolo mese solare. Se necessario, dunque, bisogna presentare una domanda per ogni periodo che ricade in un diverso mese solare. Come chiarito dalla circolare dell’INPS n. 152/2015, nel modulo deve essere indicato il Ccnl studi professionali di riferimento e il numero di giornate intere di congedo parentale da fruire in modalità oraria. La procedura prevede infatti che il totale delle ore di congedo richieste sia calcolato in giornate lavorative intere.

Per ogni mese di congedo parentale, sono attribuite al dipendente 174 ore, che possono essere cumulate, anche nell’ambito della stessa giornata, con altri riposi e permessi previsti dalla legge o dal Ccnl studi professionali, ma non con i permessi o riposi disciplinati dal T.U maternità/paternità.

La base per il calcolo dell’indennità da erogare per ogni ora di congedo è costituita dalla retribuzione media oraria, ottenuta dividendo per 170 l’importo totale della retribuzione del mese precedente a quello in cui ha avuto inizio il congedo.

Per quel che concerne la maturazione delle ferie e delle mensilità supplementari nei periodi in cui il dipendente ha goduto dei congedi parentali ad ore, il datore di lavoro dovrà tenere conto del numero di giorni interi effettivi di congedo richiesti dal lavoratore, così come segnalati nella comunicazione inviata all’INPS.

Le mensilità nell’ambito delle quali il lavoratore ha prestato un numero di giornate di effettivo servizio, o ad esse equivalenti, superiore a 15 danno infatti luogo alla maturazione delle mensilità aggiuntive e delle ferie. Sul punto, rileva evidenziare che se la fruizione di un periodo di congedo parentale avviene su base oraria, con copresenza quindi nella stessa giornata di assenza oraria a titolo di congedo e di svolgimento di attività lavorativa, le domeniche (ed eventualmente i sabati, in caso di settimana corta), non sono considerate ai fini del computo, dato che è sempre rinvenibile lo svolgimento di attività lavorativa.

Corsi Crediti Geometri
Mauro Melis

Giornalista, Fotoreporter, Copywriter, Blogger, Web Writer, Addetto Stampa per giornali, riviste, enti pubblici e blog aziendali. Provo a descrivere il loro mondo e le loro storie, le loro passioni e le loro idee. "Tutto quello che ho per difendermi è l’alfabeto; è quanto mi hanno dato al posto di un fucile" P.R.