Perché CNA è contraria ad un Contratto unico di Cantiere? Che cosa è Il Contratto di Cantiere?

Da qualche tempo da alcuni ambienti del mondo imprenditoriale e sindacale si sono levate voci che chiedono di utilizzare un non meglio definito contratto di cantiere

Valuta questo articolo

Perché CNA è contraria ad un Contratto unico di Cantiere? Che cosa è Il Contratto di Cantiere? Totale 5.00 / 5 4 Voti

Un unico contratto di cantiere che non piace a CNA. Che la profonda crisi dell’edilizia abbia negli ultimi anni provocato la perdita di quasi  800.000 posti di lavoro ed un drastico calo dei lavoratori iscritti alle Casse Edili è un dato preoccupante e sul quale riflettere.

Che si cerchi di porre rimedio a questa situazione adducendo, quale causa principale, il fatto che in cantiere si applichino contratti “low cost” a scapito del CCNL edile è secondo CNA “francamente pretestuoso”

Da qualche tempo, infatti, da alcuni ambienti del mondo imprenditoriale e sindacale del settore edile si sono iniziate a levare voci che chiedono di utilizzare un non meglio definito “contratto di cantiere” per tutti quei lavoratori che nel medesimo cantiere operano ed ai quali viene applicato un contratto diverso dal CCNL edilizia.

La motivazione? Che in cantiere vi è un uso improprio di contratti diversi da quello dell’edilizia in quanto, costando il contratto CCNL edile molto di più degli altri, le imprese, furbescamente, imboccherebbero “scorciatoie contrattuali” applicando contratti diversi a lavoratori che fanno mansioni simili. Un esempio? L’applicazione del contratto dei metalmeccanici a chi fa gli impianti.

Se questo è l’esempio che si prende come riferimento è francamente, secondo CNA, un esempio che fa cadere le braccia: “E’ dal lontano 1976 che ai lavoratori delle imprese impiantistiche artigiane viene applicato il CCNL meccanica” afferma Carmine Battipaglia, Presidente Nazionale CNA Installazione Impianti “e non ho notizia di lavoratori che vogliano passare a quello edile, né di imprenditori che chiedano l’equiparazione tra i due contratti. Decisamente fuori luogo, inoltre” prosegue Battipaglia “è parlare di una anagrafe di tutti quelli che, anche se sotto contratti diversi, operano in cantiere e subordinare l’inserimento dei lavoratori in questa non meglio identificata anagrafe all’obbligo di iscrizione in Cassa Edile. E’ piuttosto singolare che queste problematiche vengano pretestuosamente sollevate proprio in un momento in cui le casse edili perdono lavoratori iscritti e, di conseguenza, risorse economiche”.

In effetti, il sospetto è che dietro la richiesta del “contratto di cantiere” si nasconda altro. La legittimità dell’applicazione del CCNL meccanica alle imprese impiantistiche che operano all’interno di cantieri edili è ufficialmente riconosciuta dalla giurisprudenza ed anche dalle risposte che Il Ministero del Lavoro ha da tempo dato a diversi interpelli sull’argomento.

“Che quindi in cantiere” conclude Battipaglia “si possano trovare lavoratori a cui si applicano contratti diversi è un dato di fatto ormai assodato e certamente non riconducibile ad operazioni di “dumping” contrattuale anche perché in un mercato sempre più complesso ed innovativo l’aumento della componente tecnologica negli edifici deriva dal sempre maggior peso che gli impianti hanno assunto nel prodotto edilizio.

Negli ultimi 20 anni nel settore dell’impiantistica il numero delle imprese e dei lavoratori è raddoppiato ed è cresciuto di conseguenza il peso del comparto della installazione di impianti nel più complessivo settore delle costruzioni: oggi gli addetti nel comparto impiantistico rappresentano circa il 34% del totale dei lavoratori delle costruzioni; nel 2008 non arrivavano al 28%.

Tutti I Corsi
Mauro Melis

Giornalista, Fotoreporter, Copywriter, Blogger, Web Writer, Addetto Stampa per giornali, riviste, enti pubblici e blog aziendali. Provo a descrivere il loro mondo e le loro storie, le loro passioni e le loro idee. "Tutto quello che ho per difendermi è l’alfabeto; è quanto mi hanno dato al posto di un fucile" P.R.