Skyscraper Competition: cos’è, vincitori, chi può partecipare

Skyshelter zip è un grattacielo pieghevole ispirato agli origami, allestibile nelle zone colpite da calamita naturali

Crediti Formativi Architetti

Valuta questo articolo

Skyscraper Competition: cos’è, vincitori, chi può partecipare Totale 5.00 / 5 3 Voti

Cos’è la Skyscraper Competition

La Skyscraper Competition è un concorso lanciato dal magazine Evolo di New York, nato per mettere in risalto i giovani talenti e dare spazio a idee rivoluzionarie capaci di cambiare il modo di concepire l’architettura. 

Questa competizione si svolge ogni anno a partire dal 2006 e offre un riconoscimento all’idea più all’avanguardia, capace di stravolgere il concetto di grattacielo e che propone soluzioni innovative con l’uso di nuove tecnologie e materiali. Non possono mancare poi l’aspetto estetico dell’edificio e la definizione dello spazio che lo circonda.

I progetti vincitori negli ultimi anni

L’Italia è un paese dove possiamo trovare tante eccellenze rinomate in tutto il mondo. Quando si parla di architettura futuristica e avanguardia non possiamo non pensare ai più famosi architetti italiani. Tra i vincitori degli ultimi anni della Skyscraper Challenge troviamo anche il Politecnico di Milano che, nel 2018 ha presentato il progetto Skyshelter.zip.  Il progetto è stato presentato da tre studenti Jakub Kulisa, Damian Granosik e Piotr Pańczyk, della Scuola di Architettura Urbanistica Ingegneria delle Costruzioni. La loro idea ha dato origine a un innovativo concept di grattacielo pieghevole ispirato agli origami, che può essere facilmente trasportato e dispiegato in zone colpite da calamità naturali.

I progettisti ci raccontano il progetto così:

quando si verifica un terremoto, un’alluvione o un uragano, le infrastrutture subiscono spesso numerosi danni, rendendo molto difficile la costruzione di abitazioni d’emergenza. L’obiettivo del progetto Skyshelter.zip è quello di affrontare queste criticità, proponendo una struttura che offra una grande superficie utilizzabile, ma che allo stesso tempo sia compatta, facile da trasportare e che si può allestire in pochissimo tempo e con il minimo sforzo.

Tre studenti del Politecnico vincono la Skyscraper per competition 2018

Inoltre, la struttura è pensata per offrire un centro multifunzionale per tutte le operazioni di soccorso. Al suo interno possono essere svolte l’accoglienza, il pronto soccorso, si possono creare alloggi temporanei ed è presente un magazzino e un giardino verticale che sfrutta il terreno raccolto durante il montaggio. L’edificio è inoltre in grado di produrre energia pulita per suo funzionamento.

Nel 2019 il primo premio è andato a Methanescraper, progettato dal serbo Marko Dragicevic e pensato per Belgrado. Questo edificio è concepito come un distretto urbano verticale che può essere usato come discarica e che al suo interno presenta impianti di riciclo.

Nel 2020, l’anno della pandemia, vediamo le sue ripercussioni anche nei progetti presentati alla competizione. Il primo premio per il grattacielo più rivoluzionario è andato al progetto Epidemic Babel, disegnato dai cinesi D Lee, Gavin Shen, Weiyuan Xu e Xinhao Yuan. Si tratta di un grattacielo sanitario a rapida distribuzione per i focolai epidemici, costituito da un telaio in acciaio per l’inserimento di scatole programmatiche prefabbricate in base alle esigenze.

Lo scorso anno, nel 2021, il primo posto è andato agli Stati Uniti, al progetto Vernacular Versatility ideato da Yong Ju Lee. Questo progetto vuole reinterpretare l’architettura più tradizionale coreana e trasformarla in un grattacielo contemporaneo.

Edizione 2022: chi può partecipare

L’edizione 2022, come ogni anno, si rivolge ad architetti, studenti, ingegneri, designer e artisti di tutto il mondo. Non esistono restrizioni per quanto riguarda il sito, il programma o le dimensioni. Ogni partecipante ha la massima libertà per approcciarsi al progetto senza vincoli e nel modo più creativo. 

I partecipanti dovranno prendere in considerazione i progressi della tecnologia, affrontare nuovi sistemi sostenibili, creare nuovi ambienti urbani e architettonici per risolvere problemi di natura economica, sociale e culturale che ci troviamo a vivere nelle nostre città. Inoltre, si dovrà porre particolare attenzione sulla scarsità di risorse naturali e di infrastrutture, l’incremento della popolazione mondiale e l’espansione urbana incontrollata.

Tutti I Corsi

Il Blog di Unione Professionisti è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata al mondo del lavoro e delle libere professioni. Con i professionisti ci rapportiamo e confrontiamo ogni giorno per fornire un'informazione dettagliata a 360 gradi. Il nostro staff di collaboratori è composto da giornalisti, professionisti, esperti in formazione professionale, grafici, esponenti del mondo imprenditoriale e non solo. Oltre alle classiche news, alle guide tecniche, agli approfondimenti tematici, alle segnalazioni di opportunità lavorative, offriamo anche un utile servizio di documenti in pdf (normative, fac-simile, modulistica … ) liberamente scaricabili e riutilizzabili.

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Non ci sono ancora commenti, ma puoi essere il primo a commentare questo articolo.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi contrassegnati con * sono obbligatori*

p class="comment-form-comment">