Appalti pubblici in UE: SCARICA gratis le Linee guida di Bruxelles sulla partecipazione di offerenti dei paesi terzi

La Commissione europea ha pubblicato il 24 luglio scorso le Linee guida sulla partecipazione di offerenti dei paesi terzi al mercato degli appalti dell'UE.

Corso Gare D'Appalto

Valuta questo articolo

Appalti pubblici in UE: SCARICA gratis le Linee guida di Bruxelles sulla partecipazione di offerenti dei paesi terzi Totale 5.00 / 5 2 Voti

Nel marzo 2019 la Commissione europea e l’alta rappresentante dell’Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza hanno adottato la comunicazione congiunta al Parlamento europeo, al Consiglio europeo e al Consiglio “UE-Cina – Una prospettiva strategica”, che invitava a un “approccio proattivo per rafforzare la sua competitività economica e garantire condizioni di parità”. L’UE dovrebbe continuare a invocare condizioni più bilanciate e reciproche nei suoi rapporti commerciali. Gli appalti pubblici, che rappresentano una quota pari a circa il 14% del prodotto interno lordo dell’UE, sono un elemento importante a tal riguardo.

La creazione di un mercato unico per gli appalti pubblici costituisce una delle maggiori conquiste del mercato interno. La pubblicazione degli appalti a livello dell’UE assicura la trasparenza e crea opportunità per le società in tutta l’Unione. Una migliore attuazione delle norme nel caso di offerenti stranieri mira a garantire i più elevati standard di qualità in tutte le fasi del processo, il miglior rapporto qualità-prezzo, la sostenibilità dei progetti e condizioni di parità tra le società dell’UE ed extra-UE che partecipano alle procedure di appalto.

La Commissione si è quindi impegnata a “[pubblicare] inoltre linee guida sul quadro giuridico relativo alla partecipazione di beni e offerenti stranieri al mercato UE tenendo conto delle norme europee e internazionali sugli appalti, anche per quanto riguarda le offerte anormalmente basse, come pure del rispetto degli standard in materia di sicurezza, lavoro e ambiente”.

Il Consiglio europeo ha sostenuto l’approccio della Commissione e ha chiesto all’Unione di agire per “salvaguardare i propri interessi alla luce delle pratiche sleali di paesi terzi, utilizzando appieno gli strumenti di difesa commerciale e le nostre norme in materia di appalti pubblici, nonché garantendo l’effettiva reciprocità in materia di appalti pubblici con i paesi terzi”. Esso ha inoltre sottolineato che “dovrebbe essere garantita una concorrenza leale all’interno del mercato unico e a livello mondiale, sia per tutelare i consumatori che per promuovere la crescita economica e la competitività, in linea con gli interessi strategici a lungo termine dell’Unione”.

Inoltre, la Commissione si è impegnata anche, assieme agli Stati membri, a tracciare, prima della fine del 2019, una panoramica dell’attuazione dell’attuale quadro di riferimento al fine di identificarne le carenze. Eventuali lacune identificate nell’ambito di tale esercizio saranno valutate in modo approfondito, specialmente per quanto riguarda quelle potenziali che costituiscono ostacoli alle condizioni di parità tra le società dell’UE ed extra-UE che partecipano alle procedure di appalto.

Gli offerenti, i beni e i servizi di paesi terzi non sono sempre vincolati da standard ambientali, sociali o lavorativi identici o equivalenti a quelli applicabili agli operatori economici dell’UE. Analogamente, gli offerenti di paesi terzi non sono necessariamente soggetti a norme rigorose sugli aiuti di Stato simili a quelle applicabili nell’UE e ciò potrebbe porre gli offerenti, i beni e i servizi dell’UE in una condizione di svantaggio. È quindi necessario applicare le norme sugli appalti pubblici dell’UE al fine di garantire che agli offerenti dell’UE e di paesi terzi si applichino standard e requisiti identici o equivalenti.

Eliminare, nei mercati europei degli appalti, le distorsioni create dalle sovvenzioni di paesi terzi o da altre forme di finanziamenti statali, richiederà probabilmente un intervento su più fronti. In tale contesto, l’applicazione delle disposizioni relative alle offerte anormalmente basse è fondamentale, ma potrebbe non essere sufficiente e ulteriori analisi potrebbero essere necessarie.

La comunicazione ricorda inoltre l’impegno della Commissione a garantire la reciprocità nell’accesso ai mercati degli appalti stranieri. Nel corso degli anni l’UE ha notevolmente aperto i propri mercati degli appalti pubblici ai paesi terzi, ma le società dell’UE incontrano spesso difficoltà nell’accedere alle opportunità di appalto in alcuni mercati stranieri. Nel 2016 la Commissione ha pubblicato una proposta riveduta di strumento per gli appalti internazionali (IPI) che, se adottata, aprirà le porte alle nostre società consentendo loro di competere su un piano di parità con le società extra-UE.

La Commissione, impegnandosi ad attuare le azioni indicate nella comunicazione, ha confermato l’importanza che attribuisce alla promozione della concorrenza leale e alle condizioni di parità nel mercato interno nel settore degli appalti pubblici.

In linea con gli obiettivi della comunicazione “UE-Cina – Una prospettiva strategica”, le presenti linee guida mirano a fornire assistenza ai committenti pubblici migliorando la comprensione di alcuni aspetti pratici delle procedure di aggiudicazione degli appalti pubblici stabilite nella relativa normativa UE per quanto riguarda la partecipazione di paesi terzi agli appalti. Intendono inoltre promuovere il principio secondo cui, nelle procedure di aggiudicazione degli appalti pubblici, non è solo il prezzo a essere preso in considerazione, ma anche gli elevati standard europei, in particolare negli ambiti del lavoro, dell’ambiente e della sicurezza. Esse aiutano quindi ad assicurare che vi siano condizioni di parità rispetto agli offerenti, ai beni e ai servizi dell’UE. Le presenti linee guida si basano sulla comunicazione “Appalti pubblici efficaci in Europa e per l’Europa”, che ha stabilito un ampio partenariato con gli Stati membri con l’obiettivo di migliorare l’efficacia degli appalti pubblici.

Conoscere e sfruttare le opportunità offerte dal quadro giuridico esistente aiuterà a rafforzare il mercato unico e contribuirà alla parità delle condizioni nel mercato degli appalti dell’UE.

Scarica l'approfondimento
Promozione Fastwebi
Mauro Melis

Giornalista, Fotoreporter, Copywriter, Blogger, Web Writer, Addetto Stampa per giornali, riviste, enti pubblici e blog aziendali. Provo a descrivere il loro mondo e le loro storie, le loro passioni e le loro idee. "Tutto quello che ho per difendermi è l’alfabeto; è quanto mi hanno dato al posto di un fucile" P.R.