Efficientamento energetico degli edifici pubblici con i PREPAC

Corso Energy Manager

Valuta questo articolo

Efficientamento energetico degli edifici pubblici con i PREPAC Totale 5.00 / 5 1 Voti

Cos’è il PREPAC

Il PREPACProgramma di Riqualificazione Energetica della Pubblica Amministrazione Centrale – è un programma che punta a “contribuire alla riqualificazione energetica di almeno il 3% annuo della superficie coperta utile climatizzata del patrimonio edilizio pubblico.” 

Le amministrazioni possono fare richiesta entro il 15 luglio e ricevere, a seconda del posizionamento in graduatoria annuale, fino al 100% della somma spesa nei limiti delle risorse disponibili.

Le proposte possono riguardare interventi di efficienza energetica – singoli, combinati, estesi – indicati nell’APE o nella Diagnosi pre-intervento su:

  • edifici di proprietà e usati dalla PA
  • immobili anche periferici della PA, che si trovano nel portale IPer dell’Agenzia del Demanio.

Le linee guida di Enea

Il D.M. 16 settembre 2016 che contiene “Modalità di attuazione del programma di interventi per il miglioramento della prestazione energetica degli immobili della pubblica amministrazione centrale” – anche detto D.M. PREPAC –  dà indicazioni riguardo alla l’attuazione dei programmi per la riqualificazione energetica degli immobili della PA Centrale.

Le Linee Guida dell’ENEA – come previsto dall’art. 16, comma 3, del D.M. PREPAC – contengono i criteri generali e le indicazioni operative per la predisposizione e la presentazione delle proposte progettuali per l’ammissione al PREPAC.

Le linee sono strutturate in due capitoli e alcuni allegati.

  • Capitolo 1: vengono descritti gli interventi e le spese ammissibili al Programma PREPAC, mostra casi studio e indica come presentare la richiesta
  • Capitolo 2: riguarda la redazione delle proposte progettuali. Nella prima parte viene spiegato come redigere la proposta progettuale, la documentazione necessaria e le schede da produrre, sia descrittive sia di sintesi degli interventi. Nella seconda parte si danno indicazioni operative per valutare i consumi energetici, l’uso delle fonti rinnovabili e della cogenerazione, la vita utile degli interventi, come calcolare il risparmio energetico, le emissioni di CO2 evitate e il costo del kWh risparmiato.
  • Allegati: oltre agli esempi delle schede descrittive contengono i criteri adottati per valutare le proposte progettuali e le norme in materia di efficienza energetica.
Professional USB
Redazione

Il Blog di Unione Professionisti è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata al mondo del lavoro e delle libere professioni. Con i professionisti ci rapportiamo e confrontiamo ogni giorno per fornire un'informazione dettagliata a 360 gradi. Il nostro staff di collaboratori è composto da giornalisti, professionisti, esperti in formazione professionale, grafici, esponenti del mondo imprenditoriale e non solo. Oltre alle classiche news, alle guide tecniche, agli approfondimenti tematici, alle segnalazioni di opportunità lavorative, offriamo anche un utile servizio di documenti in pdf (normative, fac-simile, modulistica … ) liberamente scaricabili e riutilizzabili.

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Non ci sono ancora commenti, ma puoi essere il primo a commentare questo articolo.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi contrassegnati con * sono obbligatori*