Quali materiali scegliere per il cappotto termico?

Corso di formazione per Cappotti Termici interni o esterni

Valuta questo articolo

Quali materiali scegliere per il cappotto termico? Totale 5.00 / 5 1 Voti

Il cappotto termico è la soluzione perfetta per isolare termicamente e acusticamente una casa. Grazie all’uso di specifici materiali isolanti è possibile rendere più efficiente un edificio, riducendo il consumo di energia e garantendo così un notevole risparmio.

Oggi in commercio è possibile trovarne di varie tipologie con fasce di prezzo molto diverse. Qual è il miglior isolante termico da scegliere e in che modo la posa del cappotto termico può incidere sul risultato finale?

A cosa serve il cappotto esterno?

Il cappotto per la casa è caratterizzato da una serie di strati isolanti che possono essere applicati all’interno o all’esterno di un edificio. Questa lavorazione consente di ottenere l’isolamento acustico e termico della casa. Se il cappotto viene applicato correttamente, non solo è possibile usufruire di un risparmio energetico notevole, ma permette di mantenere alte le temperature durante l’inverno e di impedire ai raggi solari di penetrare all’interno e riscaldare le stanze durante l’estate.

L’installazione del cappotto viene fatta solitamente all’esterno, se lo spazio lo consente. Questa soluzione è quella migliore poiché permette di isolare al meglio i muri ed evitare i ponti termici, ovvero zone fredde causate da problemi di discontinuità. Inoltre, il cappotto esterno è utile anche per prevenire danni alle pareti, come ad esempio muffa e crepe.

Rispetto a quello interno, l’isolamento esterno potrebbe risultare più costoso, soprattutto in caso di edifici alti o se si presentano difficoltà nel posizionare i pannelli.

Isolamento termico

Quando scegliere un cappotto interno

L’isolamento termico interno prevede l’uso di pannelli con spessori ridotti rispetto a quelli esterni. In genere questa pratica è molto diffusa negli edifici urbani in cui è difficile intervenire sulle pareti esterne. Questa soluzione presenta costi minori e tempi di posa brevi.

Il principale svantaggio consiste nel vedere ridotti gli spazi all’interno a causa proprio dallo spessore dei pannelli sulle pareti.

Materiali isolanti per il cappotto termico

La scelta del materiale è strettamente legata a una valutazione tecnica che ci permette di capire la convenienza di ciascun materiale. La valutazione tiene conto della:

  • densità del materiale, un elemento che influenza l’inerzia termica della parete. In genere è meglio optare per isolanti con una densità elevata, maggiore a 130kg/mc;
  • conducibilità termica, ovvero la capacità del materiale di trasmettere calore. Maggiore è il suo valore e meno isolante risulterà il materiale.

I materiali che abbiamo a disposizione sono: sintetici, di origine minerale e naturali.

Cappotto isolante con materiali sintetici

I materiali sintetici sono tra quelli più usati poiché hanno un costo decisamente inferiore e hanno un’ottima resa isolante. Tra i più comuni abbiamo il polistirene, che può essere espanso o estruso, e il PVC. Oltre a essere più economici, questi pannelli sono facilmente reperibili ed è più facile trovare un’azienda per la posa.

La conducibilità termica (lambda) è di circa 0,03 W/mK.

Quali sono gli svantaggi di questi materiali?

  • Sono difficili da smaltire.
  • Sono molto leggeri e garantiscono un minor sfasamento termico.
  • Hanno una bassa resistenza al fuoco e una scarsa resistenza meccanica.

Cappotto termico con materiali minerali

Il cappotto con materiali minerali viene realizzato in fibra di vetro oppure in lana di roccia. Questi materiali sono considerati eccellenti sia dal punto di vista termico che acustico. Inoltre richiedono dei tempi di lavorazione più lunghi. Per queste ragioni risultano più costosi rispetto ai pannelli sintetici.

I pannelli minerali hanno una maggiore resistenza al fuoco e alle sollecitazioni meccaniche e una lambda elevata.

Tra gli svantaggi troviamo senza dubbio il costo elevato e la difficoltà nella posa. Questi materiali sono nocivi se entrano in contatto con la pelle o le vie respiratorie.

Cappotto con pannelli naturali

Le attenzioni verso l’ambiente hanno portato allo sviluppo di materiali naturali, efficienti e sostenibili. Il legno, il sughero, la cellulosa e la lana di pecora, sono materiali che vengono impiegati per realizzare cappotti termici per l’isolamento degli edifici. Si tratta di prodotti con un buon isolamento termico e una buona resistenza nel tempo. I costi sono più alti proprio a causa delle proprietà naturali dei materiali e del loro recente ingresso sul mercato.

Lavori in questo campo e cerchi un corso per saperne di più? Segui il nostro corso sui cappotti termici!

Professional USB

Il Blog di Unione Professionisti è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata al mondo del lavoro e delle libere professioni. Con i professionisti ci rapportiamo e confrontiamo ogni giorno per fornire un'informazione dettagliata a 360 gradi. Il nostro staff di collaboratori è composto da giornalisti, professionisti, esperti in formazione professionale, grafici, esponenti del mondo imprenditoriale e non solo. Oltre alle classiche news, alle guide tecniche, agli approfondimenti tematici, alle segnalazioni di opportunità lavorative, offriamo anche un utile servizio di documenti in pdf (normative, fac-simile, modulistica … ) liberamente scaricabili e riutilizzabili.

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Non ci sono ancora commenti, ma puoi essere il primo a commentare questo articolo.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi contrassegnati con * sono obbligatori*

p class="comment-form-comment">