Fatturazione elettronica: le risposte della CNA ai tanti quesiti dei professionisti italiani

Fatturazione elettronica. Le risposte ai quesiti più frequenti nella videoconferenza con l'Agenzia delle Entrate

Valuta questo articolo

Fatturazione elettronica: le risposte della CNA ai tanti quesiti dei professionisti italiani Totale 5.00 / 5 1 Voti

Più di 10 mila imprenditori collegati da 100 sedi CNA hanno seguito ieri la videoconferenza dedicata alla fatturazione elettronica che entrerà in vigore dal 1° gennaio 2019. Un’iniziativa che ha avuto un grande riscontro in tutte le sedi collegate.

Sono stati illustrati gli strumenti messi a disposizione dell’Agenzia delle Entrate per gestire tutto il processo di fatturazione elettronica, la cui gratuità è stata ottenuta anche grazie al lavoro della CNA nell’iter parlamentare della scorsa Legge di Bilancio.

La CNA ha presentato il software messo a disposizione delle imprese associate e realizzato dalla società Sixtema che consente di integrare alla contabilità l’emissione, la trasmissione e la conservazione delle fatture elettroniche.

Nel corso della videoconferenza il vice direttore dell’Agenzia delle Entrate Paolo Savini ha dato importanti anticipazioni sulla semplificazione delle attività che gli intermediari, come la CNA, avranno a disposizione per assistere le imprese a gestire l’intero processo della fatturazione elettronica.

In particolare Savini ha anticipato che, dalla prima settimana di novembre, sarà disponibile una procedura telematica che semplificherà le attuali modalità di conferimento delle deleghe. La procedura consentirà agli uffici della CNA che assisteranno le imprese di inviare telematicamente all’Agenzia delle Entrate un flusso massivo con la lista di tutti i clienti che gli hanno conferito delega. A tal fine, Ie CNA potranno trasmettere all’Agenzia delle Entrate un’autocertificazione in cui attesta che le deleghe cartacee ricevute dai propri assistiti sono conservate presso la sua sede e all’occorrenza, in caso di verifiche, saranno rese disponibili agli organi di controllo. Nel rispetto della legge sulla privacy, le CNA dovranno altresì fornire alcuni elementi di riscontro, ad esempio dati relativi alla dichiarazione IVA del proprio assistito, volti a provare l’effettiva esistenza di un rapporto tra le parti.

A breve sarà disponibile anche un servizio che consentirà alla CNA la registrazione massiva degli indirizzi telematici presso cui i propri assistiti riceveranno le fatture di acquisto. Sarà, altresì, possibile scaricare in maniera massiva le fatture delle imprese assistite che confluiranno direttamente nell’area riserva degli uffici CNA così evitando, come accade oggi, di dover entrare nell’area riservata del singolo cliente ed accreditarsi ad ogni accesso.

“La semplificazione degli adempimenti per gli intermediari potrà migliorare la qualità del servizio offerto alle imprese” ha detto dice Claudio Carpentieri, Responsabile del Dipartimento Politiche fiscali e societarie CNA.

Unipro Day
Redazione

Il Blog di Unione Professionisti è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata al mondo del lavoro e delle libere professioni. Con i professionisti ci rapportiamo e confrontiamo ogni giorno per fornire un'informazione dettagliata a 360 gradi. Il nostro staff di collaboratori è composto da giornalisti, professionisti, esperti in formazione professionale, grafici, esponenti del mondo imprenditoriale e non solo. Oltre alle classiche news, alle guide tecniche, agli approfondimenti tematici, alle segnalazioni di opportunità lavorative, offriamo anche un utile servizio di documenti in pdf (normative, fac-simile, modulistica … ) liberamente scaricabili e riutilizzabili.