Deposito telematico CTU: come depositare telematicamente la CTU

Corso CTU

Valuta questo articolo

Sei il primo. Vota Ora!!!

Un processo telematico è definito tale in quanto le attività che lo compongono si avvalgono di strumenti informatici, attività che fino a non molto tempo fa venivano svolte su carta e che oggi avvengono da remoto. Questo consente di poter verificare i documenti online, risparmiando tempo e riducendo i costi. Ma per poter depositare un atto è necessario redigerlo seguendo accuratamente le linee guida, pena la non validità del documento stesso.

Come si deposita la CTU e quali sono le fasi da ricordare?

Invio telematico della CTU

Per prima cosa hai bisogno della firma digitale, indispensabile se desideri procedere con il deposito della CTU in via telematica ma non solo. Per farlo potrai scegliere numerosi software online, scegliendo tra quelli più affidabili e rinomati, oppure potrai chiedere direttamente alla Camera di Commercio.

La deposizione in modo regolare serviranno le controdeduzioni CTU e la relazione con le rispettive valutazioni. Le relazioni devono poi essere inviate via PEC alla cancelleria telematica distrettuale.

Grazie all’uso della firma digitale potrai generale la busta telematica CTU, uno strumento informatico che ti assicura la massima riservatezza della documentazione che stai inviando.

Proprio come accade per il giuramento telematico CTU possiamo quindi sfruttare gli strumenti digitali anche per il deposito della CTU. Vediamo come fare.

Come avviene il deposito telematico?

Il deposito della CTU, ex art. 195 c.p.c., deve depositare in cancelleria 4 relazioni:

  • la CTU;
  • le due controdeduzioni (le due Consulenze Tecniche di Parte);
  • la valutazione sulle controdeduzioni.

Il CTU deve quindi inviare le relazioni, inclusi eventuali allegati come verbali e disegni, il tutto tramite PEC alla cancelleria.

Per farlo, oltre alla firma digitale, è necessario dotarsi del software per la creazione di un c.d. “busta telematica” al cui interno troviamo tutti i documenti da inviare in cancelleria. Una volta creato il file, che include tutto ad eccezione della richiesta di liquidazione sarà necessario salvare tutto in PDF nativo, quindi senza scansioni.

L’invio può avvenire tramite SLPCT, un software gratuito, in pochi semplici passaggi. Dopo aver caricato i file, dovrai selezionare il Tribunale di riferimento a cui vuoi inviare gli atti, il numero e l’anno del procedimento, proseguire con il deposito della perizia e procedere con l’aggiunta della firma per creare la busta telematica.

Ricorda di inserire la chiavetta per la Firma Digitale prima di cliccare su “firma tutto”. Dopodiché potrai visualizzare il confronto e spuntare la casella relativa alla conformità. Il sistema ti chiederà di inserire il PIN per completare la firma digitale e completare la creazione della busta telematica da salvare sul desktop del pc. La busta in .enc è pronta per essere inviata alla cancelleria tramite PEC.

Vuoi diventare CTU e fornire supporto ai giudici nei processi per individuare la giusta sentenza? Segui il nostro Corso CTU!

Corsi Academy

Il Blog di Unione Professionisti è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata al mondo del lavoro e delle libere professioni. Con i professionisti ci rapportiamo e confrontiamo ogni giorno per fornire un'informazione dettagliata a 360 gradi. Il nostro staff di collaboratori è composto da giornalisti, professionisti, esperti in formazione professionale, grafici, esponenti del mondo imprenditoriale e non solo. Oltre alle classiche news, alle guide tecniche, agli approfondimenti tematici, alle segnalazioni di opportunità lavorative, offriamo anche un utile servizio di documenti in pdf (normative, fac-simile, modulistica … ) liberamente scaricabili e riutilizzabili.

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Non ci sono ancora commenti, ma puoi essere il primo a commentare questo articolo.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi contrassegnati con * sono obbligatori*

p class="comment-form-comment">