Decreto fiscale, è in vigore la legge di conversione pubblicata in Gazzetta

È in vigore da mercoledì 6 dicembre 2017 la legge di conversione del decreto fiscale collegato alla Manovra 2018. Si tratta della Legge 4 dicembre 2017, n. 172 recante “Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 16 ottobre 2017, n. 148, recante disposizioni urgenti in materia finanziaria e per esigenze indifferibili. Modifica alla disciplina dell'estinzione del reato per condotte riparatorie.”, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n.284 del 5 dicembre 2017.

Valuta questo articolo

Decreto fiscale, è in vigore la legge di conversione pubblicata in Gazzetta Totale 5.00 / 5 2 Voti

È in vigore da mercoledì 6 dicembre 2017 la legge di conversione del decreto fiscale collegato alla Manovra 2018. Si tratta della Legge 4 dicembre 2017, n. 172 recante “Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 16 ottobre 2017, n. 148, recante disposizioni urgenti in materia finanziaria e per esigenze indifferibili. Modifica alla disciplina dell’estinzione del reato per condotte riparatorie.”, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n.284 del 5 dicembre 2017.

Agevolazioni Industria 4.0 nel 2018: credito d’imposta formazione professionale. Per tutte le imprese, indipendentemente da forma giuridica, settore o regime contabile applicato, la legge di stabilità cosi come approvata dal SENATO riconosce un credito d’imposta nella misura del 40% delle spese sostenute al fine di implementare la formazione del personale nell’ambito del piano Industria 4.0. Il credito d’imposta è riconosciuto in ragione delle spese sostenute in attività di formazione a decorrere dal periodo d’imposta successivo al 31 dicembre 2017. Saranno agevolate le spese sostenute nel 2018 e i benefici verranno riconosciuti con la dichiarazione dei redditi 2019.

L’incentivo è riconosciuto in relazione al solo costo del personale dipendente impiegato nelle attività di formazione riconosciute dalla Legge di Bilancio 2018 e pattuite attraverso contratti collettivi aziendali o territoriali.

Le attività di formazione professionale riconosciute ed ammesse al credito d’imposta per la formazione 4.0 riguardano i seguenti ambiti:

  • big data e analisi dei dati

  • cloud e fog computing

  • cyber security

  • sistemi cyber-fisici

  • prototipazione rapida

  • sistemi di visualizzazione e realtà aumentata

  • robotica avanzata e collaborativa

  • interfaccia uomo macchina

  • manifattura additiva

  • internet delle cose e delle macchine

  • integrazione digitale dei processi aziendali

Per ciascuna impresa che investirà nella formazione del personale dipendente verrà riconosciuto un credito d’imposta d’importo massimo pari a 300.000 euro all’anno da usare esclusivamente in compensazione, con un totale di 250 milioni di euro stanziati dalla Legge di Bilancio 2018. Ai fini dell’ammissibilità al credito d’imposta, i costi dovranno essere certificati dal soggetto incaricato della revisione legale o da un professionista iscritto nel Registro dei revisori legali.

Equo compenso per tutti i professionisti. Approvato in via definitiva dalla Camera dei Deputati lo scorso 30 novembre, il provvedimento introduce con l’articolo 19-quaterdecies disposizioni volte a garantire all’avvocato, nonché a tutti gli altri lavoratori autonomi, il diritto a percepire un equo compenso nei rapporti con clienti diversi dai consumatori ovvero con i clienti c.d. «forti», come banche e assicurazioni. Inoltre è modificata la legge forense escludendo, per gli avvocati, l’obbligo di polizza per gli infortuni occorsi nell’esercizio dell’attività professionale (art. 19-novies).

Regime di sostegno alla cogenerazione per teleriscaldamento. L’articolo 19-decies stabilisce che “gli interventi su unita’ di cogenerazione che non rientrano nella definizione di rifacimento ai sensi dell’articolo 2, comma 1, lettera b), del decreto del Ministro dello sviluppo economico 5 settembre 2011, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 218 del 19 settembre 2011, ma che comportano un incremento della producibilita’ termica finalizzato al mantenimento o raggiungimento di un assetto di sistema di teleriscaldamento efficiente ai sensi dell’articolo 2, comma 2, lettera tt), del decreto legislativo 4 luglio 2014, n. 102, e che si abbinano ad un’estensione della rete in termini di aumento della capacita’ di trasporto, accedono al regime di sostegno di cui all’articolo 6, commi 1 e 2, del decreto legislativo 8 febbraio 2007, n. 20, secondo i valori di rendimento fissati nel regolamento delegato (UE) 2015/2402 della Commissione, del 12 ottobre 2015. Il Ministro dello sviluppo economico definisce criteri e modalita’ di accesso al regime di sostegno con apposito decreto da emanare entro novanta giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto”.

Tutte le news in materia fiscale. In materia fiscale, il dossier della Camera segnala in primo luogo la parziale sterilizzazione degli aumenti delle aliquote IVA per il 2018 e accise per il 2019, che viene completata nel ddl di bilancio 2018 (articolo 5).

Altri interventi in materia fiscale e di entrata riguardano:

  • la riammissione alla definizione agevolata (cd. rottamazione delle cartelle), la proroga delle rate scadute nel 2017 e l’estensione del beneficio ai carichi affidati fino al 30 settembre 2017 (articolo 1);

  • la facoltà dei contribuenti di effettuare le comunicazioni IVA con cadenza semestrale e la disapplicazione delle sanzioni per il primo semestre 2017 (articolo 1-quater);

  • la sospensione dei versamenti e adempimenti tributari nei comuni di Livorno, Rosignano Marittimo e Collesalvetti colpiti dall’alluvione del 9 settembre 2017; la proroga al 30 settembre 2018 dei versamenti e gli adempimenti tributari nei comuni colpiti dal sisma del 21 agosto 2017 sull’isola di Ischia, nonché gli stanziamenti per favorire la ricostruzione e la ripresa economica (articolo 2);

  • per i territori colpiti dal sisma in Centro Italia del 2016 e 2017, la proroga al 31 maggio 2018 per gli adempimenti e i pagamenti dei contributi previdenziali e assistenziali e i premi per l’assicurazione obbligatoria (articolo 2), la proroga al 31 dicembre 2018 del termine di sospensione dei mutui e finanziamenti a favore delle attività economiche e produttive e dei soggetti privati per i mutui relativi alla prima casa di abitazione, inagibile o distrutta (la proroga è al 31 dicembre 2020 se localizzate in una ‘zona rossa’) e la ripresa della riscossione dal 1° giugno 2018 (articolo 2-bis);

  • l’estensione dello split payment a enti pubblici economici, fondazioni partecipate, nonché società controllate e partecipate da amministrazioni pubbliche (articolo 3);

  • l’anticipo del credito di imposta per gli investimenti pubblicitari sulla stampa, anche online, e sulle emittenti locali, esteso anche agli enti non commerciali (articolo 4);

  • l’incremento di 130 milioni di euro per l’anno 2020 del Fondo per la riduzione della pressione fiscale (articolo 20, comma 2).

Interventi a sostegno delle imprese. Sotto il profilo degli interventi a sostegno delle imprese, si segnala, in primo luogo, l’introduzione di una nuova finalizzazione del Fondo crescita sostenibile che viene destinato anche agli interventi a favore di imprese in crisi di grande dimensione che siano in stato di insolvenza, con lavoratori subordinati non inferiori a 500 unità e che presentano rilevanti difficoltà finanziarie ai fini della continuazione delle attività produttive e del mantenimento dei livelli occupazionali. Per tale specifica nuova finalità, l’articolo incrementa il Fondo di 300 milioni di euro per il 2018 (articolo 11).

Si  incrementa il Fondo di garanzia per le PMI e si inserisce Cassa Depositi e Prestiti tra i soggetti abilitati ad aumentare la dotazione del Fondo (articolo 9).

Si interviene inoltre sulla disciplina della misura di sostegno a favore dei giovani imprenditori nel Mezzogiorno, denominata «Resto al Sud», con particolare riguardo agli oneri della convenzione stipulata tra Presidenza del Consiglio dei Ministri e Invitalia, nonché al requisito del limite di età per i beneficiari (articolo 11, commi 2-bis e 2-ter).

Altri Interventi a sostegno delle imprese.

Estensione ai liberi professionisti non organizzati in ordini o collegi della possibilità di partecipazione ai confidi (articolo 9-bis).

Estensione della firma digitale alla sottoscrizione di determinati atti di natura fiscale concernenti le imprese (articolo 11-bis).

Possibilità per il Consiglio delle Camere di commercio di essere rinnovato per due volte invece che per una sola volta (articolo 13, comma 1-bis).

Fissazione al 1° dicembre 2018 del termine per l’avvio dell’operatività dell’Albo unico dei consulenti finanziari e dell’Organismo di vigilanza (articolo 13, comma 1-ter).

introduzione, in materia di trasparenza societaria, della c.d. norma anti-scorrerie, che estende gli obblighi di comunicazione per chi acquisisca una partecipazione rilevante in una società quotata (articolo 13).

Estensione al settore della cd. alta tecnologia l’esercizio dei poteri speciali del Governo in ordine alla governance di società strategiche (golden power). Si prevede inoltre una sanzione amministrativa pecuniaria per la violazione degli obblighi di notifica funzionali all’esercizio di tali poteri (articolo 14).

Ambiente. In materia di ambiente si segnala: l’assegnazione di 27 milioni di euro per l’anno 2017 al soggetto attuatore degli interventi di bonifica ambientale e rigenerazione urbana del comprensorio Bagnoli-Coroglio (art. 17, co. 1). Il trasferimento al Comune di Matera, ”Capitale europea della cultura 2019”, di 3 milioni di euro per l’anno 2017 per interventi di bonifica ambientale e rigenerazione urbana (art. 17, co. 2). L’attribuzione ai comuni delle valutazioni di incidenza di opere edilizie minori, da realizzare nei siti di importanza comunitaria, anche per i siti che interessano il territorio di più comuni (art. 17-bis).

L’inclusione degli enti gestori delle aree protette per l’accesso al riparto della quota del 5 per mille (art. 17-ter). L’estensione dei contributi ai comuni in zone a rischio sismico alle spese di progettazione definitiva ed esecutiva di interventi di adeguamento antisismico di immobili pubblici e messa in sicurezza del territorio, con 10 milioni di euro in più per ciascuno degli anni 2018-2019 (art. 17-quater, co. 1-2). L’utilizzo di quota parte dei proventi delle aste delle quote di emissione di CO2 per coprire gli oneri derivanti dal decreto-legge (art. 17, co. 3, e art. 20, co. 5 e 7).

Realizzazione delle infrastrutture. In materia di infrastrutture si segnala: l’introduzione delle spese di progettazione per opere pubbliche, tra le finalità a cui possono essere destinati i proventi dei titoli abilitativi edilizi e delle sanzioni in materia edilizia (art. 1-bis). L’introduzione di una specifica disciplina sul riaffidamento di alcune concessioni autostradali scadute (A22 Brennero-Modena, A4 Venezia-Trieste, A28 Portogruaro-Pordenone, raccordo Villesse-Gorizia) e sulla stipula delle relative convenzioni di concessione, nonché l’attribuzione al Ministero delle infrastrutture e dei trasporti delle funzioni di concedente (art. 13-bis).

L’autorizzazione di spesa, nel limite di 35 milioni di euro per il 2017, per interventi di messa in sicurezza delle infrastrutture stradali provinciali di connessione insistenti sul fiume Po (art. 15-quater). L’introduzione di disposizioni volte: ad integrare i criteri di priorità per l’assegnazione degli spazi finanziari agli enti locali per l’effettuazione di investimenti; a prevedere la stipula di una convenzione tra Ministero delle infrastrutture e Cassa depositi e prestiti per la progettazione delle infrastrutture prioritarie; nonché a disciplinare la destinazione delle risorse del Fondo per la progettazione di fattibilità e per il project review delle infrastrutture prioritarie (art. 17-quater, commi 3-5).

L’autorizzazione di spesa, per 100.000 euro per l’anno 2017 e 1,5 milioni di euro a decorrere dal 2018, per assicurare la gestione, il funzionamento e l’implementazione delle nuove funzionalità della banca dati nazionale degli operatori economici, gestita dal Ministero delle infrastrutture e dei trasporti (art. 19-quater).

Emergenze di Protezione Civile. Sospensione dei termini dei versamenti e degli adempimenti tributari a favore dei soggetti residenti nel territorio dei comuni di Livorno, Rosignano Marittimo e di Collesalvetti (provincia di Livorno) colpiti dall’alluvione del 9 settembre 2017 (art. 2, co. 1-5).

Introduzione di misure più favorevoli per l’adempimento degli obblighi tributari e contributivi nei comuni di Casamicciola Terme, Forio e Lacco Ameno colpiti dal sisma del 21 agosto 2017 sull’isola di Ischia, nonché di stanziamenti per favorire la ricostruzione (30 milioni) e la ripresa economica (10 milioni) a Ischia (art. 2, commi da 5-bis a 6-undecies).

Proroga al 31 maggio 2018 del termine per gli adempimenti e i pagamenti dei contributi previdenziali e assistenziali e dei premi per l’assicurazione, per i territori del Centro Italia colpiti dagli eventi sismici del 2016-2017 e, per gli stessi territori, la precisazione che l’indicazione delle imprese affidatarie dei lavori di ricostruzione deve avvenire dopo l’approvazione definitiva del progetto da parte degli Uffici Speciali per la Ricostruzione (art. 2, co. 7 e 7-bis), nonché una serie di disposizioni volte a integrare la disciplina per la ricostruzione (art. 2-bis, commi 1-29).

Una serie di disposizioni riguardanti i territori colpiti dagli eventi sismici verificatisi in Abruzzo il 6 aprile 2009 (art. 2-bis, co. 30-42) e i territori colpiti dagli eventi sismici verificatisi nelle regioni Emilia-Romagna, Lombardia e Veneto nel mese di maggio 2012 (art. 2-bis, commi 43-44).

Crediti Geometri
Mauro Melis

Giornalista, Fotoreporter, Copywriter, Blogger, Web Writer, Addetto Stampa per giornali, riviste, enti pubblici e blog aziendali. Provo a descrivere il loro mondo e le loro storie, le loro passioni e le loro idee. "Tutto quello che ho per difendermi è l’alfabeto; è quanto mi hanno dato al posto di un fucile" P.R.