Come creare superfici con Rhinoceros: guida pratica

Corso Rhinoceros 3D base

Valuta questo articolo

Sei il primo. Vota Ora!!!

Tra i programmi più usati dai professionisti che si trovano ad avere a che fare con la modellazione 3D troviamo Rhinoceros. La ragione è che questo programma è molto semplice e intuitivo, è versatile e può essere integrato facilmente con plugin molto utili, come ad esempio T-Splines e Grasshopper. Per questo motivo oggi è considerato il software per la modellazione 3D più usato dai professionisti.

Nonostante la sua semplicità di utilizzo occorre fare tanta pratica per riuscire a padroneggiarlo bene e saper utilizzare tutte le sue funzionalità. Pensa ad esempio alle curve di livello con Rhinoceros, sono semplici da intuire ma per saperle usare in modo disinvolto occorre fare molta pratica ed esercitarsi a dovere.

Come modellare le superfici?

Una superficie è come un foglio rettangolare di gomma deformabile. Le rappresentazioni NURBS (Non-Uniform Rational B-Splines, ovvero rappresentazioni matematiche della geometria 3D, che definiscono con precisione qualunque forma) vanno da semplici forme, come ad esempio piani e cilindri, a superfici freeform organiche di elevata complessità.

In Rhinoceros tutti i comandi di creazione di superfici portano allo stesso oggetto, ovvero una superficie NURBS. Grazie agli strumenti offerti dal software è possibile costruire le superfici direttamente oppure a partire da curve preesistenti. La creazione di superfici da curve in alcuni casi si rivela la soluzione più semplice e immediata rispetto alla costruzione da zero.

Abbiamo detto che tutte le superfici NURBS hanno una struttura tipicamente rettangolare. Anche nel caso di superfici chiuse, come un cilindro, sono pensate come fogli rettangolari avvolti in modo da avere i due bordi opposti che combaciano.

Anche una superficie chiusa, come un cilindro, può essere pensata come un foglio rettangolare, avvolto in modo tale che i due bordi opposti combacino. Il punto il cui i bordi combaciano viene chiamata “giunzione”.

Una superficie può presentare una forma non rettangolare se risulta ritagliata oppure se i punti di controllo dei bordi sono stati spostati.

Disegnare una superficie

Per disegnare una superficie è possibile selezionare la funzione “piano” per disegnare la superficie su pianta rettangolare. In alternativa è possibile scegliere la funzione “Riquadro Immagine” per disegna una superficie planare rettangolare con una texture bitmap.

Disegnare una superficie da punti

In questo caso è possibile scegliere tra quattro diverse funzioni:

  • Piano Attraverso Pt: per creare una superficie planare rettangolare facendola passare per più punti;
  • Srf Griglia Pt Controllo: per creare una superficie a partire da una griglia di punti di controllo di una superficie;
  • SrfPt: per creare una superficie a partire da tre o quattro vertici;
  • Srf Griglia Pt: per creare una superficie a partire da una griglia di punti sulla superficie.

Disegnare una superficie da altre superfici

Possiamo scegliere di creare una superficie anche a partire da altre superfici. In questo caso le soluzioni che abbiamo a disposizione sono:

  • Piano Di Taglio: utile per creare una superficie planare che taglia gli oggetti nei punti indicati;
  • Offset Srf: per creare la copia di una superficie parallelamente a quella originale;
  • Offset Srf Variabile: rispetto alla precedente, consente di creare la copia di una superficie a distanze variabili rispetto alla superficie originale;
  • Drappo: per creare una superficie passante per le intersezioni tra gli oggetti ed i punti proiettati verso il piano di costruzione;
  • Sviluppa Srf: per creare una superficie o polisuperficie con curvatura in una direzione in una superficie planare.

Disegnare una superficie da curve

Con Rhinoceros è possibile creare una superficie anche a partire da curve. In questo caso le opzioni che abbiamo a disposizione sono:

  • Estrudi Crv: una guida per creare curve planari chiuse lungo una linea retta;
  • Loft: per far passare una superficie per una serie di curve di profilo che vanno a definire la forma;
  • Srf Rete Crv: per creare una superficie facendola passare per una rete di curve intersecanti;
  • Srf Curve Di Bordo: per disegnare una superficie a partire da due, tre oppure quattro curve;
  • Rivoluzione Su Binario: per sottoporre a rivoluzione una curva di profilo attorno ad un asse e lungo una curva di binario;
  • Rivoluzione: per creare una superficie per rivoluzione di una curva di profilo attorno ad un asse;
  • Estrudi Crv Norm ASrf: per estrudere una curva su una superficie in direzione normale alla superficie;
  • Patch: per disegnare una superficie facendola passare le curve e gli oggetti punto specificati;
  • Srf Da Crv Piane: per creare una superficie piana a partire da curve piane;
  • Nastro: per eseguire l’offset di una curva e crea una superficie rigata tra le curve;
  • Sweep1 e Sweep2: il primo per creare la superficie facendola passare per una serie di curve di profilo ed una curva di bordo e la seconda per farla passare da una serie di curve di profilo e due curve di bordo.

Vuoi sapere come utilizzare in modo professionale questo software per la modellazione 3D? Segui il nostro Corso Rhinoceros e scopri tutte le funzionalità per migliorare la qualità dei tuoi progetti grafici!

Corsi Academy

Il Blog di Unione Professionisti è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata al mondo del lavoro e delle libere professioni. Con i professionisti ci rapportiamo e confrontiamo ogni giorno per fornire un'informazione dettagliata a 360 gradi. Il nostro staff di collaboratori è composto da giornalisti, professionisti, esperti in formazione professionale, grafici, esponenti del mondo imprenditoriale e non solo. Oltre alle classiche news, alle guide tecniche, agli approfondimenti tematici, alle segnalazioni di opportunità lavorative, offriamo anche un utile servizio di documenti in pdf (normative, fac-simile, modulistica … ) liberamente scaricabili e riutilizzabili.

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Non ci sono ancora commenti, ma puoi essere il primo a commentare questo articolo.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi contrassegnati con * sono obbligatori*

p class="comment-form-comment">