Stalking condominiale, vicino condannato ad un anno di reclusione dal Tribunale di Firenze

Promotore finanziario condannato per stalking condominiale ad un anno di reclusione dal tribunale di Firenze per aver trasformato in un inferno la vita dei vicini.

Valuta questo articolo

Stalking condominiale, vicino condannato ad un anno di reclusione dal Tribunale di Firenze Totale 5.00 / 5 2 Voti

E’ stato condannato per stalking condominiale ad un anno di reclusione dal tribunale di Firenze per aver trasformato in un inferno la vita dei vicini.

Un promotore finanziario del posto dovrà versare alla coppia un anticipo di 6 mila euro sul futuro risarcimento che toccherà stabilire al tribunale civile. È la prima sentenza di condanna a Firenze per il reato di atti persecutori nei confronti dei vicini.

La vicenda ha inizio nel 2013, quando una coppia di sposi, dopo qualche lavoro di ristrutturazione, si trasferisce nella villa che confina con quella del promotore finanziario. I tre hanno in comune un cortile di 300 metri quadrati. I nuovi arrivati non sanno che il vicino da sempre aspira a diventare unico proprietario di quel pezzo di terra che già il vecchio proprietario si era rifiutato di vendergli. Si mostra gentile all’inizio e rinnova l’offerta di acquisto a moglie e marito.

Al nuovo diniego, l’uomo cambia. Mattina e sera, secondo l’accusa, sbucava da dietro le siepi per intimidire i vicini. Più volte ha minacciato di ‘farli fuori’ e una volta, così come ripreso dalle telecamere di videosorveglianza, ha lanciato un sasso contro il marito. Sebbene la Procura abbia chiesto per lui una misura cautelare, le angherie e i dispetti non finiscono. Ora la sentenza di condanna ad un anno.

Cosa è lo stalking condominiale

Lo stalking condominiale è quel reato commesso da chi pone in essere comportamenti molesti e persecutori nei confronti dei vicini di casa, tanto da ingenerare in loro un grave e perdurante stato di ansia, frustrazione e paura per sé o per i propri familiari e da costringerli a cambiare le proprie abitudini di vita.

Se il reato di stalking (rectius atti persecutori) di cui all’art. 612-bis c.p., nella sua accezione generale, è ormai entrato nel bagaglio conoscitivo anche dei non cultori del diritto, la figura dello stalking condominiale è ancora in fase di assorbimento. In realtà va comunque precisato che non si tratta di un’ipotesi speciale codificata dal legislatore, bensì di una particolare applicazione giurisprudenziale della figura criminosa, resa possibile dalla non del tutto tassativa formulazione degli elementi costitutivi della fattispecie legislativamente disciplinata.

Crediti Architetti
Mauro Melis

Giornalista, Fotoreporter, Copywriter, Blogger, Web Writer, Addetto Stampa per giornali, riviste, enti pubblici e blog aziendali. Provo a descrivere il loro mondo e le loro storie, le loro passioni e le loro idee. "Tutto quello che ho per difendermi è l’alfabeto; è quanto mi hanno dato al posto di un fucile" P.R.