Occupazione per il 47 per cento dei geometri diplomati presso gli istituti tecnici

E’ tempo di pre-iscrizioni alle scuole superiori e per tantissimi studenti della terza media si apre la fase di valutazione delle diverse opportunità a disposizione, per fare la scelta più idonea rispetto alle proprie capacità e inclinazioni, con un occhio al futuro professionale e alla possibilità di trovare lavoro in tempi brevi.

Corsi Crediti Geometri

Valuta questo articolo

Occupazione per il 47 per cento dei geometri diplomati presso gli istituti tecnici Totale 4.00 / 5 4 Voti

La scelta della scuola superiore è seguita con attenzione dai Collegi Provinciali dei Geometri diplomati e Geometri Laureati, grazie al progetto didattico “Georientiamoci. Una rotta per l’orientamento” che viene svolto nelle scuole secondarie di primo e secondo grado. In particolare, il Collegio territoriale di Cuneo lo ha fatto anche in occasione del recente convegno del 12 gennaio

E’ tempo di pre-iscrizioni alle scuole superiori e per tantissimi studenti della terza media si apre la fase di valutazione delle diverse opportunità a disposizione, per fare la scelta più idonea rispetto alle proprie capacità e inclinazioni, con un occhio al futuro professionale e alla possibilità di trovare lavoro in tempi brevi.

Per quanto riguarda gli Istituti tecnici, settore Tecnologico, indirizzo Costruzione, Ambiente e Territorio (CAT), con il progetto “Georientiamoci. Una rotta per l’orientamento” la Categoria professionale dei geometri, attraverso la Fondazione Geometri Italiani e i 110 Collegi provinciali dei Geometri e Geometri Laureati, ha oramai acquisito una lunga esperienza di orientamento allo studio e alla formazione. Il progetto di responsabilità sociale, giunto alla sua V edizione e volto a contrastare l’abbandono scolastico, si avvale dell’azione dei liberi professionisti che operano su tutto il territorio nazionale, affiancando sia gli studenti delle scuole secondarie di primo grado nella conoscenza più approfondita dell’offerta formativa degli Istituti CAT, sia i futuri geometri che stanno per diplomarsi, per favorire un rapido passaggio dalla scuola alla professione, con il progetto di Alternanza Scuola Lavoro.

Un protocollo d’intesa nazionale sul tema dell’Alternanza Scuola-Lavoro è stato infatti per la prima volta siglato fra il MIUR (Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca) e la Categoria professionale dei Geometri liberi professionisti rappresentata da CNGeGL (Consiglio Nazionale dei Geometri diplomati e Geometri Laureati).

L’accordo siglato ha l’obiettivo di “rafforzare il rapporto tra scuola e mondo lavoro” come spiega il Sottosegretario MIUR Gabriele Toccafondi: “l’alternanza ha bisogno di luoghi, imprenditori e professionisti e ne abbiamo necessità in tutta Italia. La firma di questo protocollo aprirà la possibilità per le scuole di avere al loro fianco professionisti iscritti all’albo, che metteranno a disposizione le loro competenze tecnico-professionali, integrando l’offerta formativa in riferimento alle competenze dello specifico mercato del lavoro”.

Crediti Architetti
Mauro Melis

Giornalista, Fotoreporter, Copywriter, Blogger, Web Writer, Addetto Stampa per giornali, riviste, enti pubblici e blog aziendali. Provo a descrivere il loro mondo e le loro storie, le loro passioni e le loro idee. "Tutto quello che ho per difendermi è l’alfabeto; è quanto mi hanno dato al posto di un fucile" P.R.