Cronoprogramma dei lavori: cos’è, come si redige e perché

Valuta questo articolo

Sei il primo. Vota Ora!!!

Il cronoprogramma di progetto è un diagramma finanziario dell’opera che presenta numerose funzioni tra cui:

  • specificare le modalità di distribuzione delle spese delle lavorazioni;
  • definire gli stati di avanzamento e le date da indicare nel capitolato speciale d’appalto.

Grazie al cronoprogramma possiamo vedere, in modo semplificato, i periodi di riferimento e gli importi da corrispondere, riassunti in una tabella con due colonne. Questo documento consentirà di individuare in breve tempo i tempi per il completamento dei lavori e i costi per ciascuna lavorazione. Il tratto riassuntivo rappresenta un vincolo di lettura, risultando talvolta difficile da interpretare nel modo giusto.

Per semplificare la lettura in genere si affianca ad una rappresentazione testuale e una grafica, per mezzo di un diagramma di Gantt o cartesiano. Nel caso del diagramma di Gantt ogni attività trova spazio e può essere individuato facilmente grazie a una barra la cui lunghezza rappresenta la durata prevista per l’esecuzione.

Il computo estimativo

Per una corretta pianificazione di un progetto è necessario avvalersi di un computo metrico estimativo che permette di raggruppare le lavorazioni in gruppi così da rende più chiara e lineare la programmazione. Tra queste voci troviamo:

  • impianti;
  • pavimenti;
  • tramezzi;
  • demolizioni;
  • strutture di fondazione;
  • strutture di elevazione;
  • etc.

Le voci variano in base al progetto di riferimento.

Come redigere un cronoprogramma dei lavori edili

Il cronoprogramma può essere realizzato grazie all’uso di software pensati proprio per questo scopo. Nello specifico, sarà necessario individuare uno strumento in grado di creare le varie fasi di lavoro così da visualizzarle nel cronoprogramma e organizzare le cartelle e le attività specifiche. Inoltre, dovrà permettere la creazione di un diagramma di Gantt e di gestire le diverse attività oggetto del programma, inclusi i periodi di attività. Inoltre, un buon programma deve essere in grado di individuare le date di emissione dei SAL, di generare un cronoprogramma per progetto e uno per l’esecuzione e di interrogare il piano finanziario.

Come gestire il cronoprogramma

Grazie al software per la generazione del cronoprogramma è possibile gestire in poche mosse alcune funzioni determinanti per la buona riuscita del progetto. Tra queste possiamo evidenziare:

  • programmare un calendario per individuare in automatico i giorni festivi e lavorativi;
  • scegliere il layout della tavola;
  • scegliere la scala cronologica in cui suddividere le attività;
  • definire una data di Inizio per attività, periodi o intero cronoprogramma;
  • rappresentare graficamente possibili sospensioni dei lavori;
  • etc.

Come gestire il piano finanziario

La gestione del piano finanziario è altrettanto importante in quanto consente di avere sempre sotto controllo la situazione economica del progetto, entrate e uscite, in relazione a:

  • pagamenti;
  • tempi di realizzazione;
  • fideiussioni;
  • anticipi;
  • etc.

Devi redigere un cronoprogramma per lavorazioni edili pubbliche o provate e non sai da cosa iniziare? Su Unione Professionisti puoi seguire il corso pianificazione del progetto e individuare le tecniche migliori per redigere un documento impeccabile!

Tutti I Corsi

Il Blog di Unione Professionisti è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata al mondo del lavoro e delle libere professioni. Con i professionisti ci rapportiamo e confrontiamo ogni giorno per fornire un'informazione dettagliata a 360 gradi. Il nostro staff di collaboratori è composto da giornalisti, professionisti, esperti in formazione professionale, grafici, esponenti del mondo imprenditoriale e non solo. Oltre alle classiche news, alle guide tecniche, agli approfondimenti tematici, alle segnalazioni di opportunità lavorative, offriamo anche un utile servizio di documenti in pdf (normative, fac-simile, modulistica … ) liberamente scaricabili e riutilizzabili.

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Non ci sono ancora commenti, ma puoi essere il primo a commentare questo articolo.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi contrassegnati con * sono obbligatori*

p class="comment-form-comment">