Come funziona il regime forfettario architetti e quando conviene

Corso base di Archicad

Valuta questo articolo

Sei il primo. Vota Ora!!!

Chi può accedere al regime forfettario 2021 e come fare

Possono accedere al regime forfettario solo gli architetti che svolgono la libera professione. Sono, invece, esclusi, coloro che partecipano a società di persone o associazioni, hanno srl o associazioni professionali nello stesso settore.

Chi vuole accedere già dall’inizio dell’attività deve farne richiesta durante l’apertura della partita IVA, mettendo una “x” sulla casella “Regime fiscale agevolato” del modello AA9/12.

Questo regime risulta conveniente per chi ha spese inferiori al 22% dei ricavi. Nel calcolo per stabilire la convenienza di questo regime bisogna tenere conto anche di affitto, spese personali e per familiari a carico, ovvero di quelle spese che non possono essere detratte dal reddito.

A differenza del regime ordinario, il limite per accedere è di avere un totale di compensi per anno che non superi i 65.000 euro.

Regime forfettario: in cosa consiste

Ecco le caratteristiche principali del regime forfettario:

  • per il calcolo delle tasse viene considerato il reddito imponibile calcolato sul 78% dei compensi percepiti al netto della detrazione forfetaria delle spese e dei contributi INARCASSA del 14,5%
  • tassa da versare all’INPS: per i primi cinque anni di attività al 5% e poi al 15%
  • non è necessario applicare l’IVA e non c’è l’obbligo di fattura elettronica, eccetto che per lavori svolti per la pubblica amministrazione
  • non serve la ritenuta d’acconto sulle fatture.

La tassazione ridotta al 5% per i primi cinque anni è un’interessante opportunità per gli architetti che dopo il praticantato continuano a lavorare per lo stesso Studio

Come previsto dall’Agenzia delle Entrate, questo risulta l’unico caso in cui è possibile continuare a svolgere la stessa attività. In particolare è possibile avere avuto:

  • avuto un contratto di collaborazione coordinata e continuativa (senza IVA)
  • svolto prestazioni occasionali.  
  • avuto un contratto di lavoro a tempo determinato per un periodo di tempo non superiore a 18 mesi.

Non ci sono vincoli invece sulla possibilità di lavorare per lo stesso committente.

Regime forfettario e contributo Inarcassa

Gli architetti che aprono la partita IVA sono obbligati a fare l’iscrizione a Inarcassa – Cassa Nazionale di Previdenza ed Assistenza per gli Ingegneri ed Architetti Liberi Professionisti.

Inoltre, è prevista la riduzione del contributo integrativo Inarcassa minimo da pagare di 1/3 per tutti gli iscritti con meno di 35 anni che lavorano come ingegneri e architetti, con partita Iva.

L’iscrizione, inoltre, comporterà per gli architetti l’obbligo di raggiungere ogni anno un numero specifico di CFP architetti, tranne per alcuni casi di esonero dai crediti formativi.

Tutti I Corsi

Il Blog di Unione Professionisti è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata al mondo del lavoro e delle libere professioni. Con i professionisti ci rapportiamo e confrontiamo ogni giorno per fornire un'informazione dettagliata a 360 gradi. Il nostro staff di collaboratori è composto da giornalisti, professionisti, esperti in formazione professionale, grafici, esponenti del mondo imprenditoriale e non solo. Oltre alle classiche news, alle guide tecniche, agli approfondimenti tematici, alle segnalazioni di opportunità lavorative, offriamo anche un utile servizio di documenti in pdf (normative, fac-simile, modulistica … ) liberamente scaricabili e riutilizzabili.

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Non ci sono ancora commenti, ma puoi essere il primo a commentare questo articolo.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi contrassegnati con * sono obbligatori*

p class="comment-form-comment">