Accensione riscaldamento 2019: i consigli di Assotermica per ridurre i consumi e fare la manutenzione della caldaia

Come ridurre i consumi e i costi in bolletta? La domanda è sempre tra le più cliccate sul web.Coe rispondete ai clienti che, giunti al periodo di accensione riscaldamento vi chiedono come fare per ridurre e ottimizzare i consumi?

Valuta questo articolo

Accensione riscaldamento 2019: i consigli di Assotermica per ridurre i consumi e fare la manutenzione della caldaia Totale 5.00 / 5 2 Voti

Come ridurre i consumi e i costi in bolletta? La domanda è sempre tra le più cliccate sul web. Ogni anno sono decine i clienti che, giunti al periodo di accensione riscaldamento ci interrogano su come come fare per ridurre e ottimizzare i consumi, come fare la manutenzione alla propria caldaia o ai propri termosifoni, come riscaldare nel miglior modo possibile la loro casa. Ma andiamo con ordine e cerchiamo di comprendere meglio le domande con l’aiuto di Federico Musazzi, segretario Assotermica ed esperto in materia.

“Un primo trucco che possiamo suggerire ai clienti – ci ricorda Musazzi – è quello di cercare di evitare di superare i 20 gradi all’interno della casa, di dormire a una temperatura più bassa, di abbassare le tapparelle durante le ore più fredde, già cosi possiamo ridurre del 50% la dispersione di calore.”

Un mito da sfatare invece è quello del ricambio d’aria la mattina. NON servono lunghi periodi per eliminare l’aria viziata dagli appartamenti, 5 – 10 minuti sono più che sufficienti.

E il riscaldamento? Come bisogna comportarsi per avere un sistema di riscaldamento sempre efficiente e pronto all’azione quando arriva il periodo di accensione?

La prima regola, come un po’ per tutto è PULIZIA. Pulire periodicamente caloriferi è una pratica corretta e salutare che ci permette di mantenere in buona salute il nostro impianto di riscaldamento. Stabilire gli orari di funzionamento della caldaia installando pratici sistemi di termoregolazione e controllo permette invece di ottimizzare il funzionamento della stessa in funzione delle abitudini della famiglia. E poi MANUTENZIONE. Effettuare una corretta manutenzione periodica dell’impianto

Subito prima o subito dopo il periodo che fa scattare l’accensione dei riscaldamenti è necessario far svolgere la manutenzione? Chi sono i professionisti che devono svolgere questo lavoro?

Diciamo subito che tutti gli impianti termici devono essere sottoposti a controlli periodici che hanno una duplice finalità:

  • garantire una maggiore sicurezza;
  • mantenere efficiente l’impianto per avere una bolletta meno cara.

Per quanto riguarda la sicurezza le tempistiche e le modalità sono definite dall’impresa installatrice o dal fabbricante della caldaia nel libretto d’uso e manutenzione. La periodicità è generalmente annuale. A fine lavoro, il manutentore ha l’obbligo di rilasciare un report della manutenzione e di compilare il libretto di impianto nelle parti pertinenti. La periodicità della verifica è stabilita per legge con scadenze temporali che possono essere anche più dilatate nel tempo.

N.B. Al termine delle operazioni di controllo il manutentore deve redigere e sottoscrivere il Rapporto di controllo di efficienza Energetica.

Una caldaia e/o un impianto di riscaldamento dopo 12 anni circa deve essere sostituito. Come riconoscere i segnali per comprendere quando è giutno il momento di sostituire la caldaia del vostro impianto di riscaldamento?

La vita media di una caldaia è generalmente superiore ai 10/12 anni, ma è bene considerare che anche grazie agli incentivi che oggi abbiamo in Italia il recupero dell’investimento è ben inferiore a questo periodo. Il suggerimento quindi è quello di controllare, anche grazie all’aiuto di un installatore professionista, se la sostituzione comporterebbe una sensibile riduzione dei consumi e conseguentemente della spesa in bolletta. Se la risposta è si la Caldaia deve essere sostituita. I nuovi apparecchi inoltre presentano l’etichetta energetica che comunica all’utente finale il livello di efficienza dell’apparecchio di riscaldamento con una scala di classi dalla A alla G. Le caldaie in classe A sono quelle a condensazione di moderna generazione e sono quelle più efficienti che garantiscono un miglior rapporto qualità prezzo e un minor consumo/spreco di energia

Professional USB
Mauro Melis

Giornalista, Fotoreporter, Copywriter, Blogger, Web Writer, Addetto Stampa per giornali, riviste, enti pubblici e blog aziendali. Provo a descrivere il loro mondo e le loro storie, le loro passioni e le loro idee. "Tutto quello che ho per difendermi è l’alfabeto; è quanto mi hanno dato al posto di un fucile" P.R.